https://www.MotorDoctor.it' title=

Maria Teresa Ciminnisi: se la Regione siciliana non dovesse convocare tutte le parti sociali si assumerebbe una responsabilità politica senza precedenti

maria teresa

 

16.11.2019 -Nella foto  Maria Teresa Ciminnisi, responsabile regionale dell'Associazione Gli irriducibili della formazione professionale.

Maria Teresa, qualche mese fa sembrava che a livello nazionale, finalmente, "si fosse aperto un portone" per arrivare alla risoluzione della grave ingiustizia subita da migliaia di lavoratori della formazione siciliana, ma adesso sembra che non ci siano stati più riscontri, cosa è successo ? Come mai gli assessori regionali non hanno risposto al Dott. VANIN?
Avete ancora notizie da Roma o tutto si è insabbiato nella palude dell'ars?

É  bene precisare che il tavolo romano non è  mai stato un tavolo sindacale ma istituzionale cioè  tra  due istituzioni  con ruoli e prerogative diversi  quali la  Regione siciliana e il ministero del Lavoro.  Questo chiarimento è  d' obbligo per spiegare come  mai a quasi  un anno dall apertura del tavolo  non si sia ancora  concluso!
E qui c'è  il rimpallo delle responsabilità!  Il ministero del Lavoro chiede  dati  che possiede   la Regione Siciliana, che sono indispensabili per adottare le soluzioni. Risulta a noi sindacati che questi dati sarebbero in procinto per essere trasmessi !

Adesso finalmente dopo tante divisioni, quasi tutte le OO.SS ed i movimenti avete deciso di intraprendere un percorso unitario, cosa chiedete alle istituzioni?

Devo dire con enorme difficoltà  e non  solo da  parte mia e dell'associazione che  rappresento!  Nonostante tutto  siamo approdati ad un percorso unitario con Cgil Cisl e Uil poiché abbiamo verificato  una loro generale condivisione sul nostro  percorso e sui contenuti che sono sempre stati alla base delle azioni  delle o.s.autonome e dalle ass.i dei lavoratori.  Chiediamo  al Presidente Musumeci, l'Assessore Scavone (Famiglia, Lavoro e Politiche Sociali) e l'Assessore La Galla Istruzione e Formazione Professionale) di provvedere all'adempimento di quanto previsto dalla normativa vigente e dal CCNL di categoria, nonché ai dovuti controlli per le tutele occupazionali rivolte al personale iscritto nell'Albo ad Esaurimento della FP ai sensi della L.r. 24/76 art. 14 - L.r. 10/2018 art.5 e nell'Elenco ad Esaurimento degli Operatori delle Politiche attive del Lavoro ai sensi della L.r. 8/2016 art.13 - L.r. 10/2018 art.19, a seguito dell'accordo quadrilaterale del 23/07/2018, che vede la sottoscrizione dei 4 soggetti istituzionali coinvolti nell'attuazione dei percorsi di Formazione Professionale e dei Servizi per le Politiche attive del Lavoro in Sicilia: Assessore La Galla, Assessore Scavone, Associazioni datoriali, Parti Sociali.

Come intendete procedere se la regione siciliana non vi convoca?

Intanto se la Regione siciliana non dovesse convocare tutte le parti sociali si  assumerebbe una responsabilità  politica senza precedenti e io non credo che vacillante com' è  dal punto di vista del consenso possa permetterselo. Però  poiché  in questi anni ci hanno abituati a tutto non mi stupirei. Noi come fronte sindacale unitario qualora non dovessimo trovare riscontro abbiamo già  organizzato per il 27 novembre una forte azione di protesta che potrebbe assumere connotati inediti. Nessuno di noi è  disposto a cedere sul proprio diritto al lavoro e in questi anni abbiamo dato a tutti possibilità  e soluzioni che riguardano tutta la platea e che si giocano su due livelli, quello regionale e quello nazionale, l'uno sostiene e rafforza l'altro   perché  aldilà  delle cosiddette " piattaforme" che non sono vangelo per nessuno ma delle griglie di lavoro  ciò  che si rivendica a piena voce è il diritto di  riprendere  a Lavorare per entrambe le filiere formazione e politiche attive, su questo non ci saranno  discussioni !!!

  • Creato il .
  • Visite: 2056