Visite agli articoli
6873737

Abbiamo 479 visitatori e nessun utente online

Collegato alla Finanziaria, gli interventi sulla Formazione Professionale

  ARS

Collegato alla Finanziaria, gli interventi sulla Formazione Professionale

MARTEDÌ 29 MAGGIO 2018

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana XVII Legislatura

RESOCONTO STENOGRAFICO

(Stesura provvisoria)

45ª SEDUTA

Seguito della discussione del disegno di legge « Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2018. Legge di stabilità regionale. Stralcio I” (n. 231 Stralcio I/A)

Gli interventi sulla formazione professionale

FIGUCCIA. La proposta è di procedere, signor Presidente, con il disegno di legge “Collegato”. Ci saranno certamente alcuni emendamenti aggiuntivi che, ovviamente, avranno priorità di trattazione all’interno dei lavori di quest’Aula, tra questi sicuramente il tema della formazione professionale.

L’Assessore Lagalla si è intestato una battaglia che è legata alla tutela di tanti soggetti che sono rimasti fuori da quel circuito, individuando la presenza di due diversi albi attraverso i quali garantire le migliaia di persone che sono rimaste fuori dal circuito, facciamo riferimento a pochi, 4, 5 emendamenti di questo tipo ed andiamo avanti, perché non ci si può accollare, o quanto meno se la deve accollare chi ne ha responsabilità, responsabilità che vanno nella direzione di impantanare questo dibattito.

Noi siamo per andare avanti, siamo nelle condizioni di farlo, diamo un’accelerata ed entro 48 ore avremo potuto mettere la parola fine a questa trattazione che va avanti da troppo tempo e che almeno nel “Collegato” deve individuare risposte da dare ai cittadini.

DI CARO. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

DI CARO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, Assessori, poco fa ho ricevuto, sullo smartphone, un comunicato stampa di un sindacato, il sindacato Unione Sindacale di Base, lo leggo integralmente: “A seguito dell’incontro tenutosi in data odierna fra l’USB e l’assessore alla formazione, Lagalla, è venuta fuori la cruda verità sulla volontà degli schieramenti politici del PD e del Movimento Cinque Stelle a non voler far passare l’emendamento che garantirebbe il futuro occupazionale al bacino della formazione, sia sportelli che interventi, pertanto l’USB ha deciso di occupare l’Assessorato alla formazione fino a nuovi risvolti. Firmato: Sandro Cardinale”.

Ora, Presidente, pochi giorni fa in V Commissione era presente l’assessore Lagalla ed abbiamo parlato di questo emendamento aggiuntivo al documento collegato alla ‘finanziaria’.

Bene, credo che nessuno sia del Movimento Cinque Stelle che del Pd abbia espresso parere sfavorevole a questo emendamento.

Ora dei due qualcuno mente, nel senso: o il signor Cardinale ha detto qualcosa che non corrisponde alla verità, oppure lei al signor Cardinale ha detto qualcosa che non è vera. Se le cose stanno così la invito a smentire in quest’Aula quanto lei ha riferito al rappresentante dell’Unione Sindacale di Base.

LAGALLA, assessore per l’istruzione e la formazione professionale. Chiedo di parlare.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

LAGALLA, assessore per l’istruzione e la formazione professionale. Signor Presidente, onorevoli deputati, mi rivolgo in particolare all’intervento dell’onorevole Di Caro che ha letto un comunicato dell’organizzazione sindacale USB della formazione professionale. Fermo restando che, ovviamente, quanto scritto dall’organizzazione sindacale, non riportando alcun virgolettato, non può che essere evidentemente ascritto alla scrittura stessa, e quindi al pensiero della stessa organizzazione sindacale, voglio qui però precisare che l’onorevole Di Caro certamente ricorderà come, a fronte di una situazione drammatica tra le tante ereditate da questo Governo, riguarda anche la formazione professionale, questo stesso Governo in V Commissione, in sede di valutazione della legge di stabilità, propose un emendamento che fu respinto con il voto determinante dell’opposizione, nonostante il Governo avesse rappresentato come limitare ad esaurimento l’albo dei formatori costituisse una condizione che, unita al censimento degli stessi operatori, potesse salvaguardarne in questa fase e per un lungo periodo le tutele sociali.

Il Governo, sotto l’autorevole impulso anche dell’onorevole Presidente che insieme a me ha sottoscritto l’emendamento, ha ritenuto di introdurre e di reiterare con diversa scrittura questo stesso emendamento in occasione dell’approvazione prossima del collegato alla finanziaria e ricorderà anche in questo caso l’onorevole Di Caro, come l’emendamento proposto dal Governo sia stato oggetto di richiesta di audizione da parte di tutte le organizzazioni sindacali e datoriali e come questa discussione sia avvenuta - e probabilmente a questa faceva riferimento l’onorevole Di Caro nel suo intervento - e come questa non si sia conclusa con un voto, come ha ricordato l’onorevole Presidente dell’Assemblea, ma è chiaro ed è evidente che l’USB molto probabilmente fa riferimento alle posizioni assunte nel corso della discussione della legge finanziaria. Su questo, ovviamente, si possono anche rilevare i verbali della Commissione.

 


MARTEDÌ 29 MAGGIO 2018

Presidenza del Presidente MICCICHE’

del Vicepresidente CANCELLERI

A cura del Servizio Lavori d’Aula

Ufficio del regolamento e dei resoconti


Assemblea Regionale Siciliana

2

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

INDICE

Ai sensi dell’articolo 83, comma 2, del Regolamento interno

PRESIDENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26,28

ZITO (Movimento Cinque Stelle) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26

FAVA (Misto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27

DE LUCA ANTONINO (Movimento Cinque Stelle) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27

Commissioni parlamentari

(Comunicazione di elezione dell’Ufficio di Presidenza della Commissione parlamentare d'inchiesta e vigilanza sul fenomeno della mafia e della corruzione in Sicilia) . . . . . . . . . . . . . . 7

Congedi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7,21 Disegni di legge

(Annunzio di presentazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 (Comunicazione di invio alle competenti Commissioni) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 “Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2018. Legge di stabilità regionale. Norme stralciate” (n. 231 Stralcio I/A)

(Rinvio della discussione):

PRESIDENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7,8 ARMAO, assessore per l’economia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

Interrogazioni

(Annunzio di risposte scritte) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 (Annunzio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

Mozione

(Annunzio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

Per fatto personale

PRESIDENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

LUPO (Partito Democratico XVII Legislatura) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8,9,10,21,24 LUPO (Partito Democratico XVII Legislatura) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 ARICO’ (DiventeràBellissima) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 CANCELLERI (Movimento Cinque Stelle) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 CARONIA (Misto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 FIGUCCIA (UDC - Unione dei Democratici Cristiani e dei Democratici di centro) . . . . . . . . . 13

FOTI (Movimento Cinque Stelle) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 CALDERONE (Forza Italia) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 DIPASQUALE (Partito Democratico XVII Legislatura) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 BARBAGALLO (Partito Democratico XVII Legislatura) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 FAVA (Misto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 DI CARO (Movimento Cinque Stelle) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 LO CURTO (UDC - Unione dei Democratici Cristiani e dei Democratici di centro) . . . . . . . . . 20 CAPPELLO (Movimento Cinque Stelle) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 CAMPO (Movimento Cinque Stelle) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 RAGUSA (Forza Italia) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 SAVARINO (DiventeràBellissima) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 DI PAOLA (Movimento Cinque Stelle) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 LAGALLA, assessore per l’istruzione e la formazione professionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 MUSUMECI, presidente della Regione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

ALLEGATO:

Risposte scritte ad interrogazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29

  • da parte dell’Assessore per l’economia: numero 24 degli onorevoli Ciancio ed altri numero 29 dell’onorevole D’Agostino
  • da parte dell’Assessore per la salute: numero 58 dell’onorevole Catanzaro numero 76 degli onorevoli Catanzaro ed altri

 

Assemblea Regionale Siciliana

3

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

La seduta è aperta alle ore 16.05

PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, il processo verbale della seduta precedente è a disposizione di chi lo volesse vedere. Fra qualche minuto lo dichiareremo approvato.

Ai sensi dell'articolo 127, comma 9, del Regolamento interno, al fine delle eventuali votazioni mediante procedimento elettronico che dovessero avere luogo nel corso della seduta.

Invito, pertanto, i deputati a munirsi per tempo della tessera personale di voto.

Ricordo, altresì, che anche la richiesta di verifica del numero legale (art. 85) ovvero la domanda di scrutinio nominale o di scrutinio segreto (art. 127) sono effettuate mediante procedimento elettronico.

Annunzio di risposte scritte ad interrogazioni

PRESIDENTE. Invito il deputato segretario a dare lettura della risposta scritta pervenuta alla seguente interrogazione.

DIPASQUALE, segretario:

- da parte dell’Assessore per l’Economia

  1. 24 - Interventi per garantire l'accesso semplificato e gratuito agli atti di Riscossione Sicilia S.p.A.

Firmatari:Ciancio Gianina; Campo Stefania; Di Caro Giovanni; Di Paola Nunzio; Pasqua Giorgio; De Luca Antonino; Schillaci Roberta; Sunseri Luigi; Pagana Elena; Marano Jose; Cancelleri Giovanni Carlo; Palmeri Valentina; Zito Stefano; Cappello Francesco; Foti Angela; Trizzino Giampiero; Mangiacavallo Matteo; Siragusa Salvatore; Zafarana Valentina; Tancredi Sergio

  1. 29 - Chiarimenti circa il regolamento per la disciplina di accesso ai documenti amministrativi di Riscossione Sicilia S.p.A.

Firmatari:D'Agostino Nicola

- da parte dell’Assessore per la Salute

  1. 58 - Interventi per risolvere le gravi carenze strutturali e di personale dell'Ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca (AG).

Firmatari:Catanzaro Michele

  1. 76 - Fornitura di sensori e glucometri (FGM) per l'intera platea dei soggetti diabetici di tipo

1.

Firmatari:Catanzaro Michele; Lupo Giuseppe

PRESIDENTE. Avverto che le stesse saranno pubblicate in allegato al resoconto stenografico della seduta odierna.

Annunzio di presentazione di disegni di legge

PRESIDENTE. Invito il deputato segretario a dare lettura dei disegni di legge presentati.

 

Assemblea Regionale Siciliana

4

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

DIPASQUALE, segretario:

  • Introduzione di Istituti di Democrazia Diretta – Modifiche alla legge regionale 10 febbraio 2004 n. 1 “Disciplina dell’istituto del referendum nella Regione Siciliana e norme sull’iniziativa legislativa popolare e dei consigli comunali” (n. 255).

Di iniziativa parlamentare presentato dagli onorevoli Cancelleri, Campo, Cappello, Ciancio, A. De Luca, Di Caro, Di Paola, Foti, Mangiacavallo, Marano, Pagana, Palmeri, Pasqua, Schillaci, Siragusa, Sunseri, Tancredi, Trizzino, Zafarana e Zito il 22 maggio 2018.

  • Modifiche alla legge regionale 3 novembre 2000, n. 20: “Istituzione del Parco archeologico e paesaggistico della valle dei Templi di Agrigento. Norme sull’istituzione del sistema dei parchi archeologici in Sicilia” (n. 256).

Di iniziativa parlamentare presentato dagli onorevoli Cancelleri, Campo, Cappello, Ciancio, A. De Luca, Di Caro, Di Paola, Foti, Mangiacavallo, Marano, Pagana, Palmeri, Pasqua, Schillaci, Siragusa, Sunseri, Tancredi, Trizzino, Zafarana e Zito il 22 maggio 2018.

  • Norme in materia di ittiturismo, pescaturismo, fattoria didattica e sociale (n. 257).

Di iniziativa parlamentare presentato dagli onorevoli Catanzaro, Arancio e Cafeo il 22 maggio 2018.

Comunicazione di invio di disegni di legge alle competenti Commissioni

PRESIDENTE. Invito il deputato segretario a dare lettura dei disegni inviati alle competenti Commissioni.

DIPASQUALE, segretario:

AFFARI ISTITUZIONALI (I)

  • Norme in materia di elezione degli organi dei liberi consorzi comunali e delle città metropolitane e proroga commissariamento. (n. 243).

Di iniziativa parlamentare. Inviato il 25 maggio 2018.

BILANCIO (II)

  • Disposizioni contabili. (n. 254). Di iniziativa governativa. Inviato il 22 maggio 2018.

ATTIVITA’ PRODUTTIVE (III)

  • Riordino dei Consorzi di bonifica. (n. 242). Di iniziativa parlamentare.

Inviato il 25 maggio 2018.

 

Assemblea Regionale Siciliana

5

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

Annunzio di interrogazioni

PRESIDENTE. Invito il deputato segretario a dare lettura delle interrogazioni con richiesta di risposta scritta presentate.

DIPASQUALE, segretario:

  1. 190 - Realizzazione di un hotspot per migranti nel comune di Palermo.
  • Presidente Regione
  • Assessore Autonomie Locali e Funzione Pubblica
  • Assessore Territorio e Ambiente

Fava Claudio

  1. 191 - Realizzazione di un'area di svago con annessi manufatti in legno nel comune di Santa Croce Camerina (RG).
  • Presidente Regione
  • Assessore Territorio e Ambiente

Campo Stefania; Palmeri Valentina; Marano Jose; Mangiacavallo Matteo; Zafarana Valentina; Zito Stefano; Tancredi Sergio; Cancelleri Giovanni Carlo; Cappello Francesco; Ciancio Gianina; De Luca Antonino; Di Caro Giovanni; Di Paola Nunzio; Foti Angela; Pagana Elena; Pasqua Giorgio; Schillaci Roberta; Siragusa Salvatore; Sunseri Luigi; Trizzino Giampiero

  1. 192 - Chiarimenti sul finanziamento per i lavori di restauro dell'Organum Maximum del Duomo di Ragusa Ibla.
  • Presidente Regione
  • Assessore Beni Culturali e Identità Siciliana

Campo Stefania; Palmeri Valentina; Marano Jose; Mangiacavallo Matteo; Zafarana Valentina; Zito Stefano; Tancredi Sergio; Cancelleri Giovanni Carlo; Cappello Francesco; Ciancio Gianina; De Luca Antonino; Di Caro Giovanni; Di Paola Nunzio; Foti Angela; Pagana Elena; Pasqua Giorgio; Schillaci Roberta; Siragusa Salvatore; Sunseri Luigi; Trizzino Giampiero

  1. 193 - Strutture in disuso realizzate presso Fondo Raffo in Palermo.
  • Presidente Regione
  • Assessore Istruzione e Formazione
  • Assessore Famiglia, Politiche Sociali e Lavoro
  • Assessore Salute

Cancelleri Giovanni Carlo; Palmeri Valentina; Marano Jose; Mangiacavallo Matteo; Zafarana Valentina; Zito Stefano; Tancredi Sergio; Campo Stefania; Cappello Francesco; Ciancio Gianina; De Luca Antonino; Di Caro Giovanni; Di Paola Nunzio; Foti Angela; Pagana Elena; Pasqua Giorgio; Schillaci Roberta; Siragusa Salvatore; Sunseri Luigi; Trizzino Giampiero

  1. 194 - Attuazione del nuovo Piano sui servizi socio-educativi per la prima infanzia.
  • Presidente Regione
  • Assessore Famiglia, Politiche Sociali e Lavoro

Cancelleri Giovanni Carlo; Palmeri Valentina; Marano Jose; Mangiacavallo Matteo; Zafarana Valentina; Zito Stefano; Tancredi Sergio; Campo Stefania; Cappello Francesco; Ciancio Gianina; De Luca Antonino; Di Caro Giovanni; Di Paola Nunzio; Foti Angela; Pagana Elena; Pasqua Giorgio; Schillaci Roberta; Siragusa Salvatore; Sunseri Luigi; Trizzino Giampiero

  1. 195 - Declassamento e accorpamento degli uffici della ex U.I.A. di San Cipirrello (PA).

 

Assemblea Regionale Siciliana

6

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

  • Presidente Regione
  • Assessore Agricoltura sviluppo rurale e pesca mediterranea Milazzo Giuseppe
  1. 196 - Impianto per il trattamento rifiuti Best.
  • Presidente Regione
  • Assessore Energia e Servizi Pubblica Utilità

Tancredi Sergio; Cancelleri Giovanni Carlo; Palmeri Valentina; Marano Jose; Mangiacavallo Matteo; Zafarana Valentina; Zito Stefano; Campo Stefania; Cappello Francesco; Ciancio Gianina; De Luca Antonino; Di Caro Giovanni; Di Paola Nunzio; Foti Angela; Pagana Elena; Pasqua Giorgio; Schillaci Roberta; Siragusa Salvatore; Sunseri Luigi; Trizzino Giampiero

  1. 197 - Procedure di stabilizzazione dei lavoratori precari dell'ASP 7 di Ragusa.
  • Presidente Regione
  • Assessore Salute

Campo Stefania; Tancredi Sergio; Cancelleri Giovanni Carlo; Palmeri Valentina; Marano Jose; Mangiacavallo Matteo; Zafarana Valentina; Zito Stefano; Cappello Francesco; Ciancio Gianina; De Luca Antonino; Di Caro Giovanni; Di Paola Nunzio; Foti Angela; Pagana Elena; Pasqua Giorgio; Schillaci Roberta; Siragusa Salvatore; Sunseri Luigi; Trizzino Giampiero

  1. 198 - Potenziamento della sala gessi e dell'ambulatorio di ortopedia del P.O. 'Gravina' di Caltagirone (CT).
  • Presidente Regione
  • Assessore Salute

Cappello Francesco; Campo Stefania; Tancredi Sergio; Cancelleri Giovanni Carlo; Palmeri Valentina; Marano Jose; Mangiacavallo Matteo; Zafarana Valentina; Zito Stefano; Ciancio Gianina; De Luca Antonino; Di Caro Giovanni; Di Paola Nunzio; Foti Angela; Pagana Elena; Pasqua Giorgio; Schillaci Roberta; Siragusa Salvatore; Sunseri Luigi; Trizzino Giampiero

  1. 199 - Stato dei lavori di costruzione della diga di Blufi (PA).
  • Presidente Regione
  • Assessore Territorio e Ambiente
  • Assessore Energia e Servizi Pubblica Utilità
  • Assessore Infrastrutture e Mobilità
  • Assessore Beni Culturali e Identità Siciliana

Siragusa Salvatore; Cappello Francesco; Campo Stefania; Tancredi Sergio; Cancelleri Giovanni Carlo; Palmeri Valentina; Marano Jose; Mangiacavallo Matteo; Zafarana Valentina; Zito Stefano; Ciancio Gianina; De Luca Antonino; Di Caro Giovanni; Di Paola Nunzio; Foti Angela; Pagana Elena; Pasqua Giorgio; Schillaci Roberta; Sunseri Luigi; Trizzino Giampiero

PRESIDENTE. Avverto che le interrogazioni testé annunziate saranno inviate al Governo.

Annunzio di mozione

PRESIDENTE. Invito il deputato segretario a dare lettura della mozione presentata.

DIPASQUALE, segretario:

  1. 107 - Rilancio dell'ufficio della Regione siciliana con sede a Bruxelles.

 

Assemblea Regionale Siciliana

7

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

Sunseri Luigi; Pagana Elena; Siragusa Salvatore; Cancelleri Giovanni Carlo; Di Paola Nunzio; Palmeri Valentina; Cappello Francesco; Mangiacavallo Matteo; Ciancio Gianina; De Luca Antonino; Di Caro Giovanni; Foti Angela; Campo Stefania; Marano Jose; Pasqua Giorgio; Schillaci Roberta; Tancredi Sergio; Trizzino Giampiero; Zafarana Valentina; Zito Stefano

Presentata il 22/05/18

PRESIDENTE. Avverto che la mozione testé annunziata sarà demandata, a norma dell’articolo 153 del Regolamento interno, alla Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari per la determinazione della relativa data di discussione.

Comunicazione di elezione dell’Ufficio di Presidenza della Commissione parlamentare d'inchiesta e vigilanza sul fenomeno della mafia

e della corruzione in Sicilia

PRESIDENTE. Comunico che, nelle sedute n. 1 del 16 maggio 2018 e n. 2 del 22 maggio 2018, la Commissione parlamentare d'inchiesta e vigilanza sul fenomeno della mafia e della corruzione in Sicilia ha proceduto all’elezione dell’ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

  • Presidente: on. Claudio Fava;
  • Vicepresidente Vicario: on. Annunziata Luisa Lantieri;
  • Vicepresidente: on. Rossana Cannata;
  • Segretario: on. Giuseppe Zitelli.

Congedi

PRESIDENTE. Comunico che hanno chiesto congedo, per la seduta odierna, gli onorevoli Cracolici e Tamajo.

L’Assemblea ne prende atto.

Seguito della discussione del disegno di legge « Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2018. Legge di stabilità regionale. Stralcio I” (n. 231 Stralcio I/A)

PRESIDENTE. Si passa al II punto dell’ordine del giorno: Discussione del disegno di legge «Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2018. Legge di stabilità regionale. Stralcio I” (n. 231 Stralcio I/A).

Invito i componenti la I Commissione a prendere posto al banco delle Commissioni.

Onorevoli colleghi, in conformità a quanto deliberato dalla Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari, del 9 maggio 2018, comunico che gli emendamenti aggiuntivi presentati in Aula al disegno di legge cosiddetto ‘collegato’ sono trasmessi alle Commissioni di merito per essere esaminati nell’ambito di autonomi disegni di legge aventi contenuto omogeneo.

L’Assemblea ne prende atto.

ARMAO, assessore per l’economia. Chiedo di parlare.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

 

Assemblea Regionale Siciliana

8

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

ARMAO, assessore per l’economia. Signor Presidente, sarebbe opportuno nella disamina del disegno di legge che viene oggi affrontato, ai fini della valutazione dell’eccellentissima Assemblea, di considerare la possibilità di anticipare la trattazione degli articoli che vanno dal 4 all’8 – quindi gli articoli 4, 5, 6, 7 e 8- così da iniziare l’esame da quelli più tecnici per poi passare a quelli cha hanno una valenza ad impatto politico maggiore.

PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, sospendo brevemente la seduta, e convoco immediatamente, in Sala Lettura Deputati, la Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari, al fine di stabilire il prosieguo dei lavori parlamentari.

(La seduta, sospesa alle ore 16.13, è ripresa alle ore 16.20)

La seduta è ripresa.

PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, avendo inviato tutti gli emendamenti aggiuntivi alle Commissioni di merito e ritenendo utile cominciare a discutere questo “Collegato” tutto insieme, compresi gli emendamenti che sono stati mandati alle Commissioni, riteniamo di aspettare che le Commissioni valutino questi emendamenti per poi fissare il giorno in cui iniziare a parlare del Collegato. Questo avremmo deciso in Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari.

Sull’ordine dei lavori

LUPO. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

LUPO. Signor Presidente, prendiamo atto delle sue determinazioni e peraltro non sapevamo neppure che vi fossero emendamenti aggiuntivi nel senso che non ci sono stati neppure consegnati, quindi, intanto chiederei che vengano quanto prima distribuiti ai deputati, è chiaro ed evidente che devono transitare anche dalle Commissioni di merito, mi sorprende che si potesse immaginare di fare diversamente, e voglio capire anche se, nell’ambito degli emendamenti aggiuntivi, vi sono riscritture di articoli già stralciati in Commissione ‘Bilancio’, mi riferisco all’Agenzia per la casa, per esempio, perché è chiaro che a questo punto noi chiediamo che questi non possono rientrare come emendamenti aggiuntivi semmai, come lei stesso annunciato nella comunicazione ad apertura di seduta, è prerogativa del Governo farne uno specifico disegno di legge, ma non mi sembra che abbia senso che una norma possa entrare ed uscire da un disegno di legge nel corso della stessa sessione come se nulla fosse, perché davvero mi sembra assolutamente ridicolo.

Più in generale, è chiaro che si avvicina anche la pausa pre-elettorale che vede al voto circa 130 comuni nella nostra Regione, io però devo, francamente, contestare al Governo e anche per quanto attiene all’organizzazione dei lavori il fatto che, dopo la Finanziaria, e fino ad oggi, il Parlamento sia rimasto inchiodato su un Collegato che è “scollegato” perché lo ritengo del tutto scollegato dalle reali esigenze della nostra Regione perché non affronta una sola delle emergenze che riguardano il nostro territorio; non ha nulla a che fare con l’emergenza rifiuti né con l’emergenza acqua, non affronta alcun tema legato allo sviluppo e al lavoro.

Allora, io credo che davvero sia stato un errore volere a tutti i costi trattare un Collegato facendone qualcosa di chissà quale grande rilevanza collegata alla Finanziaria e alla legge di stabilità e di Bilancio quando invece il Collegato non ha alcuna importanza: io chiederei perfino che il disegno di legge venga rinviato in Commissione e questo Parlamento possa quanto prima cominciare a lavorare invece a disegni di legge importanti, se noi subito dopo l’approvazione della legge di stabilità e di Bilancio avessimo chiuso la sessione di bilancio e ci fossimo dedicati, per esempio,

 

Assemblea Regionale Siciliana

9

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

all’approvazione della legge di riforma del settore del turismo, che non costava un euro, e che avrebbe potuto sicuramente dare anche un segnale positivo nell’approssimarsi dell’apertura della stagione turistica avremmo dato un segnale senz’altro molto più positivo.

Quindi, io invito il Governo, la Presidenza dell’Assemblea, chiedo anche che sia convocata una specifica Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari a ripensare l’ordine dei lavori, rispetto a una esigenza di portare in Aula provvedimenti urgenti, disegni di leggi urgenti, forse perfino trattare alcune mozioni, sarebbe stato più opportuno farlo rispetto al perdere un mese di tempo su un Collegato che invece a questo punto davvero non ha più alcuna utilità di essere trattato con carattere di urgenza.

Credo che questo Parlamento, sbagliando – e ne attribuisco tutta la responsabilità al Governo regionale – ha perso un mese di tempo e non ci possiamo permettere di perdere, non un mese, neanche più solo un minuto.

Peraltro, vorrei invitare anche il Presidente della Regione, qui presente, a riferire al Parlamento rispetto all’emergenza rifiuti.

Addivenendo a una nostra precisa richiesta, qualche mese fa il Presidente si era impegnato anche a tenerci costantemente informati rispetto all’andamento dell’emergenza rifiuti. Invito a farlo e credo che davvero questo mese non sia stato utilizzato bene.

A noi tocca fare opposizione, ma vogliamo essere anche una forza responsabile, che richiami il Governo rispetto alle proprie responsabilità.

PRESIDENTE. Grazie, onorevole Lupo. Per rispondere ad alcune sue obiezioni, il “Collegato” lo abbiamo incardinato subito dopo la finanziaria, perché questo era stato un impegno preciso che avevamo preso con tutti i colleghi e per tutte le norme che non erano state valutate in finanziaria e avevamo rimandato al “Collegato”.

Sulla mia dichiarazione iniziale su gli emendamenti mandati in Commissione, laddove fosse necessario, si faranno precisi disegni di legge, è esattamente in linea con quello che lei ha appena detto. Abbiamo anche lì un impegno in Conferenza dei Presidenti dei gruppi parlamentari, per cui non si valuteranno cose che erano dentro la finanziaria e che possono entrare dalla finestra anziché dalla porta.

Per quanto riguarda altri disegni di legge che si possono discutere, io vorrei che tutti sapeste che in questo momento dalle Commissioni non è arrivata alla Presidenza alcuna norma votata definitivamente dalle Commissioni, per cui se le Commissioni non ce le mandano è ovvio che noi non le possiamo mettere all’ordine del giorno. Questo non per giustificare, perché non abbiamo bisogno di giustificarci di nulla, però questa è la realtà delle cose.

ARICO’. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

ARICO’. Signor Presidente, onorevole Presidente della Regione, Governo, onorevoli colleghi, io sono un po’ perplesso rispetto alle dichiarazioni dell’onorevole Lupo. Non le capisco. Si è deciso tutti insieme, subito dopo la finanziaria, di incardinare il “Collegato”, all’interno del quale c’erano delle proposte importanti e ci sono delle proposte importanti che già erano contenute all’interno della finanziaria che, con l’accordo dei Presidenti dei gruppi parlamentari in Commissione ‘Bilancio’, e anche d’Aula, si è deciso di riportarle al collegato alla finanziaria.

E allora abbiamo deciso cosa, onorevoli colleghi? L’accorpamento dell’Ircac e della Crias per eliminare consigli di amministrazione e sprechi per le casse regionali. Abbiamo deciso di fare all’interno del “collegato”, ed è presente, un’unica Agenzia regionale accorpando i dieci Istituti autonomi case popolari. Abbiamo tentato, e il Governo ha tentato, di sopprimere l’Ente di sviluppo

 

Assemblea Regionale Siciliana

10

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

agricolo perché ormai datato come ente e salvaguardare i rispettivi lavoratori, sia inseriti a tempo indeterminato all’interno dell’Ente di sviluppo agricolo, sia gli stagionali.

E anche su questo tema – devo dire – il Presidente della Regione e il Governo sono disponibili affinché ci sia una legge apposita per rivedere il futuro dell’Esa e, comunque, la soppressione di quest’ultimo.

E allora, signori, io ritengo che oggi per il clima che sta vivendo l’Italia – sono 87 i giorni in cui la nostra nazione è priva di un Governo nazionale, con tutte le necessità e le problematiche che incastrate con la guida di una Regione si vanno a intersecare.

Io ritengo, invece, che questo Parlamento debba continuare a lavorare, ci sono delle tematiche importanti che il Parlamento deve esitare attraverso l’approvazione del collegato alla finanziaria, però gradirei e proporrei che non si trovassero scuse. E non vorrei che lo scontro politico tra fazioni, non la nostra, venisse a sottolineare delle divisioni che non ci sono quando si parla di bene comune. Al di là di tutto, dovremmo fare chiarezza e capire se le 3,4,5 riforme importanti presenti all’interno del “Collegato” debbano essere approvate da quest’Aula oppure no.

L’Aula a questo punto sarà sovrana. Il Governo ha fatto la sua parte; anche nell’emergenza, sia idrica che rifiuti, si sono fatti passi da gigante. Sappiamo che è in fase di definizione, quasi preparato il Piano regionale dei rifiuti e di questo facciamo plauso al nuovo Assessore, e la proposta che facciamo è quella di continuare a lavorare nella trattativa del “Collegato” alla Finanziaria.

Per fatto personale

LUPO. Chiedo di parlare per fatto personale.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

LUPO. Signor Presidente, onorevole Presidente della Regione, onorevoli colleghi, l’onorevole Aricò mi ha attribuito un’opinione che non mi appartiene. Se il Presidente dell’Assemblea ritiene di dovere trattare il disegno di legge, io chiedo di passare al voto. Quindi, per quanto riguarda il Gruppo del Partito Democratico chiediamo che il “Collegato” venga messo al voto a partire dall’articolo 1.

Sull’ordine dei lavori

CANCELLERI. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

CANCELLERI. Signor Presidente, onorevoli colleghi, ogni volta che ascolto un esponente di maggioranza, come adesso abbiamo ascoltato l’onorevole Aricò, ad un certo punto rimango basito. Perché mi sento dire che qui i lavori vanno a rilento, che avremmo dovuto impegnarci di più, perché in questo “Collegato” ci sono delle norme incredibilmente importanti per la nostra Terra.

Per carità, magari sarà anche vero, però tante di queste norme sono poi state bocciate in Commissione “Bilancio” e le ricordo, onorevole, che siete voi che avete la maggioranza in quella Commissione. Per cui, è la maggioranza che ha contribuito a bocciare quelle norme ….

ARICO’. Quali norme?

CANCELLERI. In Commissione “Bilancio”. Il che la dice lunga su quello che avete voluto provocare anche rispetto al testo che era stato proposto dal Governo.

 

Assemblea Regionale Siciliana

11

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

Però, signor Presidente, ad un certo punto mi guardo attorno e forse mi smarrisco. Non è che siamo diventati nottetempo, noi, quelli del Governo, quelli della maggioranza? E adesso l’onorevole Aricò è all’opposizione?

Un discorso del genere io posso accettarlo da chi siede sui banchi dell’opposizione, dice al Governo che non sta facendo niente, potevate guadagnare tempo, potevate fare più velocemente invece di perdere tempo dall’indomani, appunto, dell’approvazione del Bilancio e della Finanziaria con un “Collegato” che si è protratto e che ancora oggi ci viene detto che, siccome siamo entrati in campagna elettorale allora rinvieremo tutto a dopo giorno 10. Qui il tema è che passerà un mese e mezzo e ancora non abbiamo ancora cominciato a discuterlo.

Però, la questione di fondo è una: qui si fa un gran parlare del “Collegato”; non è che noi siamo contrari. Però, signor Presidente, la prego di una cosa: alla Commissione “Affari istituzionali” glielo dà un mandato di approfondire al decreto legislativo 118 cosa è questo benedetto “Collegato”? Perché io sono convinto che forse lo abbiamo interpretato male. Non è che ogni norma che non si approva in Finanziaria va a finire in questo “Collegato” che diventa un animale enorme a mille teste! Ha un preciso mandato il decreto legislativo 118 e non certo di andarci a mettere qualunque norma che abbiamo in mente e siccome c’è scappata, non abbiamo avuto tempo, allora dobbiamo rimettergliela lì dentro.

Altra cosa. Non accetto neanche il fatto che oggi qui in questo Parlamento veniamo additati - soprattutto le opposizioni, soprattutto il Gruppo al quale appartengo - come quelli che poi alla fine stanno in qualche modo frenando la discussione. Discutiamola adesso, cominciamo a discutere adesso! Non ne abbiamo problemi! Se lo vogliamo cominciare a discutere adesso, facciamolo!

Il problema è che mi giro dall’altra parte e forse dico che magari non conviene. Queste sono valutazioni vostre. A noi, da questa parte, non tirateci dentro! Noi lo possiamo cominciare a discutere anche adesso e senza alcun problema. Non vogliamo tirarci indietro rispetto a quella che deve essere una discussione di merito. Però, basta mettere adesso le opposizioni sulla graticola di quello che è un Parlamento che si riunisce – stamattina lo leggevo sul giornale – abbiamo fatto due ore di lavoro di sedute parlamentari nel mese di maggio. Io non me la sento questa responsabilità addosso; non me la sento perché vengo in Aula nel momento in cui l’Aula è stata convocata; ma se quest’Aula non viene convocata i problemi non sono né miei, neanche del Gruppo al quale appartengo. Questo che si sappia! E si sappia anche fuori, perché io mi sono stancato di fare parte di un Parlamento che viene additato come persone che non vogliono fare niente! Non stiamo governando questa Regione – hanno vinto altri in maniera legittima – e non abbiamo neanche la maggioranza e non guidiamo il Parlamento regionale siciliano. Allora, le responsabilità non possono essere nostre. Mi dispiace ma non me le sento.

Sono qui, ovviamente, a dirle – Presidente, la prego di prendere le parole che le sto dicendo in maniera assolutamente rispettosa nei confronti della sua Presidenza – che io mi sono stancato. Mi sono stancato di questo stato di cose, mi sono stancato di continui rinvii, di questo “Collegato” che non si deve discutere.

Concludo con una cortesia istituzionale che le chiedo. E mi rivolgo al Presidente della Commissione Antimafia che, ovviamente, è presente qui, al Presidente Fava, che ha già annunciato che vorrà seguire i lavori del caso Montante.

Io lo ringrazio, perché essendo di Caltanissetta ed essendo persona che negli anni si è occupata di questa cosa, vorrò seguire da vicino, non sono componente della Commissione però vorrei che questa Presidenza, Presidente Miccichè, autorizzasse, come avviene a livello nazionale, la diffusione dei lavori in radiofonia. Ho già avuto rassicurazioni anche da Radio radicale che sarebbe interessata seguire i lavori. Ovviamente, con le stesse metodologie che avvengono per la Commissione Antimafia nazionale che, qualora il Presidente volesse secretare il dibattito la trasmissione radiofonica si interrompe. Questo darebbe a tutta la Sicilia, a tutti i siciliani che si occupano di politica, la possibilità di seguire un dibattito molto importante che avverrà in quella Commissione.

 

Assemblea Regionale Siciliana

12

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

PRESIDENTE. Relativamente a quest’ultimo punto, valuterò la sua richiesta e le farò sapere al più presto.

CARONIA. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

CARONIA. Signor Presidente, onorevoli colleghi, io ritengo che il lavoro che è stato fatto in Commissione “Bilancio” durante le scorse settimane, invece, abbia un’importanza non indifferente poiché si conclude il percorso della Finanziaria. Finanziaria che è stata approvata il 1° maggio e il fatto che la concomitanza delle elezioni amministrative abbia tenuto alcuni deputati meno presenti, chi per motivi personali, chi per motivi elettorali, secondo me pone un tema oggi importante.

Questo “Collegato” all’interno pone alcune norme che hanno una portata non indifferente. A partire dall’articolo 1 il cui tema abbiamo voluto poi postergare rispetto a quella notte convulsa in cui abbiamo approvato circa 100 articoli, che riguarda l’accorpamento di IRCAC e di CRIAS. Io credo che norme come queste, invece, vadano approvate nei tempi più rapidi possibili perché questo comporta e comporterà una diminuzione di costi, una razionalizzazione delle spese che è una delle motivazioni per le quali noi ci siamo battuti, non soltanto in campagna elettorale ma anche a seguire.

Io mi sono attenuta da parlamentare alle indicazioni che sono venute fuori dall’ultima Conferenza dei Capigruppo e su questo chiedo conforto a lei, Presidente, e all’Aula tutta perché io ricordo che le indicazioni sono state quelle di attenersi al non presentare emendamenti aggiuntivi perché su quei 15 emendamenti che erano stati stralciati dalla precedente Finanziaria si sarebbe accorpato al testo base che è quello che noi abbiamo qui.

Ora, io dico se anche il Governo, facendo un’operazione di assoluto snellimento rispetto agli aggiuntivi, stabilisca le priorità rispetto a quelle 4, 5 istanze importanti che avevamo discusso durante la Commissione “Bilancio”, li accorpi a queste e noi cominciamo invece la trattazione del disegno di legge, secondo me non sarebbe una cattiva idea.

Posto che, comunque, questo è un Governo che si è dato, durante questo ultimo periodo, anche in Commissione “Bilancio”, ha continuato le audizioni, ha continuato gli incontri, abbiamo avuto sedute di Commissione “Bilancio” intense. Probabilmente, ci siamo riuniti meno in Aula, ma se fosse data una dimostrazione molto puntuale di quello che è stato fatto nelle Commissioni, si vedrebbe come di fatto queste norme sono passate dalla Commissioni di merito e dalla II Commissione.

Inoltre, onorevoli colleghi, vorrei sollecitare su un tema. Mi chiedo, queste norme che vengono rimandate in Commissione, a quale Commissione vengono rimandate? È una domanda che mi pongo da parlamentare. Alla Commissione “Bilancio”. Questa è una novità perché fino allo scorso anno, quando il “118” ancora non era operativo all’interno del nostro bilancio…

PRESIDENTE. Alle competenti di merito, non alla Commissione “Bilancio”.

CARONIA. Questa è una novità perché fino allo scorso anno quando il “118” ancora non era operativo all’interno…

PRESIDENTE. No, quelle alle Commissioni di merito.

CARONIA. Alle Commissioni di merito? Quindi, io mi auguro, perché mi sono anche lamentata, ma l’ho detto in termini propositivi, rispetto al fatto che le Commissioni di merito oggi non fanno altro che fornire un parere, non votano più. Visto che siamo, come in sessione di Bilancio, viene demandata alla Commissione “Bilancio”, la votazione degli articoli.

 

Assemblea Regionale Siciliana

13

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

Allora, poiché non a caso nei giorni scorsi, ho detto, se vogliamo ironica, “allora mettiamoci tutti in Commissione ‘Bilancio’!”, perché se non viene data la possibilità ai componenti delle Commissioni di esprimere non un parere ma un voto nelle Commissioni di competenza, allora non ha più senso mandarla nelle Commissioni. Scusate se sono tecnicismi.

PRESIDENTE. E’ quello che ha fatto la Presidenza rimandando alle Commissioni di merito gli emendamenti aggiuntivi.

CARONIA. Purtroppo hanno soltanto espresso un parere, ma non un voto.

PRESIDENTE. No, questi sono nuovi; questi devono andare in Commissione di merito.

CARONIA. Questi andranno allora per il voto in Commissione di merito.

PRESIDENTE. Assolutamente sì.

CARONIA. Questa è un’ottima notizia, perché diversamente noi saremmo, come dire, come deputati di ogni Commissione, non avremmo neanche la possibilità di esprimere un voto.

Io sarei dell’avviso, estrapolando, onorevole Presidente della Regione e Signor Presidente dell’Assemblea, estrapolando quelle che sono quelle 4 o 5 norme importanti di cui si è ampiamente discusso durante questo dibattito che è trascorso dal giorno 1 maggio ad oggi. Io penso che si potrebbe cominciare una discussione generale arrivando probabilmente domani ad un voto rapido.

Questa è la mia personale idea, proprio perché la portata di queste norme consente un risparmio per la Regione, consente uno snellimento di alcuni organi farraginosi di cui sappiamo e abbiamo ampliamente discusso come l’Ircac e l’Irfis che, accorpandoli, ci auguriamo portino quei benefici che tutti noi abbiamo ampiamente discusso.

Per cui, io sarei dell’idea di continuare i lavori; ovviamente compatibilmente con quelle che sono le indicazioni che sono addivenute dalla Capigruppo ma in termini di produttività, poiché io personalmente non credo che questa maggioranza sia stata ad incrociarsi i pollici durante questo mese ma abbia cercato di produrre un testo che sia quanto più puntuale e preciso; infatti, più riscritture si sono succedute proprio per evitare di dare approssimazione a norme che non sono soltanto dei titoli ma che hanno al suo proprio interno contenuti dettagliati. Alcuni sono stati postergati a disegni di legge che affronteranno, per esempio, il tema dell’amianto in maniera molto specifica, ma altri invece possono essere non solo dei titoli ma possono avere corpo e sostanza.

Mi riferisco alle norme, per esempio, che ha portato l’Assessore Lagalla, che portano immediatamente beneficio all’OIF, così come l’accorpamento all’Ircac dell’Irfis. Ritengo che non siano delle norme assolutamente in più. Per cui, se oggi cominciassimo il dibattito a mio avviso sarebbe utile.

FIGUCCIA. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

FIGUCCIA. Signor Presidente, onorevoli colleghi, credo che noi oggi abbiamo un dovere, un dovere morale, un dovere politico, un dovere che accompagna l’attività di tutti i deputati, che accompagna l’attività del Parlamento e che può esprimersi con opinioni differenti anche in considerazione delle posizioni che l’opposizione può avere talvolta divergenti rispetto a quelli della maggioranza e quelli del Governo.

 

Assemblea Regionale Siciliana

14

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

Tuttavia, onorevoli colleghi dell’opposizione, del Partito Democratico e del Movimento Cinque Stelle, non arrocchiamoci in posizioni che poi ci fanno additare per colpa di alcuni, a questo punto lasciatemi dire, come un Parlamento che produce poco.

Noi fino a stamattina, e non abbiamo difficoltà a rappresentarlo, abbiamo fatto una riunione di maggioranza, abbiamo voluto verificare se c’erano degli aspetti che potevano essere persino migliorabili rispetto alla proposta di un “Collegato” che altro non fa se non che venire in soccorso ad alcuni aspetti fondamentali che sono rimasti fuori dalla Finanziaria.

Il ragionamento oggi che questo Governo, e con esso la maggioranza, nel tentativo di fare un tutt’uno ed un ragionamento sano con l’opposizione che vi propone è quello di approvare nuovi articoli. Sono 9 articoli secchi che fanno riferimento ad alcune priorità che ci siamo dati, Signor Presidente dell’Assemblea. L’abitare sociale credo possa essere identificato come una priorità che questo Governo aveva giustamente posto al centro del dibattito già in campagna elettorale, quella stessa campagna elettorale che ha visto candidati altri Presidenti della Regione che seggono in questo autorevole Parlamento e che ritengo dovrebbe trovare in loro assolutamente una sponda, onorevole Cancelleri ed onorevole Fava.

Credo che il tema del diritto alla casa, il tema della tutela sia un tema che riguarda tutti i siciliani e non solo una parte del Parlamento.

Così come le disposizioni in materia di consorzi universitari. Credo che il diritto allo studio, anche quello, sia un diritto che dovremmo intestarci tutti, un diritto che coinvolge tutte le forze parlamentari.

Allora, io direi, colleghi dell’opposizione, con grande senso di responsabilità, la maggioranza c’è, si è riunita e noi siamo pronti a certificare in ogni momento della vita di questa legislatura che siamo nelle condizioni, con grande serenità, di andare avanti.

GUCCIARDI. Parli con la sua maggioranza, onorevole Figuccia!

FIGUCCIA. La proposta è di procedere, signor Presidente, con il disegno di legge “Collegato”. Ci saranno certamente alcuni emendamenti aggiuntivi che, ovviamente, avranno priorità di trattazione all’interno dei lavori di quest’Aula, tra questi sicuramente il tema della formazione professionale.

L’Assessore Lagalla si è intestato una battaglia che è legata alla tutela di tanti soggetti che sono rimasti fuori da quel circuito, individuando la presenza di due diversi albi attraverso i quali garantire le migliaia di persone che sono rimaste fuori dal circuito, facciamo riferimento a pochi, 4, 5 emendamenti di questo tipo ed andiamo avanti, perché non ci si può accollare, o quanto meno se la deve accollare chi ne ha responsabilità, responsabilità che vanno nella direzione di impantanare questo dibattito.

Noi siamo per andare avanti, siamo nelle condizioni di farlo, diamo un’accelerata ed entro 48 ore avremo potuto mettere la parola fine a questa trattazione che va avanti da troppo tempo e che almeno nel “Collegato” deve individuare risposte da dare ai cittadini.

FOTI. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

FOTI. Signor Presidente, onorevoli colleghi, se non ci trovassimo all’interno di un Parlamento direi che la discussione mi sembrerebbe semiseria e un po’ schizofrenica.

Vedo colleghi della maggioranza o comunque dell’area della maggioranza, lamentarsi per l’interruzione dei lavori che mi pare che a maggioranza sia stata presa questa decisione all’interno dell’ultima Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari. Ma in parte mi sento vicino a loro perché – è vero – ultimamente non si capisce molto, signor Presidente, perché da una Conferenza dei

 

Assemblea Regionale Siciliana

15

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

Presidenti dei Gruppi parlamentari all’altra, si cambi di volta in volta la direzione delle indicazioni di lavoro.

Era stato detto: “solo questi aggiuntivi, solo questi articoli”, però poi spuntano come i funghi altri provvedimenti che prendono corsie che non sono canoniche e che non sono messe a disposizione di tutti i deputati, signor Presidente, perché ad esempio, siccome il collega ha detto che con lo stralcio si viene incontro ad aspetti fondamentali, si va in soccorso ad aspetti fondamentali, vorrei capire questi ‘fondamentali’ per chi sono ‘fondamentali’. Perché ogni tanto, signor Presidente, non si capisce quali sono le priorità, perché se tutti quanti avessimo potuto mettere sul piatto gli aggiuntivi, io ne avrei messi alcuni di quelli che sono stati misteriosamente inghiottiti nel buco nero della Commissione “Bilancio” che purtroppo – non l’ho detto io, l’ha detto la collega della maggioranza – se i siciliani avessero potuto vedere il grande lavoro che abbiamo fatto in Commissione “Bilancio”, avrebbero capito che non siamo stati lì a girarci i pollici.

Ci credo, signor Presidente, che ci si è dati da fare. Peccato che per le sue disposizioni, dentro la Commissione “Bilancio” i siciliani non ci possono entrare perché non possono seguire i lavori dei loro ‘impiegati’, perché io questo mi sento, un impiegato, un lavoratore dei siciliani e, quindi, i miei datori di lavoro, i nostri datori di lavoro che sono i siciliani, lo ripeto, non possono vedere quello che si fa in Commissione “Bilancio” e vengo al dunque, signor Presidente, perché ci sono questioni che avrebbero bisogno di soccorso ma il mio collega Cancelleri ha bene espresso un pensiero del mio Gruppo poco fa quando già avevo chiesto di parlare, quindi, non voglio ripetere quello che già è stato espresso. Però, signor Presidente, mi prendo questi due minuti per esprimere solidarietà a dei lavoratori che anche oggi per la seconda settimana sono incatenati davanti al non Assessorato delle politiche sociali e della famiglia.

Sono dei lavoratori dell’Ipab Palagonia qui di Corso Calatafimi, persone che o piove o c’è il sole sono state lì sotto, che venerdì si trovavano sotto Palazzo d’Orleans e dato che abbiamo un non Assessore per la Famiglia mi rivolgo al Presidente della Regione che domenica si trovava nella bella e poco ridente, ultimamente, Acireale, dove la scorsa settimana un Commissario che è scaduto a settembre dell’anno scorso e, quindi, non sa neppure se è nei suoi pieni poteri, si è visto costretto ad inviare al Presidente Musumeci, una richiesta, l’ennesima, di estinzione di una struttura gloriosa che ospita ancora una cinquantina di anziani che negli ultimi giorni stanno cominciando per chi che ha i parenti, perché alcuni no hanno più nessuno ad essere traslocati in altre strutture.

Bene, la mancata trattazione di questa riforma annunciata da due Governi fa, da quello precedente e da questo, e voglio ricordare che l’onorevole Presidente Musumeci all’indomani dell’approvazione della finanziaria ha fatto una Conferenza stampa e ha detto che stanno lavorando ad una riforma; domenica ha detto che stanno lavorando ad una riforma e passeranno altri due mesi, vorrei ricordargli che lui come deputato nella scorsa legislatura ha già presentato una riforma delle Ipab, quindi, se lui vuole presentare questa qui noi siamo disposti a trattarla sempre che l’onorevole Pellegrino si decida a riconoscere al Parlamento il ruolo di Parlamento e quindi di legislatore, perché se dobbiamo stare qui ad aspettare quello che non fa il Governo e quello che non fa il non Assessore, signor Presidente, mi accodo all’appello del collega Cancelleri, davvero non vorrei mortificare il ruolo di questo Parlamento, ma è evidente che siamo ridotti ad essere l’ennesimo carrozzone e, allora, mi chiedo se frettolosamente si vuole cancellare l’ESA, frettolosamente si vogliono cancellare altre cose, cancelliamo anche il Parlamento e pensino a tutti loro!

Vorrei dire, come membro della III Commissione, che è vero si è discusso ma sempre a camera stagna, non c’è stato mai un tavolo in cui tutti, sindacati, parti sociali, e soggetti interessati si sono seduti a parlare di fusioni; sempre incontri nei sottoscala, a Palazzo d’Orleans, forse in Assessorato, forse sopra e forse sotto. Crei un studio di stabilità sugli effetti di quello che si vuole produrre, sarebbe molto utile. Grazie.

CALDERONE. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

 

Assemblea Regionale Siciliana

16

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

CALDERONE. Signor Presidente, onorevoli colleghi, onorevole Presidente della Regione, Assessori, cittadini, il mio, signor Presidente, vuole essere e sicuramente lo è un intervento ad adiuvandum perché in assoluto condivido le argomentazioni esternate dall’onorevole Caronia.

L’onorevole Caronia ha evidenziato la necessità ed il suggerimento, mi rivolgo soprattutto al Governo, di riconsiderare alcuni aggiuntivi che sono - uso un termine forte - spariti nel documento che oggi c’è stato consegnato.

Io ed alcuni del mio Gruppo parlamentare avevamo presentato, ad esempio, un emendamento che riguardava i lavoratori Pumex che si trovavano nella stessa condizione dei Pip palermitani. Evidentemente, i lavoratori Pumex messinesi subiscono, signor Presidente, e patiscono il fatto di essere la provincia “babba”, perché in una medesima situazione sono stati penalizzati i Pumex rispetto ai Pip, che per carità, avevano il sacro santo diritto di essere considerati, così come li ha considerati la legge Finanziaria.

Avevo evidenziato la impellente problematica dei veterinari che si collegava in maniera sinergica, se non addirittura sinallagmatica, con il problema degli allevatori e della brucellosi. Anche questo mio emendamento aggiuntivo, mi rivolgo al Governo, è sparito!

C’è stata una Conferenza dei capigruppo, ma questi, signor Presidente e signori del Governo, sono argomenti importantissimi perché ci sono tantissimi siciliani che ci guardano.

Quindi, il mio suggerimento - e aderisco a quello che ha evidenziato l’onorevole Caronia - è quello di riconsiderare questi aggiuntivi.

Per quanto riguarda il “Collegato”, qui mi rimando a quanto osservato dai colleghi dell’opposizione, io credo che sia ingeneroso, signor Presidente, da parte loro, ritenere che questa non sia un buon testo o che non si trattino argomenti importanti perché l’accorpamento è una scelta epocale, il problema dell’amianto che qui viene preso in considerazione è un problema importante, l’antiracket, i forestali, i consorzi.

Quindi, signori dell’opposizione, tacciare questo buon provvedimento come un provvedimento direi quasi balneare, così è stato descritto, credo che sia ingiusto e ingeneroso.

Pertanto, aderisco alle argomentazioni dell’onorevole Caronia, invitando anche il Governo, ove lo ritenga necessario, opportuno e condivisibile, di rivalutare qualche aggiuntivo che è stato messo in disparte.

DIPASQUALE. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

DIPASQUALE. Signor Presidente, onorevole Presidente della Regione, signori Assessori, onorevoli colleghi, io penso che qui non ci siamo compresi, almeno durante l’inizio della seduta, non mi pare che ci sia stato qualcuno dell’opposizione che abbia detto “fermiamoci”, non mi sembra. Non lo dico perché mi sono appena svegliato da un lungo viaggio che faccio con il treno per il piacere di trovarmi qui, no!

Veda, Assessore Armao, chi sta a Palermo venire in Aula è molto semplice. Chi viene da Ragusa e si fa 4 ore e mezza di treno e poi si sente dire: “l’Aula è rinviata”, come mi è successo la scorsa volta, “e oggi rinviamo di nuovo”, non è piacevole. Qualcuno dirà: “ma tu sei profumatamente pagato!”, non ci sono dubbi su questo, però credetemi che non fa piacere, è anche umano.

Poi, diventa ancora più pesante se la considerazione che si cerca di far passare in Aula, che stiamo qui anche per bloccare, o siamo qui per creare ostacolo alla maggioranza, ma qui né l’intervento del mio Capogruppo Peppino Lupo e neanche l’intervento di Cancellieri, mi pare abbiano messo paletti o ostacoli a quella che è l’azione che questo Governo e questa maggioranza hanno voluto intraprendere dopo la Finanziaria, dal mio punto di vista non comprensibile perché io penso che noi

 

Assemblea Regionale Siciliana

17

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

durante la Finanziaria abbiamo ottenuto un grande risultato, secondo me potevamo in quel momento fermarci per vedere di riformulare un intervento tutti insieme.

Non è stato possibile; avete fatto una scelta e sento dire da esponenti qualificati della maggioranza che su questa scelta c’è una maggioranza coesa, c’è una maggioranza che ha chiuso il cerchio. Ne prendiamo atto, ma ovviamente lo vogliamo vedere e poi anche con i numeri, ovvio, anche perché su queste cose, su quelle che sono, poi ne parleremo nel merito, quando c’entreremo, le riforme o la modalità, per arrivare a queste riforme, non c’è una condivisione, lo abbiamo affrontato bene questo argomento in Commissione ‘Bilancio’, c’è una profonda diversità di visione.

Presidenza del Vicepresidente CANCELLERI

Noi apriamo questo confronto su questi temi del ‘collegato’ e lo apriamo con posizioni diverse, non abbiamo una sintesi tra maggioranza e minoranza.

Mi auguro che le parole dette in questa sede troveranno un riscontro, che sia presente la maggioranza e che condivida questo percorso perché la prego, Presidente, su questo non pensiate che possiamo venirvi in aiuto quando non ci crede neanche la maggioranza.

Ovviamente, se la maggioranza è presente e crede in queste scelte che vuole fare il Governo, noi ne prenderemo atto e daremo il nostro contributo, altrimenti sono per non garantire neanche il numero legale; non ho avuto la possibilità di confrontarmi col Gruppo, lo farò al più presto.

Prendiamo atto che c’è una maggioranza, su questo, non l’ho detto io, l’ha detto l’onorevole Figuccia, ci siamo riuniti questa mattina ed intendiamo andare avanti con determinazione perché ci siamo. Non ci disturbate, detto in maniera molto goliardica!

Volete andare avanti. Andiamo avanti! E’ stato un errore forzarlo, ma non cerchiamo alibi nella minoranza, siamo qui, quasi tutti presenti, secondo me il problema è della maggioranza.

Spero di sbagliarmi, lo vedremo nel corso dei lavori. E’ chiaro che emerge anche qualche difficoltà, e concludo Presidente, all’interno della maggioranza.

Questo ‘collegato’ racchiude le speranze di tutti coloro che sono rimasti fuori dalla ‘finanziaria’ ma non perché glieli abbiamo lasciati noi, perché glieli ha lasciati la maggioranza.

Ci sono cose che riguardano il mio territorio, penso ai consorzi di bonifica, penso alle cartelle, penso a tante cose, così come c’è ne è in tutti i territori; cose che dovevano essere risolte ovviamente nella ‘finanziaria’.

Si apre anche questa possibilità? Mi creda’ Presidente’ se sono qui, nonostante sia un periodo anche elettorale che ci vede tutti impegnati, anche nella speranza, non tanto per quelle norme di riforma che così come sono fatte non condivido, ma nella speranza che davvero qualche briciola per i territori possa ancora passare.

Responsabilità alle minoranze su questa vicenda non ne potete dare. Decidete in maniera chiara cosa volete fare, decidete se volete andare avanti, ovviamente, mi permetto di dirle, Presidente, verificate bene, se veramente la maggioranza è presente e se lo è ed avete i numeri andate avanti; se non dovesse essere così, con molta umiltà, abbiate la gentilezza di dirci che preferite rimandare perché non avete i numeri ed evitare di bloccare quest’Aula e farla diventare campagna elettorale per tutti noi.

BARBAGALLO. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

BARBAGALLO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, intervengo per lamentare la circostanza che, ancora una volta, sono state lese le prerogative e le competenze delle Commissioni di merito nella proposta del disegno di legge per l’Aula.

 

Assemblea Regionale Siciliana

18

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

In particolare l’articolo 9, comma 2 - speravo che durante il mio intervento ci fosse il Presidente Miccichè, ma mi rivolgo comunque alla Presidenza per le competenze per gli interventi di merito -, ebbene, l’articolo 9, comma 2, che non è mai passato dalla Commissione competente, che è la IV…

PRESIDENTE. Colleghi, per favore, se dovete parlare uscite fuori dall’Aula. Lasciamo la possibilità di argomentare al collega Barbagallo che viene, inevitabilmente, disturbato. Grazie.

BARBAGALLO. L’articolo 9, comma 2, che prevede la durata di un atto urbanistico per 10 anni, senza che sia mai passato dalla Commissione di merito, a mio giudizio, ma ho avuto modo anche di esternarlo oggi in Commissione urbanistica, mi sembra un atto che stride con la logica parlamentare. Io, delle due l’una: o è passata dalla Commissione ‘Bilancio’ ed allora mi devo associare alle riflessioni che ha fatto pocanzi l’onorevole Caronia; se è passata dalla III Commissione, come Agricoltura e foreste, ma qui si tratta di un potere urbanistico e si introduce, onorevole Presidente della Regione, una norma astrusa, cioè è stata oggetto di dibattito giurisprudenziale, dottrinale, la riduzione dei vincoli da 10 a 5 anni.

Noi riportiamo un vincolo a 10 anni senza che passi dalla Commissione di merito quando, ormai, in alcuna parte e nel nostro ordinamento giuridico, come dire non solo siciliano ma quello italiano, non esistono atti urbanistici che hanno la durata di 10 anni.

Quindi, invito la Presidenza dell’Assemblea ad intervenire ed auspico che ci sia una considerazione più attenta del ruolo delle Commissioni di merito, fermo restando che se c’è un problema sul piano forestale, facciamo un’approvazione che duri altri 5 anni. Mi sembra più giusto, ragionevole e rispettoso del lavoro delle Commissioni.

FAVA. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

FAVA. Signor Presidente, onorevoli colleghi, onorevole Presidente della Regione, credo che siamo tutti d’accordo nel considerare che l’Aula debba prescindere nella determinazione dei suoi lavori, del suo calendario, da fragilità o meno della componente di maggioranza. Credo che occorra che questa fragilità o questa robustezza venga verificata in corso d’opera, durante la discussione, nel voto dei provvedimenti che arriveranno ad esame di quest’Aula.

Il punto è l’urgenza politica di acquisire la discussione, il voto ed archiviare questo ‘collegato’, e mi sembra che oggi ci siano tutte le ragioni perché questa discussione possa cominciare.

Presidenza del Presidente MICCICHE’

Anche perché penso che uno dei punti di discussione di questo ‘collegato’ sia un punto di particolare sensibilità e delicatezza e riguarda il futuro ed il destino di decine di migliaia di piccole e medie imprese, di artigiani, la fusione tra l’Ircac e la Crias, nel modo in cui verrà, eventualmente, definita, determina condizioni particolari per l’accesso al credito di queste aziende, per cui siamo di fronte ad un provvedimento che, fuori di qui, è atteso e valutato con estrema attenzione e con una certa soglia di preoccupazione. Quindi, chiederei, se fosse possibile cominciare oggi la discussione ed incardinare, intano, il dibattito e poi procedere al voto.

Colgo l’occasione per rispondere alla sollecitazione che arrivava dal vicepresidente Cancelleri: come presidente della Commissione ‘Antimafia’ non ho alcuna controindicazione all’idea che le riunioni della Commissione siano pubbliche e messe anche a disposizione dell’attenzione dei giornalisti. La Commissione ‘Antimafia’ nazionale per le riunioni che non sono secretate è collegata a circuito chiuso con la sala stampa ma potremmo immaginare, se ci sono le condizioni tecniche, se è una valutazione che troverà d’accordo anche il Presidente dell’Assemblea di prevedere un

 

Assemblea Regionale Siciliana

19

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

collegamento a circuito chiuso con la sala stampa in tutti i passaggi della Commissione che non debbano essere protetti da ragioni di particolare riservatezza.

Mi permetta, infine - utilizzando il tempo a disposizione e per evitare, poi, di riprendere la parola, anche in appendice a questo ragionamento sui primi lavori che stanno partendo in Commissione ‘Antimafia’ - di ricordare al signor Presidente il decreto del ministro Guidi dell’aprile del 2015 che è un decreto che prevedeva l’accorpamento della Camera di Commercio di Trapani, Agrigento e Caltanissetta con la creazione di una nuova Camera di Commercio.

Quel provvedimento, era così scritto nel decreto, interrompeva ogni eventuale procedura di rinnovo e prevedeva che, in questo caso, la Regione sarebbe dovuta intervenire al momento della fine del mandato con un commissariamento cosa che, in effetti, è avvenuta per la Camera di Commercio di Agrigento, arrivata a sua naturale scadenza nel 2016, l’Assessore al ramo alle attività produttive è intervenuto con un commissariamento che, poi, è stato seguito da un altro commissariamento in epoca successiva.

Tutto ciò non è avvenuto per la Camera di Commercio di Caltanissetta. Il signor Montante, diventato Presidente nel maggio del 2012, è scaduto nel maggio del 2017 e poco prima di scadere, con una delibera camerale, che il signor Montante ha votato per se stesso e per il proprio vicepresidente ha proceduto al rinnovo, pur sapendo il signor Montante e tutti i consiglieri della Camera di Commercio di Caltanissetta, che il Presidente si trovava sottoposto ad indagine penale per un’ipotesi di reato particolarmente grave: concorso esterno in associazione mafiosa.

Allora, la mia domanda, a lei Presidente ed al suo Assessore, è per quale ragione non si sia proceduto e non si proceda sulla Camera di Commercio di Caltanissetta, un anno dopo questo rinnovo surrettiziamente deciso dal signor Montante sul proprio destino, al commissariamento così come era previsto dal decreto Guidi e così come è stato fatto per la Camera di Commercio di Agrigento.

E’ una sollecitazione che rinnovo con particolare e preoccupata urgenza perché alla vecchia inchiesta che riguardava Montante si aggiungono ragioni di pudore e di decenza che riguardano, investono direttamente il decoro di tutte le istituzioni, quindi, spero che si voglia procedere rapidamente senza consultare alcun leguleio ad un commissariamento della Camera di Commercio di Caltanissetta.

DI CARO. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

DI CARO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, Assessori, poco fa ho ricevuto, sullo smartphone, un comunicato stampa di un sindacato, il sindacato Unione Sindacale di Base, lo leggo integralmente: “A seguito dell’incontro tenutosi in data odierna fra l’USB e l’assessore alla formazione, Lagalla, è venuta fuori la cruda verità sulla volontà degli schieramenti politici del PD e del Movimento Cinque Stelle a non voler far passare l’emendamento che garantirebbe il futuro occupazionale al bacino della formazione, sia sportelli che interventi, pertanto l’USB ha deciso di occupare l’Assessorato alla formazione fino a nuovi risvolti. Firmato: Sandro Cardinale”.

Ora, Presidente, pochi giorni fa in V Commissione era presente l’assessore Lagalla ed abbiamo parlato di questo emendamento aggiuntivo al documento collegato alla ‘finanziaria’.

Bene, credo che nessuno sia del Movimento Cinque Stelle che del Pd abbia espresso parere sfavorevole a questo emendamento.

Ora dei due qualcuno mente, nel senso: o il signor Cardinale ha detto qualcosa che non corrisponde alla verità, oppure lei al signor Cardinale ha detto qualcosa che non è vera. Se le cose stanno così la invito a smentire in quest’Aula quanto lei ha riferito al rappresentante dell’Unione Sindacale di Base.

 

Assemblea Regionale Siciliana

20

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

LO CURTO. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

LO CURTO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, Governo, la riflessione che qui è stata fatta in merito all’opportunità o meno di incardinare il disegno di legge stralcio, il cosiddetto ‘collegato alla finanziaria’ sulla quale posizione posso assolutamente essere d’accordo, tuttavia mi fa rinvenire, ritrovare, anche negli interventi dei colleghi, una serie di perplessità.

Queste perplessità sono state evidenziate, di volta in volta, anche nella fase che ha preceduto l’approvazione della legge ‘finanziaria’, quando i colleghi nelle singole Commissioni hanno lamentato, e anche molto opportunamente e correttamente, che di fatto i parlamentari ed il lavoro fatto nelle Commissioni era quasi del tutto inutile se poi doveva essere la Commissione ‘Bilancio’ a definire il testo e, quindi, a votare.

In ragione di tutto ciò - e oggi mi pare che così ho apprezzato e così ho ascoltato, e mi sono fatta carico anch’io di dire e raccontare questo malessere, perché è chiaro che il ruolo del parlamentare è fondamentale, siamo i legislatori, siamo chiamati a legiferare -, oggi, mi sovviene una cosa importante: cioè l’indicazione che era venuta fuori dalla Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari, convocata dal presidente Miccichè, il quale, correttamente, in ragione anche di questo lavoro che va fatto con grande attenzione proprio per dare dignità, ruolo, prestigio al lavoro dei parlamentari e delle Commissioni, aveva detto, col placet di tutti, di essere dell’avviso che, nonostante fosse trascorso un po’ di tempo e che si potesse già apprezzare il cosiddetto ‘collegato’, fosse pure corretto rinviarlo alle Commissioni.

Quindi, ho ascoltato i miei colleghi ed apprezzo da parte di tutti la volontà di procedere con una certa velocità, perché il tempo è prezioso per tutti, quindi, non sto a ridire le cose che sono state dette, meglio di me, dai colleghi che mi hanno preceduto da parte di chi, imprese, aziende, vogliono accedere al credito, hanno necessità di strumenti importanti che semplifichino, che razionalizzino, che ottimizzino, e di questi il Governo ce ne ha fatti cogliere ampiamente durante le fasi di approvazione della legge ‘finanziaria’ tutti gli aspetti – però, oggi, non dobbiamo rischiare di fare le cose frettolosamente in ragione del fatto che stiamo qui a perdere tempo ed i giornali dicono di noi che lavoriamo due ore al mese.

Colgo l’occasione proprio per dire che questa è solo una pessima leggenda metropolitana. E’ solo una pessima espressione di chi fa comunicazione, non in mala fede, per carità, ma in assenza di quella informazione chiara e corretta che, invece, dovrebbe avere.

In Aula arrivano i provvedimenti che sono stati esaminati per settimane, settimane e settimane dai parlamentari, che sono stati oggetti di dibattito, di confronto proficuo, migliorativo. Io non ci sto, e penso nessuno di noi, al di là dell’essere maggioranza od opposizione. Questo è un Parlamento che non lavora solo in Aula. E’ un Parlamento che lavora nelle Commissioni, che lavora nella Capigruppo, è un Parlamento che lavora come quando oggi il Presidente ha voluto riunire la sua maggioranza. E’ un Parlamento che lavora perché ha la responsabilità ed il dovere di farlo. Se poi in Aula si arriva o non si arriva ad esitare un certo provvedimento, una certa norma o un disegno di legge, quello attiene a tutta una serie di vicende che poco hanno a che fare con la vita del parlamentare.

Il collega diceva che prende il treno e viaggia tre ore al giorno. Io prendo la mia macchina e ogni giorno ci impiego un’ora e mezza, ma sono ogni giorno qui, signor Presidente. Non sono in Aula, laddove non è necessario essere in Aula, ma so che quello che faccio è mio dovere farlo e lo faccio bene - per la verità, con la modestia della mia intelligenza, bene forse sembrerebbe arroganza -, nel senso che ce la metto tutta per fare meglio di quel che posso. E lo faccio in Commissione, lo faccio seguendo le cose nei vari Assessorati, cercando, discutendo, incontrandomi e confrontandomi con le opposizioni, che sono opposizioni non sono nemici con i quali non si può avere un dialogo. Così abbiamo lavorato per la ‘finanziaria’ e così credo si debba lavorare anche per quest’ultima norma,

 

Assemblea Regionale Siciliana

21

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

perché - è bene che i colleghi lo sappiano e che lo sappia anche la stampa - al di là del testo che è arrivato in Aula e che potremmo pure apprezzare a partire da oggi ci sono 300 emendamenti aggiuntivi a questo testo. Che ne vogliamo fare? Vogliamo dire che non esistono? Vogliamo, invece, raccontare che è possibile che possano essere migliorativi del testo che abbiamo?

Allora, il rinvio alle Commissioni di merito, signor Presidente, che lei bene ha sottolineato proprio perché glielo abbiamo rappresentata tutta questa esigenza, che i deputati facciano bene il loro lavoro, di conoscenza, di approfondimento, di giudizio, perché prima di votare si deve essere capaci di esprimere un giudizio, libero e autonomo, ma anche consapevole rispetto alle cose che vanno fatte nelle Commissioni e, poi, in Aula.

Per cui, non mi scandalizzo, né dico di aver perso tempo perché così non è stato, né mi preoccupo di ciò che scrivono i giornali inconsapevoli del lavoro prezioso, indispensabile, serrato, costante e quotidiano che tutti i deputati facciamo insieme al Governo nelle Commissioni di merito e insieme ai dirigenti. Sono per il rinvio, signor Presidente, come lei aveva deciso di fare in Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari.

CAPPELLO. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

CAPPELLO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, onorevole Presidente della Regione, signori Assessori, cittadini, non voglio entrare nel merito della questione giuridica sulla natura del ‘collegato’, così come ha fatto il mio collega Giancarlo Cancelleri, né tanto meno sulle schermaglie tra maggioranza e opposizione. Io dico soltanto una cosa: che in questo momento storico andare via dall’Aula, rinviare l’Aula, significa assumersi una gravissima responsabilità rispetto a quei lavoratori dei Consorzi di bonifica di Ragusa e Caltagirone che da mesi, mesi e mesi, attendono da parte della Regione, il pagamento delle proprie spettanze.

Signor Presidente, siamo di fronte ad una situazione davvero drammatica in cui le persone sono arrivate a non mettere insieme il pranzo con la cena. A mio avviso, la migliore campagna elettorale che questo Parlamento regionale siciliano può fare, è restare in questa Aula e dare le risposte che questi siciliani meritano. Grazie.

PRESIDENTE. Onorevole Cappello, giusto per chiarire. Lei ha perfettamente ragione a ricordare la situazione dei Consorzi di bonifica ma, in ogni caso, anche se restassimo qui a discutere stasera non potremmo votare questo che è un emendamento che, in quanto aggiuntivo, è stato rinviato all’inizio di questa seduta alle Commissioni di merito. Comunque, non lo potremmo trattare. Giusto perché fuori non capiscano diversamente e andiamo tutti in difficoltà.

Congedo

PRESIDENTE. Comunico che l’onorevole Milazzo ha chiesto congedo per la seduta odierna.

L’Assemblea ne prende atto.

Sull’ordine dei lavori

CAMPO. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

 

Assemblea Regionale Siciliana

22

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

CAMPO. Signor Presidente, colleghi del Governo, colleghi consiglieri, Governo e cittadini che ci seguono da casa, vorrei iniziare con una frase del presidente Musumeci in un suo messaggio pubblicato su “La Sicilia” del 19 novembre scorso: “La mia sfida per questa Terra. La gente è stanca degli estenuanti riti di certa politica cialtrona, dei finti tavoli per prendere tempo, delle interminabili riunioni per decidere di rinviare”. Ecco, spero che questa non sia una di quelle occasioni in cui proponiamo queste interminabili riunioni per rinviare i problemi dei siciliani.

La scorsa settimana, forse nessuno di noi se ne è accorto, ma proprio qua in Sala d’Ercole, seduti in quei banchi, c’erano i rappresentanti del Consorzio di bonifica di Ragusa. E mi riaggancio a quello che ha chiesto l’onorevole Cappello. I rappresentanti erano venuti qua semplicemente per chiedere un sacrosanto diritto, ovvero quello di avere il saldo degli stipendi di centinaia di migliaia di lavoratori che lavorano da mesi, da 14 mesi, senza ricevere un centesimo. E questo rientra nel loro diritto non perché questo lavoro sia inutile, non serva, non svolgano un servizio. No. I lavoratori svolgono un servizio e non vengono pagati.

Il Consorzio di bonifica di Ragusa è diventato un ente affamatore, affamatore di tutte le aziende agricole che si sono viste quintuplicare i ruoli e leggo alcuni dati: da 854 mila euro del 2012, si è passati a 5 milioni 258 mila euro del 2017. Questa somma enorme è stata aggiunta proprio per colmare il buco finanziario del Consorzio di bonifica; 8.200 aziende che non riescono a pagare i ruoli.

In ‘finanziaria’ abbiamo perso sicuramente un’opportunità, ma nel ‘collegato’ possiamo ancora fare qualcosa. Ci sono vari emendamenti, di cui anche uno a nostra firma. Chiedo al Governo di farli propri e di far sì che questi soldi che il Governo mette per saldare anche gli stipendi dei lavoratori siano un contributo agli agricoltori della nostra Terra, gli agricoltori siciliani, perché queste somme potrebbero rientrare nel bilancio e sgravare questi ruoli quintuplicati che gli agricoltori non riescono a pagare.

Con questo emendamento al ‘collegato’ si farebbe una duplice azione, ovvero saldare gli stipendi e aiutare gli agricoltori perché la Sicilia non si sa se morirà di fame di lavoro o di fame di reddito. Vogliamo che questa Isola vada a naufragare o vogliamo trovare una strada ed un approdo nei prossimi quattro anni e mezzo?

Per concludere rileggo nuovamente la frase del Presidente: “Estenuanti riti di certa politica cialtrona, dei finti tavoli per prendere tempo, delle interminabili riunioni per decidere di rinviare”. Spero che non sia così!

MUSUMECI, presidente della Regione. Lo spero anch’io!

RAGUSA. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

Poi ha chiesto di parlare l’onorevole Savarino e se non ci sono altri interventi arriverei alle conclusioni su quello che dobbiamo fare.

RAGUSA. Signor Presidente, onorevoli colleghi, onorevole Presidente della Regione, secondo me bisogna organizzare un po’ meglio la questione del ‘collegato’ e degli emendamenti aggiuntivi, perché negli emendamenti aggiuntivi ci sono cose molto importanti.

Il simbolo di questa questione è rappresentato dal Consorzio n. 8 di Ragusa. Più colleghi in quest’Aula hanno richiamato questa questione perché riguarda un’emergenza. Se gli emendamenti aggiuntivi dovranno tornare nelle Commissioni di merito, così come è stato deciso, in qualche modo, presidente Musumeci, assessore Bandiera, il Governo dovrà farsi carico di questa questione. Non è una questione semplice, da quindici mesi famiglie non percepiscono lo stipendio.

Io sono, insieme a lei, presidente Musumeci, reduce di un’esperienza importante che ho apprezzato moltissimo, la ‘finanziaria’, che ha toccato punti fragili della nostra società. Devo dirle

 

Assemblea Regionale Siciliana

23

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

che è stata una ‘finanziaria’ che ho condiviso finalmente appieno, l’ho votata razionalmente perché ho capito che toccavamo la parte della società debole e la politica secondo me, la buona politica, quella che questo Governo sta portando avanti, è questa: raggiungere gli ultimi. Come ha detto lei, con gli ultimi, piano piano, ci diamo le mani e continuiamo insieme questo programma di Governo che ritengo importante, soddisfacente per i primi mesi.

Non capisco per quale motivo questa storia del Consorzio di bonifica di Ragusa sfugga. Devo dirle onestamente, e glielo dico senza alcuna inibizione, quando io venni dai lei, lei disse: “onorevole Ragusa lei ha ragione, ci facciamo carico anche del Consorzio di bonifica di Ragusa”. Ne parlammo in II Commissione e tutto andava bene. Abbiamo fatto - a quattro, a sei, a otto, a dieci mani, ormai non si contano più le mani di questa bella storia - questo emendamento aggiuntivo, ognuno per la propria parte. Capisco che se, oggi, andiamo avanti e gli emendamenti aggiuntivi andranno nelle Commissioni di merito, non porteremo questo risultato a casa. Ecco perché io chiedo a lei, presidente Musumeci, chiedo a lei presidente Miccichè, se serve una sospensione, se serve convocare i Presidenti dei Gruppi parlamentari, se serve tutto quello che serve per creare le condizioni, per portare sollievo a questa ferita sociale che riguarda la provincia di Ragusa, ed in particolare il consorzio di bonifica, perché poi dall’altra parte c’è un’altra storia ancora più pesante. Stanno arrivando agli agricoltori, quelli che lei chiama, che oggi richiamo gli agrumeti attraverso i consorzi di bonifica. Stanno arrivando bollette esagerate e, con la crisi che c’è in questo momento, tutto diventa insostenibile.

Signor Presidente, io mi fermo qui perché so di avere a che fare con un interlocutore sensibile che ad oggi ha dimostrato di sapere cogliere opportunità importanti per questa Terra.

PRESIDENTE. Grazie, onorevole Ragusa. Ha facoltà di parlare l’onorevole Savarino.

E’ altresì iscritto a parlare l’onorevole Di Paola.

SAVARINO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, intervengo solo per dire, sollecitata dal collega di Commissione, onorevole Barbagallo, che in effetti questa norma che ritroviamo nell’articolo 9 del collegato, riguardante la modifica del piano forestale regionale non è mai arrivata in IV Commissione.

Ho chiesto delucidazioni al Servizio Studi sul perché noi non l’abbiamo mai avuta, mai ricevuta, ed effettivamente questa è una competenza che viene elaborata dall’Assessore all’Agricoltura e, per prassi, la materia dell’Assessore all’Agricoltura, arriva in III Commissione, anche se nel caso specifico la competenza è di entrambi, forse è maggiormente nostra.

Ma questo è un vizio che viene fuori, è figlio del collegato perché siccome il collegato manda in Commissione solo per pareri gli emendamenti e gli articoli, è chiaro che si preferisce mandarli ad una sola Commissione per evitare che ci siano espressioni di pareri contrastanti.

Come lei sa, signor Presidente, io sia formalmente che informalmente ho chiesto che nelle Commissioni non ci sia più questa prassi dei collegati e di mandare gli articoli, gli emendamenti in cui la Commissione può solo esprimere pareri e non entrare nel merito, con la possibilità invece di modificare ed elaborare al meglio, ed esprimere al meglio la propria funzione. Per cui io sono certa che in futuro di questi equivoci non ce ne saranno più, proprio perché le Commissioni dovranno ritornare nella pienezza dei propri compiti.

Oggi per noi, per la nostra Commissione, è una giornata importante, Presidente Musumeci, perché

  • stato approvato, con il parere favorevole all’unanimità, e ringrazio tutti i colleghi, il piano stralcio sui rifiuti. Abbiamo esitato anche delle osservazioni che abbiamo stilato insieme, brevi, che ha accolto con favore l’assessore Pierobon che ringrazio per la collaborazione, abbiamo fatto un lavoro serio ed importante e ringrazio il Governo Musumeci perché, finalmente, mette ordine in una materia in cui finora c’è stato caos.

Vede, onorevole Fava, al di la dei commissariamenti, la cosa più importante da chiedere a questo Governo è quello di fare ordine laddove fino ad ieri c’era caos, e nel caos qualcuno ha fatto caccia

 

Assemblea Regionale Siciliana

24

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

grossa. Quella è la vera rivoluzione, quello è il vero cambiamento che, per fortuna, e lo ringrazio, il Presidente Musumeci e il suo Governo stanno già avviando. E’ il segnale di oggi? E’ un segnale importante in una materia come quella dei rifiuti che purtroppo ha visto troppi predatori in questi anni.

PRESIDENTE. Grazie onorevole Savarino. Ha chiesto di parlare l’onorevole Di Paola.

Ne ha facoltà.

DI PAOLA. Signor Presidente, onorevoli colleghi, Presidente Musumeci, mi rivolgo a lei.

A me sembra di vedere un film già visto, così come per la legge finanziaria. La legge finanziaria è arrivata inizialmente alle Commissioni con 30 articoli, dopo di che è arrivata in Aula con 125/140 articoli. Ora, se il collegato deve fare la stessa fine, cioè deve ritornare alle Commissioni, dopo che è già passato dalle Commissioni, sono stati dati i pareri e quant’altro, è arrivato qui, dopo di che se la maggioranza vacilla, se la maggioranza di questo Governo vacilla, e il collegato deve tornare nuovamente alle Commissioni per fare quei contentini di modo tale che da un pò di articoli si passa nuovamente a 130/140 articoli, perché poi gli emendamenti diventano articoli lo dobbiamo dire ai siciliani.

Perché da una parte c’è una Sicilia che vuole che si proceda in fretta e si agisca, da quest’altra parte, invece, il Governo non mi pare stia rispondendo nei giusti modi. Quindi chiedo a lei, signor Presidente, di chiarire un po’ questa cosa, se c’è una maggioranza che vacilla, lo dica chiaramente.

PRESIDENTE. Chiarisco io direttamente, onorevole Di Paola, se lei mi consente.

Il Governo non ha chiesto alla Presidenza nessun rinvio di questo disegno di legge, la Presidenza ha purtroppo dovuto verificare che tutti gli emendamenti aggiuntivi non fossero stati apprezzati dalle Commissioni di merito, e proprio in funzione di quello che è stato detto dalla metà degli interventi di oggi – perché metà degli interventi erano sul problema se questo Parlamento lavora o non lavora, l’altra metà era se le Commissioni ricevono o non ricevono le cose da valutare – proprio in funzione di questo problema, per cui le Commissioni devono ricevere ed apprezzare tutte le cose che riguardano le singole Commissioni.

E quindi, questa Presidenza - non perché mi venisse richiesto dal Governo, anzi, il Governo aveva chiesto di votare ed aveva già indicato quali erano gli articoli con cui avrebbe preferito iniziare la votazione - ha ritenuto di rinviare in Commissione di merito tutti gli emendamenti, e sono tanti, che sono stati presentati e che io non avrei potuto far votare in quest’Aula senza il parere delle Commissioni di merito.

A questo punto, visto e considerato che non si sarebbe potuto arrivare a nessuna conclusione senza prima avere ricevuto il parere su questi emendamenti, ho ritenuto e continuo a ritenere corretto che – ed io ringrazio tutti per la discussione comunque leale, franca e serena che si è svolta sino ad oggi – non potendo sapere oggi qual è il risultato di valutazione di questi moltissimi emendamenti, io non me la sento di cominciare a votare un testo che non si sa se poi verrà emendato da emendamenti che vengono approvati dopo.

Ripeto che ritengo corretto, proprio a tutela della chiarezza e della trasparenza di quest’Assemblea, rinviare tutto il disegno di legge ‘collegato’ al giorno in cui questi emendamenti saranno stati apprezzati dalle Commissioni e saranno rimandati alla Presidenza che poi comunicherà quando sono pronti per essere rivalutati in Aula.

Onorevoli colleghi, prima di chiudere mi è stato chiesto l’intervento a titolo personale dell’onorevole Zito, per cui gli darò la parola, però prima ha chiesto di intervenire l’Assessore Lagalla e poi rinviamo la seduta.

Considerato, inoltre, che giorno 10 giugno ci sono le elezioni, per cui normalmente si danno due settimane di tempo ai parlamentari per potere svolgere il loro compito politico, e già le due settimane sono in corso, dovrei riconvocare quest’Aula per il giorno 12 giugno però, come ho già comunicato

 

Assemblea Regionale Siciliana

25

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

all’Ufficio di Presidenza e forse, mio errore, non alla Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari, è stata chiesta una seduta solenne da parte del Presidente della Repubblica di Malta, a cui noi abbiamo ovviamente risposto positivamente.

Attendiamo quindi di avere alcune garanzie su questa seduta dal cerimoniale della Repubblica di Malta, ma se così fosse il giorno 12 faremmo questa seduta solenne e quindi la data per iniziare a valutare il disegno di legge ‘collegato’ sarebbe quella del giorno 13 giugno, ma di questo vi darò notizie più precise nei prossimi.

LAGALLA, assessore per l’istruzione e la formazione professionale. Chiedo di parlare.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

LAGALLA, assessore per l’istruzione e la formazione professionale. Signor Presidente, onorevoli deputati, mi rivolgo in particolare all’intervento dell’onorevole Di Caro che ha letto un comunicato dell’organizzazione sindacale USB della formazione professionale. Fermo restando che, ovviamente, quanto scritto dall’organizzazione sindacale, non riportando alcun virgolettato, non può che essere evidentemente ascritto alla scrittura stessa, e quindi al pensiero della stessa organizzazione sindacale, voglio qui però precisare che l’onorevole Di Caro certamente ricorderà come, a fronte di una situazione drammatica tra le tante ereditate da questo Governo, riguarda anche la formazione professionale, questo stesso Governo in V Commissione, in sede di valutazione della legge di stabilità, propose un emendamento che fu respinto con il voto determinante dell’opposizione, nonostante il Governo avesse rappresentato come limitare ad esaurimento l’albo dei formatori costituisse una condizione che, unita al censimento degli stessi operatori, potesse salvaguardarne in questa fase e per un lungo periodo le tutele sociali.

Il Governo, sotto l’autorevole impulso anche dell’onorevole Presidente che insieme a me ha sottoscritto l’emendamento, ha ritenuto di introdurre e di reiterare con diversa scrittura questo stesso emendamento in occasione dell’approvazione prossima del collegato alla finanziaria e ricorderà anche in questo caso l’onorevole Di Caro, come l’emendamento proposto dal Governo sia stato oggetto di richiesta di audizione da parte di tutte le organizzazioni sindacali e datoriali e come questa discussione sia avvenuta - e probabilmente a questa faceva riferimento l’onorevole Di Caro nel suo intervento - e come questa non si sia conclusa con un voto, come ha ricordato l’onorevole Presidente dell’Assemblea, ma è chiaro ed è evidente che l’USB molto probabilmente fa riferimento alle posizioni assunte nel corso della discussione della legge finanziaria. Su questo, ovviamente, si possono anche rilevare i verbali della Commissione.

MUSUMECI, presidente della Regione. Chiedo di parlare.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà. Onorevole Zito, le chiedo scusa, a fine seduta ovviamente lei avrà la parola.

MUSUMECI, presidente della Regione. Signor Presidente, onorevoli colleghi, ritengo doveroso intervenire per rispondere al tema sollevato dall’onorevole Fava a proposti della Presidenza della Camera di Commercio di Caltanissetta.

Ho il dovere di chiarire che, subito dopo la questione delle misure restrittive, il sottoscritto ha chiesto chiarimenti al Dipartimento che si occupa delle Camere di Commercio, quindi, delle Attività produttive. Il Dipartimento ha assicurato non sussistere le condizioni con le norme vigenti per procedere alla rimozione del Presidente della Camera di Commercio. Ho chiesto ulteriori informazioni al Segretario Generale della Regione, avvocato Mattarella, il quale Segretario Generale, per iscritto, mi ha assicurato che le uniche due ipotesi siano o una sentenza di condanna a

 

Assemblea Regionale Siciliana

26

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

carico del Presidente Montante o le dimissioni di almeno due terzi dei componenti del Consiglio camerale che ne avrebbe determinato la decadenza.

Onorevole Fava, Lei faceva riferimento alla norma intervenuta per la unificazione, l’accorpamento delle Camere di Commercio, ma ricorderà che un apposito decreto legislativo n. 219 del 2016, di fatto congelò la situazione consentendo un regime di prorogatio di cui alcune Camere di Commercio che hanno beneficiato e continuano a beneficiare.

Ieri il prefetto di Caltanissetta ha formalizzato alla Presidenza della Regione siciliana la notizia dell’adozione di misure restrittive, coercitive a carico del Presidente della Camera di Commercio, che di diritto è sospeso dalle sue funzioni, il che significa che le funzioni possono essere esercitate dal vice presidente, ma nel frattempo si è configurato uno dei due casi, una della due ipotesi immaginate dalla Segreteria generale della Regione, che alcuni componente del Consiglio camerale hanno in questi giorni, via via, formalizzato le loro dimissioni.

Fino ad ieri, fino all’altro ieri, il numero non era ancora quello necessario perché si potesse dichiarare lo scioglimento, nel frattempo oggi si sono dimessi altri cinque componenti di quel Consiglio, sicché non appena domani mattina il Segretario generale della Camera di Commercio di Caltanissetta ci formalizzerà la notizia di queste ulteriori dimissioni, la Giunta adotterà l’apposita delibera, quindi domani o dopo domani al massimo, e il Presidente della Regione provvederà a firmare il decreto di scioglimento del Consiglio camerale della Camera di Commercio di Caltanissetta. Come vede quindi abbiamo operato con assoluta solerzia e celerità a fronte di una normativa che questa fattispecie di fatto non la contempla o non la contempla in maniera chiara.

Il provvedimento che adotteremo di fatto determina la sospensione da ogni incarico ricoperto dal Presidente o dall’ex Presidente Montante.

Per il resto mi pare sia stato sufficientemente eloquente la motivazione adotta dal Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana per rimandare ad un più sereno e anche chiaro dibattito sul collegato alla legge finanziaria, lo stato d’animo è quello che voi già conoscete da parte del Governo, apertura, disponibilità, eviteremo, eviteremo che questo ventaglio possa ingrandirsi ed ampliarsi come è accaduto con la legge di stabilità, alcune norme che riteniamo debbano essere meglio organizzate e articolate in appositi disegni di legge li riproporremo il giorno dopo con appositi disegni di legge, a noi non interessa che il gatto sia nero o bianco, l’importante è che prenda i topi e se l’obiettivo è quello di fare alcune riforme serie e concrete che le si faccia attraverso una norma contenuta nel collegato o che le si faccia attraverso un apposito disegno di legge, l’uno o il l’altro aperti al confronto con il Parlamento, per il Governo sostanzialmente non cambia niente.

Ai sensi dell’articolo 83, comma 2, del Regolamento interno

ZITO. Chiedo di parlare ai sensi dell’articolo 83, comma 2, del Regolamento interno.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

ZITO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, due punti velocissimi. Uno, volevo sollevare una questione all’Assessore Grasso per la situazione economica della provincia di Siracusa, che lei conosce benissimo, ha 162 milioni di euro di debiti accertati, di cui 81 milioni di euro riguardano ad esempio i mutui.

Ora, io sto analizzando in questo momento alcuni documenti e non escludo di presentare nei prossimi giorni una interrogazione, una mozione, comunque un atto parlamentare per quanto riguarda ad esempio il circuito di Siracusa. Noi abbiamo un circuito che potrebbe essere utilizzato per attività, quindi per gare di moto, auto e quant’altro ma in questo momento è totalmente fermo. E’ un bene molto appetibile, quindi già io so che ci sono molto che vorrebbero fare una offerta ma c’è un contenzioso che secondo me può essere superato anche abbastanza facilmente con la ditta che doveva fare i lavori e poi sostanzialmente non li ha fatti. Quindi, Assessore, nei prossimi giorni

 

Assemblea Regionale Siciliana

27

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

presenterò appunto questo atto parlamentare, una interrogazione proprio per sollecitare questa cosa perché vorrebbe dire anche avere un mutuo di quegli 81 milioni di euro totali di mutuo che ha in questo momento la provincia di Siracusa, parte di quel mutuo in meno, e quindi vuol dire avere parte di risorse in più per quanto riguarda, stipendio, attività e quant’altro.

Ho scritto qualche giorno fa alla Commissione Antimafia, quindi all’onorevole Fava, circa gli avvenimenti che stanno accadendo a Siracusa e cito un post del giornalista Paolo Borrometi del 23 maggio 2018, per la commemorazione di Falcone.

Nel post Borrometi scrive circa le liste presentate per le elezioni comunali a Siracusa: “Siracusa è una città meravigliosa, fatta per la stragrande maggioranza da persone perbene, ma quelle liste presentate fanno letteralmente schifo. Molti candidati sono pregiudicati, parenti di pregiudicati, delinquenti vari, accusati a vario titolo di ogni reato. E’ possibile che per racimolare qualche voto in più vogliate ancora una volta svendere la propria dignità?”

Ovviamente questo non è scritto, caro Presidente Fava, da Stefano Zito, questa è l’opinione del Giornalista Paolo Borrometi, che spesso scrive di fatti attinenti attività dei clan. Leggendo questo post non riporto dicerie senza supporto dal punto di vista documentale, però quando una persona così stimata come Paolo Borrometi scrive in questi termini, quanto meno un allarme, un riflettore, si deve accendere.

Quindi ho preso carta e penna e ho scritto al Presidente per richiedere controlli di candidati, e tutte le liste in generale, comprese anche le nostre, per vedere se c’è qualcosa che non va.

Sia se ci sono pregiudicati o persone vicine a clan o ad ambienti chiacchierati o società che abbiano misure interdittive, occorre un controllo, perché quando si leggono queste cose che riguardano la mia città, che amo tantissimo, fanno veramente male.

FAVA. Chiedo di parlare ai sensi dell’articolo 83, comma 2, del Regolamento interno.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

FAVA, Signor Presidente, onorevoli colleghi, grazie della sua cortesia Presidente, solo per assicurare l’onorevole Zito che ci siamo messi immediatamente in contatto con la Prefettura di Siracusa, abbiamo detto e scritto al Prefetto, chiedendogli se fosse in corso di monitoraggio e il Prefetto ci ha risposto che c’è il monitoraggio in corso e ci farà immediatamente sapere quali sono gli esiti di questa attenta valutazione sulle liste, e anche sui Presidenti di seggio.

Mi permetta di aggiungere, non da Presidente della Commissione Antimafia ma da giornalista, che credo sia importante che nel momento in cui si insinua un dubbio grave, legittimo, puntuale sulla tenuta morale delle liste amministrative di un Comune importante come Siracusa, che un giornalista non si limiti a scrivere che le liste sono piene di impresentabili, di nomi che nulla hanno a che fare con la politica, di feccia, ecc. ecc.

Da giornalista sono stato abituato che se ci sono situazioni che meritano intervento di vigilanza si devono fare nomi e cognomi, ed è ciò che abbiamo chiesto al Prefetto, ciò che il Prefetto ci restituirà e ciò che verrà messo a disposizione della conoscenza di quest’Aula.

DE LUCA ANTONINO. Chiedo di parlare.

PRESIDENE. Ne ha facoltà.

DE LUCA ANTONINO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, onorevole Presidente della Regione, la volevo informare di una questione attuale e anche molto urgente.

Il Direttore generale del Consorzio Autostrade siciliane, con nota del 14/05/2018, quindi di una decina di giorni fa, ha comunicato una insufficienza di organico di circa 211 esattori. Ora ha

 

Assemblea Regionale Siciliana

28

XVII LEGISLATURA

45a SEDUTA

29 maggio 2018

richiesto al Consiglio direttivo di avviare le procedure di reclutamento di personale. Nel 2003, con una delibera di giunta regionale, era stata formata una graduatoria di lavoratori stagionali.

Questa graduatoria, in seno ad un accordo sindacale siglato presso l’Ispettorato del lavoro, ha cristallizzato nel 2009 una graduatoria. Cosa sta succedendo in questo momento? Per fare fronte a queste carenze di organico, i dipendenti del CAS stanno già da anni eccedendo nelle ore di straordinario, superando i limiti di legge e, peraltro, costituendo un costo di gran lunga maggiore. Una legge regionale del 2010 ha imposto il blocco delle assunzioni per le aziende partecipate dalla Regione ma il Consorzio autostrade siciliane non gode di contributi diretti.

Quindi, se l’assessorato competente emettesse una nota a chiarimento della possibilità di assumere questi lavoratori stagionali direttamente dalla graduatoria, invece di utilizzare le ore straordinarie o, ancora peggio, quello che sta succedendo prendere anche questi stessi lavoratori, tramite agenzie interinale, noi avremmo un importante risparmio di spesa ed il Consiglio direttivo del Consorzio autostrade siciliane andrebbe anche ad operare in piena legittimità. Però, siccome in questo momento siccome loro hanno fondamentale paura di agire contro legge con queste assunzioni perché hanno paura di contravvenire a questa legge regionale del 2010, io l’unica cosa che chiedo è di emettere in tempi brevissimi, anche tramite l’assessore Falcone, esiste già una circolare peraltro in tal senso di un ingegnere di cui adesso non ricordo precisamente il nome del funzionario a chiarimento se il Consorzio autostrade siciliane rientra tra gli enti che soggiacciono al blocco delle assunzioni oppure no. Così il Consiglio direttivo del CAS saprà se potrà utilizzare i lavoratori in graduatoria o dovrà continuare come sta facendo ora a rivolgersi alle agenzie interinali che, tra l’altro, mortifica questi lavoratori che ormai da quasi venti anni continuano a prestare la loro opera senza conoscere quale sarà il loro futuro.

PRESIDENTE. Il Presidente della Regione, ovviamente, si impegna a fare sapere al più presto quello che succederà.

Onorevoli colleghi, non avendo alcun altro chiesto di parlare, la seduta è rinviata a martedì, 12 giugno 2018, alle ore 16.00, con il seguente ordine del giorno:

  • - COMUNICAZIONI

II - DISCUSSIONE DEL DISEGNO DI LEGGE:

  • “Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2018. Legge di stabilità regionale. Stralcio I” (n. 231 Stralcio I/A) (seguito)

La seduta è tolta alle ore 17.58

Stampa Email