Almaviva, uil Campania: "braccio di ferro senza fine tra azienda, parti sociali e lavoratori"

Almaviva, uil Campania: "braccio di ferro senza fine tra azienda, parti sociali e lavoratori"

il segretario, Taglialatela: "Non ci fermeremo fino a quando non troveremo soluzione positiva"

26-01-2017  “Oggi braccio di ferro senza fine tra Almaviva contact e parti sociali e lavoratori, con il Governo a fare da mediatore, nella persona del vice ministro Teresa Bellanova". così la nota di Uil Campania. "L'azienda - si legge nel comunicato  -  ha nuovamente esposto l'andamento economico del sito partenopeo ribadendo la necessità di trovare quanto prima un accordo per poter permettere al più presto la ripresa dell'attività produttiva. A tal proposito è stato già definito un calendario di incontri a partire dal prossimo 7 febbraio; in quell'occasione, i sindacati chiederanno di entrare nello specifico tecnico delle richieste Aziendali.

Gli altri due incontri previsti saranno il 9 e il 13 febbraio. -Vogliamo che questa crisi perenne finisca al più presto e che l’azienda dia migliori soluzioni a tutti i lavoratori, solo a Napoli contano oltre 843 dipendenti - sono queste le priorità per il leader della UilCom Campania Massimo Taglialatela. Ricordiamo che l'accordo proposto dal governo prevedeva la cassa integrazione di 3 mesi (gennaio a zero ore, febbraio al 70%, marzo al 50%) con la garanzia, entro il 31 marzo 2017, di arrivare ad un accordo efficace. - La lotta non finirà – conclude il Segretario della UilCom Campania Massimo Taglialatela - fino a quando una soluzione positiva non verrà trovata".

  • Creato il .
  • Visite: 1573