Caso Windjet dall`Inps ok alla cassa integrazione

SICILIA CATANIA
Dir. Resp. Mario Ciancio Sanfilippo
Tiratura: 21798 - Diffusione: 34008 - Lettori: n.d.
Edizione del 24/04/2016
Estratto da pag. 31
L A V E R T E N Z A W I N D J E T
Caso Windjet dall`Inps ok alla cassa integrazione = Terminata attività ispettiva, si sblocca la Cigo

LA VERTENZA

Caso Windjet dairinps ok alla cassa integrazione

Terminata attività ispettiva, si sblocca la Cig

L'Inps sbloccherà la cassa integrazione guadagni ordinaria (Cigo) per la ditta Wind Jet spa in concordato.

La verifica ispettiva da parte dell'Ispettorato del lavoro si è infatti conclusa positivamente. Lo comunica con una nota la Fili Cgil di Catania, ricordando che la verifica a carico della ditta Wind jet spa si era inceppata a causa di un problema burocratico; il ministero del Lavoro aveva infatti inviato una nota alla Direzione territoriale del lavoro etnea lo scorso 1 aprile per awiare l'ispezione. La nota su pec non venne però mai ricevuta dalla direzione territoriale e nel frattempo gli oltre 500 lavoratori non hanno percepito alcuna forma di sostegno al reddito perché dal 19 dicembre 2015 Ã Inps non ha mai erogato somme. «Venuti a conoscenza dell'inghippo abbiamo subito coinvolto la Filt nazionale, che dopo uno scambio di contatti ministeriali ci ha girato la nota per l'ispezione - spiegano il segretario della Fili Cgil, Alessandro Grasso, e il responsabile Mercato del lavoro, Giuseppe Oliva - Poi abbiamo anche interessato la deputata Albanella per una sollecitazione e dopo settimane di invio di email e solleciti riusciamo ad avere un'interlocuzione diretta con il ministero. Infine, il direttore Amich è riuscito ad attivare l'ispezione tanto attesa». «Tutto questo dimostra - continua la nota - come sia sempre più probabile per i lavoratori pagare in prima persona il prezzo dei ritardi burocratici e che il ruolo del sindacato spesso diventa anche quello di velocizzare passaggi che in teoria dovrebbero essere automatici. Adesso è necessario sbloccare la cassa integrazione per i lavoratori, che finalmente potranno beneficiare degli ammortizzatori sociali».