Visite agli articoli
8057198

Abbiamo 279 visitatori e nessun utente online

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Almaviva, l’ipotesi di accordo


17-02-2017   Dopo mese e mezzo dalla scadenza dell’accordo provvisorio siglato il 22 dicembre scorso ieri sera le parti sono giunte ad un ipotesi di accordo che dovrà essere votata ed approvata dai lavoratori della sede di Napoli.
ALMAVIVA NAPOLIL'ultima data utile è fissata al 31 marzo prossimo,  ma nella riunione di ieri al Ministero dello Sviluppo Economico si è aperto finalmente uno spiraglio, per gli 845 lavoratori, dopo una lunga trattativa.
Dal tavolo tecnico tra le rsu e gli esponenti di Almaviva è venuto fuori un documento congiunto, dal quale potrebbe scaturire un’intesa utile a rilanciare lo stabilimento di via Brin, scongiurandone la chiusura.

«Siamo giunti ad un’ipotesi di accordo, nel pieno rispetto di quanto sottoscritto il 21 dicembre scorso - afferma il segretario dalla UilCom Campania Massimo Taglialatela - ovvero sugli interventi del costo del lavoro, che hanno l’impianto dell’anticipo e della restituzione ai lavoratori nel medio e lungo termine, cioè si interverrà su alcune voci del costo del lavoro, che poi saranno restituite in funzione del buon andamento della sede di Napoli. L’ultima parola sarà data ai lavoratori, prima faremo assemblee in azienda, poi un referendum».

Le rsu di Slc-Cgil spiegano che «il voto del 21 e 22 febbraio deciderà se il lavoro fatto al Ministero sarà trasformato in un accordo per la salvaguardia del sito e per annullare i licenziamenti. Eventuali recuperi di produttività comporteranno un incremento di ore lavorate per trasformare i part time da 4 ore verso le 5-6 ore».

Tra le ipotesi venute fuori ieri al tavolo del Ministero dello Sviluppo Economico, c’è anzitutto un pacchetto di interventi da applicare sui dipendenti che vanno dai ratei di Tfr da calcolare solo su paga base e contingenza , sul congelamento degli scatti di anzianità e sulla cassa integrazione.
Con ogni probabilità, si tratterà di interventi a tempo determinato.
Il taglio del costo del lavoro era stato nei mesi scorsi il principale argomento della disputa tra Almaviva e le sigle sindacali, che lo consideravano inattuabile.

Mentre per la multinazionale si trattava di una soluzione inevitabile per rimettere in sesto la sede di Napoli.
L’ipotesi emersa dal tavolo di ieri sembra, invece, condivisa da tutti, con una formula inedita per Almaviva, ma toccherà alle assemblee dei lavoratori dare l’ok definitivo tra martedì e mercoledì prossimi.