Cementir: sindacati, la situazione è drammatica

Cementir: sindacati, la situazione è drammatica

23 gennaio 2017

Nello stabilimento di Arquata Scrivia (Alessandria) l'assemblea pubblica indetta dalle Rsu e dalle tre sigle di categoria. L'appello di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil alle istituzioni locali. “Massimo impegno per ridurre gli esuberi”.
Un appello al “massimo impegno per ridurre gli esuberi”. È quello che le segreterie nazionali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil rivolgono alle istituzioni locali nella vertenza Cementir, il colosso italiano del cemento che nei giorni scorsi ha annunciato nuovi licenziamenti allo stabilimento di Arquata Scrivia (Alessandria) dove oggi (23 gennaio) è in programma l'assemblea pubblica indetta dalle Rsu Cementir e dai sindacati alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni e ai parlamentari del territorio.

Venerdì prossimo arriveranno nella cittadina piemontese per una conferenza stampa le segreterie nazionali dei sindacati, che parlano di situazione drammatica alla Cementir. “Cosa vuole fare l'azienda dei suoi stabilimenti?”, domandano i rappresentanti dei lavoratori. "Perché sta esternalizzando tutta una serie di funzioni proprie di un cementificio? Ha forse intenzione di indirizzare il proprio business verso altre produzioni, ad esempio passando dal cemento all'energia elettrica attraverso la riconversione dei cementifici in termovalorizzatori?" sono gli altri interrogativi dei sindacati.

  • Creato il .
  • Visite: 1056