Visite agli articoli
7420354

Abbiamo 410 visitatori e nessun utente online

Pensione di inabilità in regime di totalizzazione

pens

14.06.2018 - La pensione di inabilità spetta a tutti i lavoratori dipendenti, autonomi e liberi professionisti, con un’infermità fisica o mentale tale da determinare l’assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi lavoro.

Totalizzazione
La totalizzazione consente l'acquisizione del diritto a un'unica pensione di inabilità per i lavoratori che hanno versato contributi in diverse casse, gestioni o fondi previdenziali. La totalizzazione è completamente gratuita, a differenza della ricongiunzione che è onerosa.

Importo della pensione
L'importo della pensione è determinato con il sistema "pro-quota” da ciascuna gestione pensionistica interessata, in rapporto ai periodi di iscrizione maturati.
Di norma, le quote di pensione liquidate da enti previdenziali pubblici sono calcolate con le regole del sistema contributivo. Però, nel caso in cui il lavoratore, iscritto prima del 1996, abbia già raggiunto in una di tali gestioni i requisiti minimi per il conseguimento del diritto a una pensione autonoma, il calcolo sarà effettuato con il sistema retributivo/misto.
È comunque data facoltà all'interessato, in presenza di un diritto autonomo, di richiedere il sistema di calcolo più favorevole.

Pensione di inabilità liquidata in regime di totalizzazione:
  • è prevista la normale tassazione IRPEF come per tutti gli altri trattamenti pensionistici derivanti da contributi;
  • si applicano gli aumenti a titolo di rivalutazione automatica delle pensioni con riferimento al trattamento unico complessivamente considerato, sulla base delle disposizioni di legge vigenti e con onere a carico delle gestioni interessate;
  • è prevista la concessione dei trattamenti di famiglia;
  • si applicano eventuali trattenute sindacali;
  • non si operano le trattenute per redditi da lavoro dipendente o autonomo;
  • non viene applicata l'integrazione al trattamento minimo;
  • sono concesse le maggiorazioni sociali purché tra le quote che compongono la pensione ve ne sia almeno una a carico delle gestioni per le quali è previsto tale beneficio, in presenza delle condizioni reddituali.
L'importo complessivo del trattamento pensionistico derivante dalla totalizzazione è corrisposto dall'INPS, per conto anche degli altri enti, con i quali sono state stipulate apposite convenzioni.
L'INPS provvede al pagamento della pensione anche nei casi in cui non vi siano quote a proprio carico.

Requisiti per la domanda
Per avere diritto alla pensione d’inabilità lavorativa si tiene conto dei requisiti di assicurazione e contribuzione, nonché agli ulteriori requisiti, che possano essere richiesti dalla gestione pensionistica nella quale il lavoratore risulta iscritto al momento di presentazione di istanza del trattamento d’inabilità. La pensione è dovuta anche quando la riduzione della capacità lavorativa sia preesistente al rapporto assicurativo.

Ai fini del perfezionamento dei requisiti di contribuzione saranno conteggiati i periodi assicurativi e contributivi non coincidenti, risultanti presso le singole gestioni in cui l'interessato sia stato iscritto.
La totalizzazione può essere richiesta anche dal titolare di assegno ordinario di invalidità per ottenere la pensione d’inabilità, dal momento che in questo caso i requisiti contributivi si considerano già soddisfatti.

L’accertamento del requisiti sanitari spetta alla gestione di ultima iscrizione del richiedente. Relativamente ai soggetti iscritti a gestioni istituite presso l'INPS dovrà essere verificato lo stato inabilitante ai sensi dell'articolo 2, Legge 12 giugno 1984, n. 222.
La maggiorazione convenzionale dell'anzianità dovrà essere ripartita tra tutte le gestioni incluse nella pensione di inabilità in totalizzazione, in proporzione all'anzianità assicurativa posseduta dall’assicurato.

Domanda
La domanda di pensione di inabilità in regime di totalizzazione deve essere presentata online all'INPS attraverso il servizio dedicato.
La domanda deve essere presentata dal lavoratore all'ultimo ente pensionistico presso il quale è iscritto o è stato iscritto, in caso abbia cessato l'attività lavorativa.
Nella domanda devono essere indicati tutti gli enti presso i quali il lavoratore ha contribuito. La sede che riceve la domanda dovrà attivarsi per avviare il procedimento con gli altri enti interessati.

Decorrenza
La pensioni di inabilità in regime di totalizzazione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

  © Copyright SuperAbile   di Gabriela Maucci

Stampa Email