Scritto da Administrator il . Postato in Le notizie del giorno

Ex PIP: gli interventi di FIGUCCIA (UDC) e MILAZZO (Forza Italia) all'ARS

 

ARS

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana XVII Legislatura

 

RESOCONTO STENOGRAFICO

(Stesura provvisoria)

88ª SEDUTA

GIOVEDÌ 6 DICEMBRE 2018

Presidenza del Presidente MICCICHE’

A cura del Servizio Lavori d’Aula


 

Assemblea Regionale Siciliana

2

XVII LEGISLATURA

88a SEDUTA

6 dicembre 2018

     

INDICE

Assemblea regionale siciliana

(Indirizzo di saluto agli studenti dell’Istituto Tecnico Superiore “Fortunato Fedele” di Regalbuto):

PRESIDENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

Congedi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

Disegni di legge

“Variazioni al bilancio di previsione della Regione per l’esercizio finanziario 2018

PRESIDENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4,5

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

FIGUCCIA (UDC - Unione dei Democratici Cristiani e dei Democratici di centro) . . . . . . . . . 3

MILAZZO (Forza Italia) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

 

 

Assemblea Regionale Siciliana

3

XVII LEGISLATURA

88a SEDUTA

6 dicembre 2018

     

La seduta è aperta alle ore 18.05 PRESIDENTE. La seduta è aperta.

Congedi

PRESIDENTE. Comunico che sono in congedo per oggi gli onorevoli Pullara, Arancio e Lantieri.

L’Assemblea ne prende atto.

Sull’ordine dei lavori

FIGUCCIA. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

FIGUCCIA. Signor Presidente, onorevoli colleghi, sono certo che sarà sua intenzione voler dare un’accelerazione ai lavori d’Aula in funzione della tempistica, considerato che la Ragioneria generale, ovviamente, ha dei tempi da rispettare e che - come lei giustamente ha detto - è invece intendimento del Parlamento andare a favore di tutte le fasce deboli.

Così come si è fatto rispetto al tema dei forestali, dove una parte dei 44 milioni di euro dovranno essere utilizzati per consorzi di bonifica, ESA e forestali. Così come si è fatto rispetto ai PIP.

Ma proprio rispetto a questi ultimi, signor Presidente, vorrei farle presente che, purtroppo, da circa una settimana ci ritroviamo sotto la Piazza una presenza numerosa di questi lavoratori. Lavoratori che attendevano, così come è stato fatto attraverso la variazione di bilancio, gli emolumenti per il mese di novembre e di dicembre, ma che vorrebbero altresì la possibilità di porre fine ad una condizione diciamo anche illegittima, come da alcuni è stata definita, di “lavoro nero” all’interno dei siti dove sono utilizzati.

Noi sappiamo che sono utilizzati all’interno degli ospedali, all’interno dei comuni, di tantissimi comuni, di questure e di una serie di altri siti. Ecco, siccome questi soggetti ci chiedono e, insieme a loro devo dire un po’ tutte le categorie, che venga effettivamente posta fine a questa condizione di lavoro nero, e che vengano, finalmente, ripristinati i contratti – considerato che esiste, già, una legge che prevede il loro passaggio in Resais – Presidente, io volevo rappresentarle la necessità che ci viene posta di evitare, diciamo, ulteriori lungaggini, ulteriori proroghe per poter garantire la fine di questa condizione di lavoro nero e poter passare, finalmente dopo 18 anni, ad una condizione di contrattualizzazione.

Indirizzo di saluto agli studenti dell’Istituto Tecnico Superiore

“Fortunato Fedele” di Regalbuto

PRESIDENTE. Salutiamo i ragazzi dell’Istituto Tecnico Superiore “Fortunato Fedele” di Regalbuto. Grazie di essere qua. Avete trovato una giornata in cui ci sono pochi deputati, perché abbiamo rinviato le votazioni ad altro giorno, però ci fa piacere la vostra presenza e vi salutiamo tutti.

Sull’ordine dei lavori

MILAZZO. Chiedo di parlare sull’ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

 

Assemblea Regionale Siciliana

4

XVII LEGISLATURA

88a SEDUTA

6 dicembre 2018

MILAZZO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, è inusuale, in genere, fare degli interventi quando si deve incardinare un testo per stabilire il termine per gli emendamenti, ma siccome ho capito che il senso di alcuni deputati - non è niente di personale - è quello di portare avanti interventi, come dire, “con la pancia” sulla spinta della Piazza, io lo voglio dire chiaramente: l’Assemblea ha legiferato, ed io sono in Commissione “Bilancio”, l’onorevole Figuccia, purtroppo, non c’era. Abbiamo stanziato i soldi per terminare, a completamento dell’anno, le due mensilità restanti, ovviamente ora sta a “Sicilia digitale” e al Dipartimento, perché l’Assemblea, l’onorevole Milazzo, il Presidente Micciché non si può sostituire al Dipartimento. Noi non produciamo atti di gestione. Non posso andare domani mattina io là a fare pagare gli stipendi. Poi ognuno è pagato, e forse anche strapagato, per garantire a questi lavoratori l’efficienza. Quindi, noi abbiamo messo i soldini.

Per quanto riguarda la norma, non è una proroga. Il titolo, nel testo lo leggeranno, è una norma a salvaguardia, ovvero siccome il termine dell’1 gennaio, in seguito all’impugnativa, diventa rischioso proprio per loro, perché rischierebbero di rimanere fuori, sia dal bacino che da Resais, così come sta accadendo per i lavoratori della SAS che aspettano la sentenza della Corte Costituzionale, nel frattempo sono a casa senza un euro, noi la norma come Regione, il Presidente della Regione, la sta difendendo davanti alla Corte costituzionale.

Il tema è, se c’è una stragrande maggioranza che ci vuole transitare, si faccia un incontro col Governo e i sindacati, manifestino la volontà che ci vogliono andare, se la norma non vi piace, onorevole Figuccia, presenti il soppressivo alla norma, la bocci, ho capito il senso della cosa, bocciando la norma che abbiamo approvato in Commissione “Bilancio”, tutto ad un tratto questi signori saranno assunti in Resais e tutti saranno felici e contenti. Io lo voglio dire, se si vuole fare…, l’importante è che noi come Parlamento la norma di salvaguardia l’abbiamo fatta. Ora se qualcuno vuole distruggere, assumendosi responsabilità, a me non interessa. In Commissione abbiamo appostato le risorse per garantire i pagamenti a questi signori, devo dire con grande senso di responsabilità da parte di tutti, dal Movimento Cinque Stelle al Partito Democratico, non si è nemmeno fiatato nel garantire queste risorse. Addirittura, gli Uffici hanno chiesto perché l’1 luglio e non il 31? Perché l’argine sono le motivazioni o il via libera che darà la Corte costituzionale.

Dopo 18 anni si è rischiato in Parlamento di proporre una norma per proporre il transito dignitoso, con tutele a questi soggetti, che nel passato sono stati prima come gli Lsu, poi associati a Trinacria, poi ci siamo accorti che non c’era la convenzione, poi Crocetta li ha buttati fuori, poi sono rientrati. Sono stati presi a calci nel sedere!

Questo Parlamento ha posto un tema. In questi 6 mesi il Governo regionale deve creare l’interlocuzione con Roma dicendo: c’è un’impugnativa davanti alla Corte costituzionale, noi cosa dobbiamo fare? Abbiamo 2.800 padri di famiglia appesi in aria. Ho notato da parte del Movimento Cinque Stelle, per esempio nel caso delle province, un impegno serio. Se noi evitiamo di fare sommosse e aizzare la Piazza e facciamo sì che la politica e le Istituzioni dialoghino, forse questo percorso, pilotandolo con la saggezza, va a buon fine.

BARBAGALLO. Onorevole Milazzo, mi ha convinto!

MILAZZO. Perché se sbagliamo facciamo danno, e facciamo danno ai lavoratori.

Discussione del disegno di legge «Variazioni al bilancio di previsione della Regione per l’esercizio finanziario 2018 e per il triennio 2018-2020. Disposizioni varie» (455/A)

PRESIDENTE. Si passa al punto II dell’ordine del giorno: Discussione di disegni di legge.

 

Assemblea Regionale Siciliana

5

XVII LEGISLATURA

88a SEDUTA

6 dicembre 2018

Si procede con la discussione del disegno di legge «Variazioni al bilancio di previsione della Regione per l’esercizio finanziario 2018 e per il triennio 2018-2020. Disposizioni varie» (455/A), posto al numero 1).

Invito i componenti la II Commissione a prendere posto al banco delle Commissioni.

Onorevoli colleghi, se siete tutti d’accordo, oggi incardinerei il disegno di legge, diamo 24 ore di tempo per presentare gli emendamenti e, quindi, andiamo a domani alle ore 18.00. Domani alle ore 18.00 io sono disponibile, ovviamente, a fare Aula per la discussione generale per andare poi alla settimana prossima per le votazioni.

Mi è stato chiesto da qualche Presidente di Gruppo parlamentare di evitare il lunedì e convocare l’Aula il martedì. Io non ho nessuna difficoltà, basta che poi martedì velocizziamo le cose.

Quindi, se siete d’accordo, procediamo in tal senso, incardiniamo il disegno di legge e diamo 24 ore di tempo per presentare gli emendamenti, domani la seduta sarà alle ore 11.00 per la discussione generale.

Pertanto, la seduta è sospesa e riprenderà domani, venerdì 7 dicembre 2018, alle ore 11.00, per la discussione generale e poi rinviamo a martedì per la votazione.

La seduta è sospesa.

(La seduta è sospesa alle ore 18.13)

DAL SERVIZIO LAVORI D’AULA

Il Direttore

dott. Mario Di Piazza

Il Consigliere parlamentare responsabile

dott.ssa Maria Cristina Pensovecchio

C:\Users\GIUSEPPE\AppData\Local\Temp\msohtmlclip1\01\clip_image003.gif