https://www.MotorDoctor.it' title=

Mamma lavoratrice trasferita nonostante il no del Tribunale

mamma lavoratrice


12/10/2019
Trasferita in un ufficio a 90 chilometri di distanza dalla propria sede di lavoro e dalla propria residenza, da Frosinone a Roma. Nonostante un'ordinanza del Tribunale di Roma che aveva già dato uno stop a un precedente provvedimento dell'azienda, qualificando come trasferimento il provvedimento di fittizio cambio di ruolo disposto. E' l'odissea al momento senza fine di Valeria F. lavoratrice di Manpower Srl, madre di una bambina di 4 anni, come racconta ad Adnkronos/Labitalia l'avvocato che la assiste, Michelangelo Salvagni, del Foro di Roma.

"Il Tribunale di Roma, con ordinanza del 2 settembre 2019, in accoglimento del reclamo promosso da una lavoratrice nei confronti di Manpower Srl, ha qualificato -spiega Salvagni- come trasferimento il provvedimento di fittizio cambio di ruolo disposto dalla società, con il quale la stessa aveva spostato la reclamante da oltre 5 mesi presso la filiale di Roma, senza peraltro qualificarlo né come trasferimento, né come trasferta. I giudici romani hanno, quindi, dichiarato l’illegittimità del trasferimento, ordinando alla società la riammissione della lavoratrice presso la sede di lavoro di provenienza, sita a Frosinone".continua e leggi tutto https://www.adnkronos.com/lavoro/norme/2019/10/10/mamma-lavoratrice-trasferita-nonostante-tribunale-denuncia_

  • Visite: 690