Cassazione, vietato fumare in ambiente di lavoro: legittimo il licenziamento disciplinare

Scarica la sentenza numero 23862/2016 del 23 novembre

28-11-2016 La CORTE DI CASSAZIONE  ribadisce che fumare nel posto di lavoro può essere un comportamento idoneo a legittimare il licenziamento del dipendente, specie se questi, con il proprio vizio, mette a repentaglio la salute dei colleghi.

In particolare, con la sentenza numero 23862/2016 del 23 novembre, la Corte di cassazione ha respinto in toto il ricorso presentato da un lavoratore avverso la sentenza con la quale la Corte d’appello di Ancona aveva confermato la legittimità del licenziamento disciplinare intimatogli per aver fumato in un ambiente di lavoro ove erano presenti materiali infiammabili.

  • Creato il .
  • Visite: 1374