Sifus Confali fp, soddisfatti dai risultati emersi dall'incontro

 

sifus

 

COMUNICATO SINDACALE

La nostra O.S. si ritiene soddisfatta dai risultati emersi dall'incontro di ieri  con il gruppo dirigente degli Assessorati formazione e lavoro composto dal nuovo Dirigente Generale Dott.ssa Patrizia Valenti e dai Tecnici dei due Assessorati interessati alla vertenza che la nostra sigla sta portando avanti. Ricordiamo che punti fondamentali dai quali abbiamo ricevuto grandi rassicurazioni sono relativi al FDG, che avendo già individuato i fondi PAC, attraverso  una più rapida procedura di delibera di giunta, consentirebbe il pagamento immediato  per l'annualità 2012, a seguire gli  altri presumibilmente con cadenza di 15 giorni, per concludersi entro il mese di Agosto.  Per quanto riguarda la definizione dell'albo,  prossimo ad essere reso pubblico con decreto in gazzetta entro la settimana, i numeri parlano di circa 5.200 soggetti che hanno rinnovato il proprio interesse alla permanenza nell'Albo, di questi circa 1.340 provengono dai servizi formativi, circa 2.100 ad oggi sono in possesso di un contratto di tipo subordinato con gli Enti di Formazione accreditati, circa 700 sono prossimi alla pensione e di conseguenza le azioni riguardanti la ricollocazione dovrebbero interessare poco più di 1.000 soggetti. Dopo l'effettiva definizione dell'albo e la sua pubblicazione,   il Dott. Lo Iacono si è impegnato ad inviare l'albo all'INPS per il censimento dei lavoratori prossimi alla pensione. Per quel che concerne la didattica a distanza,  al fine di riqualificare il personale inoccupato, si  potrebbe prevedere anche Formazione in aula, visto il superamento della fase emergenziale legata al COVID-19, ed il reperimento delle risorse economiche pari a 10 milioni di euro, saranno  disponibili tra ottobre e novembre c.a. Il punto  su cui abbiamo rappresentato la nostra maggiore preoccupazione è quello  relativo  alla riqualificazione del personale da inserire nel settore della digitalizzazione, preoccupazione scaturita dal possibile affidamento dei servizi di Digitalizzazione a società private del calibro di Poste Italiane e Microsoft che già dispongono di Infrastrutture e personale dedicato, per questo abbiamo ravvisato carattere d'urgenza in merito all'attuazione del protocollo d'intesa tra ANPAL Servizi e Assessorati Regionali Formazione, Lavoro e Attività produttive.  Protocollo che  consentirebbe l'assorbimento di circa 600/800  lavoratori definitivamente espulsi dal comparto della Formazione Professionale e dagli "Sportelli" sull'intero bacino degli inoccupati. Anche in questo caso abbiamo avuto le rassicurazioni della Dott.ssa Valenti che, al fine di snellire la procedura  si  è impegnata a contattare un dirigente ANPAL per approfondire tutti gli aspetti legati alle tempistiche di possibile avvio ed eventuali incentivi  per l'autoimpiego di cui tanto si è parlato nei vari tavoli. In merito al reimpiego del personale dei Servizi Formativi, il Dott. Zappia, ci ha comunicato che il concorso che riguarda i CPI terrà in considerazione le professionalità  delle figure di sistema che possono vantare comprovato servizio all'interno dei CPI, per tutti gli altri vale la stessa sorte dei colleghi del comparto formazione, in quanto facenti parte dell'Albo che è Unico.   Massima attenzione abbiamo posto anche alla Dott.ssa Valenti per le discrasie legate al reclutamento del personale nella fase di avvio delle attività relativamente all'Avviso 2, dove spesso non sono stati rispettati gli articoli   del CCNL Formazione Professionale 2011/2013 in termini retributivi. A tal proposito il Dott. Lo Iacono si è riservato di far controllare agli Uffici preposti eventuali anomalie e sanzionare eventualmente gli illeciti, rassicurandoci sul fatto che già altre regole più stringenti sono state emanate al fine di evitare tali irregolarità

 A conclusione della seduta, è emerso che la preziosa disponibilità dimostrata da parte dei dirigenti assessoriali, ci ha permesso di esporre  i punti di maggiore preoccupazione per migliaia di lavoratori, e poichè nella nostra vertenza la  collaborazione istituzionale assume il significato più importante, la nostra O.S. confida nell'impegno dell'amministrazione regionale a voler risolvere definitivamente L'annosa questione degli operatori della FP. Pertanto si precisa che  in difetto di quanto accordato, e se si dovesse intravedere inadempienza da parte dell'amministrazione regionale, la nostra O.S.   interverrà adeguatamente per non consentire ulteriori possibili lesioni dei diritti a danno dei lavoratori. Avvalendoci del pieno diritto dell'art. 17 della costituzione italiana torneremo in piazza a rivendicare i nostri diritti e se si ravvisasse la necessità, si richiederanno le giuste tutele nelle sedi opportune.

         Il Segretario Generale SI.F.U.S.  CONF.A.L.I.  Maurizio Grosso

         Il Segretario Regionale SI.F.U.S.  CONF.A.L.I. FP Costantino Guzzo

                              Firmato in Originale

  • Creato il .
  • Visite: 1310