Welfare. Da inviare per beneficiare delle tutele alla maternità
Gravidanza, certificato solo online all’Inps

Il certificato medico di gravidanza e di interruzione della gravidanza dovrà essere trasmesso all’Inps solo in via telematica. Lo ha comunicato l’istituto di previdenza con la circolare 82/2017 pubblicata ieri, attuando una disposizione prevista dal decreto legislativo 179/2016 (codice dell’amministrazione digitale).
Il medico, dopo aver inviato il certificato, comunicherà un codice identificativo all’interessata, ed eventualmente potrà rilasciare una copia cartacea del certificato stesso o dell’attestazione senza indicare la settimana di gestazione. Il codice consentirà, a sua volta, alla futura mamma di visualizzare il certificato tramite il sito Inps, accedendovi con codice personale Pin. L’accesso per via telematica sarà consentito anche ai datori di lavoro.
In caso di errore, il medico potrà annullare, sempre online, il certificato solo entro la mezzanotte del giorno seguente la trasmissione. Successivamente, per l’annullamento sarà necessario presentare una richiesta alla sede territoriale Inps competente.
L’invio telematico va effettuato quando è necessario per beneficiare di una prestazione a tutela della maternità, come nel caso del bonus di 800 euro, richiedibile da ieri, per la nascita o l’adozione di un bambino. Solo per 3 mesi sarà ancora possibile utilizzare i certificati cartacei.