Visite agli articoli
8148383

Abbiamo 389 visitatori e nessun utente online

Nh Italia, ipotesi chiusura a Palermo.

14-09-2016  Il gruppo alberghiero spagnolo Nh, che anni fa ha rilevato in Italia Jolly hotels, costituita nel lontano 1949 da Gaetano Marzotto, si starebbe preparando a chiudere  l’Nh Palermo - con conseguenti potenziali esuberi per 26 unità.

Nh Italia si è resa disponibile da subito a un dialogo costruttivo con i sindacati al fine di individuare ogni misura utile a ridurre l'impatto sociale della procedura di licenziamento collettivo avviata.

I sindacati: "Ci impegneremo per evitare i licenziamenti". Resta aperta l'ipotesi di dare alla struttura un carattere stagionale.

L'azienda aveva avviato un piano di ristrutturazione dei vari alberghi a causa della crisi e adesso aveva adottato una strategia mirata che prevedeva di puntare su hotel a 4 stelle per una clientela ad altro profilo in località ad alta capacità ricettiva.

“Palermo è risultata una città con risultati economici continuativamente negativi ”, ha spiegato in una nota l'azienda  “insoddisfacenti anche rispetto alle altre strutture della compagnia sul territorio nazionale”. I costi di manutenzione inoltre sarebbero insostenibili e l'affluenza di turisti troppo ridotta nella stagione invernale e in generale nella bassa stagione.

Da qui le continue perdite e la decisione di licenziare e chiudere.

Nh Hotel Group (www.nh-hotels.com) si colloca al terzo posto nel business delle catene alberghiere europee e gestisce circa 400 hotel con 60mila camere in 29 Paesi tra Europa, America e Africa, comprendendo destinazioni top come Amsterdam, Barcellona, Berlino, Bogotà, Bruxelles, Buenos Aires, Düsseldorf, Francoforte, Londra, Madrid, Città del Messico, Milano, Monaco di Baviera, New York, Roma e Vienna. Una quota azionaria di riferimento fa capo al gruppo cinese Hna; Nh e Nha hanno poi sviluppato una partnership strategica per investire in Cina . Con 54 alberghi, 8.238 camere e circa 450 sale meeting in 27 città, Nh ha posizioni leader in Italia. E quello italiano è risultato nel 2015 il mercato che ha avuto la migliore evoluzione all'interno del gruppo, con ricavi per camera disponibile (Revpar )del 19,9%. Il ricavo medio per camera occupata (Adr) a Milano, dove l'azienda ha 12 hotel, è aumentato del 41,1%, grazie all'Expo. I ricavi in questo mercato sono cresciuti del 15,6% e l'Ebitda ha raggiunto quota 48,6 milioni. Le prospettive per il primo trimestre continuano ad essere positive, si legge in una nota del gruppo Nh. A livello di gruppo il 2015 si è chiuso con entrate totali cresciute del 10,3%, arrivando a quota 1, 4 miliardi; l'Ebitda è migliorato del 35,8% giungendo a quota 149,5 milioni, mentre l’utile netto ha raggiunto quota 0,9 milioni, a fronte di perdite per 9,6 milioni nel 2014.