https://www.MotorDoctor.it' title=

Ex lsu ed appalti storici, la gioia degli aventi diritto, la richiesta di parere degli esclusi

miur

Ex lsu ed appalti storici, la gioia degli aventi diritto, la richiesta di parere degli esclusi

07.12.2019 - Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (Clicca qui -Gazzetta Ufficiale, comunicato sulla procedura di selezione per l'internalizzazione dei servizi) dove si legge che il giorno 9 dicembre 2019, sul sito internet  del Ministero   dell'istruzione,   dell'universita'   e   della   ricerca (www.miur.gov.it)  e  sui  siti  internet  degli  Uffici   scolastici regionali  verra'  pubblicato  il  bando  della  procedura  selettiva riservata al personale impegnato per almeno  dieci  anni,  anche  non continuativi,  purche'  includano  il  2018  e  il  2019,  presso  le istituzioni scolastiche ed educative statali, per lo  svolgimento  di servizi di pulizia e ausiliari, in qualita'  di  dipendente  a  tempo indeterminato di imprese titolari di contratti per lo svolgimento dei predetti servizi; sui social è esplosa la gioia incontenibile dei lavoratori aventi diritto (alla quale ci associamo)  per un traguardo tanto agognato che finalmente si concretizza.

Pertanto, entro questo mese arriverà il bando del concorso il 9 dicembre, la conversione in legge del dl scuola entro e non oltre il 21 Dicembre.

La Richiesta di parere degli esclusi

Intanto da qualche giorno sono arrivate, alla nostra posta elettronica, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., da parte da molti lavoratori esclusi dalla procedura, richieste di un nostro modesto  parere su quello che potrebbe essere il loro futuro lavorativo.

Intanto ai lavoratori esclusi deve essere rivolta la solidarietà di tutti, perchè la perdita del posto di lavoro è pur sempre un evento doloroso.

Come sempre cercheremo di utilizzare, pur nella complessità delle norme, un linguaggio il più chiaro possibile.

Intanto per quanto riguarda il testo approvato alla Camera sono previste procedure secondarie, per la copertura dei posti eventualmente residuati all’esito della prima procedura selettiva, tra cui una procedura di mobilità straordinaria per l’a.s. 2020/2021, e una seconda procedura selettiva per soli titoli riservata al medesimo personale, ma con un requisito di soli 5 anni di servizio, che può essere svolto in questo caso anche a tempo determinato.

Inoltre fermo restando che per quanto riguarda il testo approvato alla Camera, le ditte cesseranno il loro contratto di appalto il 29 febbraio e che le procedure dei licenziamenti collettivi, considerando l'altissimo numero dei lavoratori che coinvolge, si dovrebbe svolgere presso il Ministero dello Sviluppo Economico, con la partecipazione del Miur e del Ministero del Lavoro, laddove potrebbero anche determinarsi situazioni particolari; ad oggi il quadro delle leggi vigenti ci offre questo tipo di soluzioni.

1. terminata la procedura dei licenziamenti collettivi le ditte procederanno  al licenziamento dei dipendenti

2 I lavoratori dovranno iscriversi al Centro per l’impiego come disoccupati dichiarando la loro  immediata disponibilità al lavoro.

3. Se hanno i requisiti per richiedere la NASpi (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego – Indennità di disoccupazione) o DIS-Coll dovranno: - fare domanda presso un patronato; - oppure, fare domanda online sul sito dell’INPS.

4. Con la domanda di NASpi i lavoratori sono iscritti automaticamente come disoccupati al Centro per l’impiego, ma dovranno sempre recarsi al Centro per l’impiego più vicino per ricevere servizi onde potere essere aiutati a trovare un altro lavoro, qualora ce ne sia la disponibilità.

5, I lavoratori potranno fare la domanda per la NASPI(INDENNITà DI DISOCCUPAZIONE) dall'ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro, se la domanda viene presentata entro l'ottavo giorno. Dal giorno successivo alla presentazione della domanda, se presentata dopo l'ottavo giorno successivo alla cessazione, ma entro i termini di legge;     dall'ottavo giorno successivo al termine del periodo di maternità, malattia, infortunio sul lavoro/malattia professionale o preavviso, se la domanda viene presentata entro l'ottavo giorno. Dal giorno successivo alla presentazione della domanda, se presentata dopo l'ottavo giorno ma entro i termini di legge, In allegato pubblichiamo la Circolare dell'INPS....https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=50593

6. A scanso di equivoci, per le imprese e cooperative di pulizie, l'unica cassa integrazione per cessazione è prevista solo nel caso in cui l'azienda appaltante si trova in stato di crisi, ma in questo caso il Ministero ha semplicemente internalizzato il servizio di pulizia e quindi non è previsto il ricorso a nessun tipo di ammortizzatore sociale.

 

  • Visite: 2934