Ars seduta del 09.05.2017, l'On Di Giacinto interviene sull' Avviso 8.

 

ARS

 Leggi l'articolo

Leggi l'articolo:  Ars, lavori d’aula rinviati al 18 maggio


 

Sintesi resoconto della seduta

Comunicazione delle determinazioni della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari

PRESIDENTE. Comunico che la Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari, riunitasi in data 9 maggio 2017, sotto la Presidenza del Presidente dell’Assemblea, On. Ardizzone, presenti il Vicepresidente vicario, On. Venturino, e il Vicepresidente, On. Lupo, e con la partecipazione del Presidente della Regione, dopo ampia discussione, ha deliberato quanto segue.

Gli emendamenti in materia di Consorzio autostrade siciliane (CAS) vengono estrapolati e trasmessi alla IV Commissione legislativa permanente al fine di esitare per l’Aula un disegno di legge autonomo da trattare a decorrere da giovedì 18 maggio 2017, prima della discussione del DDL cosiddetto collegato.

Tutti gli altri emendamenti presentati al DDL collegato sono trasmessi alle Commissioni di merito e alla Commissione Bilancio per l’espressione del parere di competenza.

L’Aula terrà quindi seduta giovedì 18 maggio 2017, alle ore 16.00, per la discussione - come già detto sopra - del DDL in materia di CAS e, a seguire, del DDL collegato.

L’Assemblea ne prende atto.

Congedi

PRESIDENTE. Comunico che hanno chiesto congedo, per oggi, gli onorevoli Foti, Zafarana e Trizzino.

L’Assemblea ne prende atto.

Ai sensi dell’articolo 83, comma 2, del Regolamento interno

FALCONE. Chiedo di parlare ai sensi dell’articolo 83, comma 2, del Regolamento interno.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

FALCONE. Signor Presidente, onorevoli colleghi, intervengo per rappresentare a quest’Aula, semideserta, un fatto increscioso e di un cortocircuito, secondo me, istituzionale che è capitato tra il Presidente della Regione siciliana ed il Parlamento. Dico ciò in merito alla vicenda della nomina del presidente dell’IRCAC, il presidente indicato e nominato dal Governatore Crocetta, nei confronti della cui nomina erano stati sollevati grossi dubbi o forse evidenti profili di illegittimità. In merito a questi profili lo stesso Presidente della Regione aveva trasmesso il decreto di nomina per il parere alla I Commissione perché la stessa potesse esprimere un parere politico. La I Commissione ha replicato che non esprime pareri politici ma soltanto pareri tecnici, rinviando il carteggio al mittente.

In quest’Aula qualche settimana fa ci eravamo determinati, quindi, in merito a un mio ordine del giorno che era stato sostenuto, sottoscritto da numerosissimi colleghi parlamentari ed era stato votato all’unanimità per bloccare le nomine del Presidente della Regione in merito all’IRCAC, fino a quando le stesse non fossero state vagliate e non fossero stati superati quei profili di illegittimità che presentassero.

Il Presidente della Regione, invece, in dispregio assoluto ed evidente nei confronti del Parlamento, ha proceduto oltre, dimenticando che un ordine del giorno votato all’unanimità, ancorché atto di

 

Assemblea Regionale Siciliana

10

XVI LEGISLATURA

425a SEDUTA

9 maggio 2017

indirizzo, ha una sua pregnanza politica, esprime una volontà, esprime un indirizzo politico chiaro che deriva dalla più alta Istituzione regionale.

Per questi motivi, signor Presidente, chiedo che questa Presidenza faccia una nota chiara di assoluto dissenso rispetto al comportamento, io dico irrispettoso, poco consono ad una dialettica e ad un rapporto leale, di leale collaborazione del presidente Rosario Crocetta nei confronti dell’Assemblea regionale siciliana.

Mi corre l’obbligo anche di dire che, comunque, nei confronti di quel provvedimento del Presidente della Regione pare, mi si dice non ne ho contezza, che ci siano anche dei ricorsi al Tribunale amministrativo regionale della sezione di Palermo per cui ad un contenzioso diciamo istituzionale si aggiunge anche un contenzioso giudiziario ancorché in sede amministrativa.

PRESIDENTE. E’ iscritto a parlare l’onorevole Di Giacinto. Ne ha facoltà.

DI GIACINTO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, vorrei sollevare un problema rispetto alla formazione professionale ed all’Avviso 8.

Ormai, quella dell’Avviso 8 è diventata una barzelletta perché, ancora oggi, siamo quasi a giugno, nulla è partito ed io non mi preoccupo soltanto dei formatori, che pure sono tanti, circa 20 mila che, ormai, da cinque anni non prendono più stipendio, non hanno più un lavoro stabile, non hanno un lavoro sicuro, ma mi preoccupo anche di quella platea che grazie all’Avviso 8 - e mi dispiace che non c’è l’Assessore perché eventualmente poteva rispondermi e darmi qualche informazione in più rispetto allo stato dell’arte -, ma leggiamo soprattutto sui giornali, soprattutto su quelli online, che ancora una volta il TAR ha chiesto, richiede, sta dando sospensive, non dà sospensive, e vorremmo capire cosa fa il Governo regionale rispetto a questa problematica ormai seria che doveva partire a gennaio, che doveva partire a febbraio, poi a marzo, adesso ad aprile, siamo a giugno ed ancora non

Ripeto, io non mi preoccupo soltanto dei 20 mila formatori, Presidente, perché dopo che è stata

pubblicata la graduatoria dell’Avviso 8 abbiamo fatto anche un’altra cosa. Abbiamo chiesto agli enti di fare un bando per andare a reclutare i ragazzi che dovevano fare formazione.

I ragazzi che si sono iscritti per la formazione professionale all’Avviso 8, le comunico che, in tutta la Sicilia, sono circa 40 mila, un numero inimmaginabile, un numero impensabile. Ma queste 40 mila persone stanno aspettando che partano i corsi professionali e, soprattutto, quelli relativi agli OSA.

Cosa sta succedendo? Siccome abbiamo messo in mezzo anche un’altra questione e cioè che da qui a fine anno ci saranno i concorsi della sanità, molte di queste persone che aspettano di andare a fare il concorso per diventare OSA negli ospedali pubblici, si stanno rivolgendo agli enti privati pagando 1.200, 1.500, 1.700 euro per fare un corso OSA senza che si riesca a far partire i nostri corsi professionali.

Chiaramente, questo va a penalizzare, Presidente, quelle persone che non hanno le condizioni di poter pagare un corso professionale a 1.500 euro e fanno arricchire quei corsiti e quelle associazioni che fanno i corsi a pagamento.

Per cui, le chiedo, Presidente, di fare riferire al Governo, al più presto possibile, relativamente ai bandi dell’Avviso 8 quando materialmente l’Assessorato, il Direttore generale, che così solerte ci ha detto in V Commissione che era tutto a posto e che nessuno avrebbe bloccato l’Avviso 8 ma, di fatto, fino ad oggi, non è partito, che qualcuno ci comunichi, in quest’Aula quando effettivamente sarà possibile veder partire un corso dell’Avviso 8.

PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, la seduta è rinviata a giovedì 18 maggio 2017, alle ore 16.00, con il seguente ordine del giorno:

I – COMUNICAZIONI


Assemblea Regionale Siciliana

11

XVI LEGISLATURA

425a SEDUTA

9 maggio 2017

II - DISCUSSIONE DEL DISEGNO DI LEGGE:

“Disposizioni programmatiche e correttive per l'anno 2017. Legge di stabilità regionale. Stralcio I”. (n. 1276 Stralcio I/A) (Seguito)

Relatore di maggioranza: on. Vinciullo

Relatore di minoranza: on. Cancelleri

La seduta è tolta alle ore 17.15

 

DAL SERVIZIO LAVORI D’AULA

Il Direttore dott. Mario Di Piazza

Il Consigliere parlamentare responsabile

dott.ssa Maria Cristina Pensovecchio

  • Visite: 3366