Autogrill Palermo. CIA Autogrill, le risposte dell’azienda

4 maggio 2016
CIA Autogrill, le risposte dell’azienda

In data 29 aprile si è tenuto l’incontro nazionale richiesto dalle Segreterie Nazionali per affrontare alcune problematiche relative all’applicazione del Contratto Integrativo Aziendale sottoscritto il 15 ottobre 2015.

In apertura è stato chiesto dai sindacati alla direzione aziendale di fornire alcuni aggiornamenti rispetto ad andamento economico, concessioni in scadenza e relative gare di assegnazione.

Il 2015 ha registrato un trend migliore rispetto all’anno precedente seppur ancora lontano dai risultati del 2010. L’ebitda rileva un sensibile miglioramento, sono state effettuate 202 assunzioni/stabilizzazioni a tempo indeterminato e sono stati acquisiti due nuovi ristoranti: Ofanto e Alfaterno (Sa).

Sulle imminenti gare l’azienda ha mantenuto il solito riserbo dettato dai vincoli di riservatezza derivanti dall’essere quotata in borsa, ribadendo la propria volontà di continuare a essere leader di mercato, e impegnandosi a fornirci comunque tempestive informazioni non appena ciò sarà possibile.

Filcams, Fisascat e UILTuCS hanno ribadito la preoccupazione relativamente al mancato rinnovo del CCNL che contiene, tra l’altro, le norme che regolano la procedura dei cambi di gestione, rinnovando l’appello a “fare di più” per arrivare in tempi rapidi ad un positivo esito di questa travagliata trattativa.

Riguardo all’oggetto prioritario del confronto, ecco i punti affrontati e le risposte/disponibilità ottenute.

STERILIZZAZIONE PREMIO AZIENDALE E TERZO ELEMENTO SU TREDICESIMA 2015

Autogrill ha operato sulla tredicesima 2015 il completo azzeramento di premio aziendale e terzo elemento autostradale nonostante l’accordo integrativo fosse in vigore solo dal 1 luglio 2015, appellandosi al CCNL che, per questo istituto come per la quattordicesima, prevede di considerare la retribuzione in atto al momento dell’erogazione.

Tale operazione consentirà all’impresa alla scadenza dell’intervento di sterilizzazione (31 dicembre 2018) di erogare nel 2019 la quattordicesima piena. Le organizzazioni sindacali hanno compreso la ratio dell’intervento ma hanno altresì esplicitato come i lavoratori si sarebbero attesi una decurtazione parziale ossia limitata ai 6 ratei effettivamente maturati (luglio ‐ dicembre).

I sindacati si sono riservati un’ulteriore verifica per comprendere oltre che la praticabilità di un correttivo anche l’effettiva bontà di una soluzione rispetto all’altra.

RECUPERO PRESENZA RIPOSO IN DEROGA (ACCORDO SIREA)

Per effetto di un vecchio accordo riguardante la sola rete commerciale, applicato a “soli” 643 lavoratori, il lavoro prestato nelle giornate di chiusura veniva maggiorato del 30%.

Con la sigla del contratto integrativo, Autogrill ha superato questa condizione di miglior favore sostenendo di averlo discusso in una delle fasi della trattativa. Aldilà dell’incomprensione fra le parti e del relativo deficit informativo che ne è seguito, i rappresentanti dei lavoratori hanno sottolineato la necessità di trovare soluzioni compensative per il personale coinvolto.

Filcams, Fisascat e UILTuCS hanno pertanto proposto di ritenere sospesa fino al 31 dicembre 2018 la condizione unilateralmente soppressa dalla impresa e nel frattempo di promuovere l’attivazione di confronti territoriali per ricercare adeguate compensazioni. Qualora a quella data i tavoli decentrati non avessero prodotto risultati, la partita verrebbe di nuovo affrontata a livello nazionale. L’azienda si è resa disponibile ad esplorare questa ipotesi di lavoro.

INTERPRETAZIONE ARTICOLO 9 CIA (RIPOSO SETTIMANALE)

Condivisa l’idea di fornire una interpretazione autentica della norma che superi il concetto di “settimane di lavoro” sostituendolo con quello di “domeniche di lavoro”. Ogni 5 domeniche effettivamente lavorate il lavoratore dovrà pertanto godere di una domenica di riposo. Le assenze interromperanno il conteggio ma non lo azzereranno.

PREMIO AZIENDALE

Autogrill sta applicando il premio aziendale sulla presenza (così come era previsto già dall’accordo del 1988). Il premio pertanto non viene erogato, tra l’altro, quando il lavoratore fruisce di Rol o di permessi legge 104. Tale modalità di pagamento dovrà cessare (assieme alla sterilizzazione) al 31 dicembre 2018.

I sindacati hanno chiesto di chiarire meglio questo aspetto di modo da fugare eventuali dubbi interpretativi che potrebbero insorgere, esplicitando per iscritto che alla data sopraindicata il premio tornerà ad essere pagato senza il vincolo dell’effettiva presenza.

Hanno anche sottolineato come i permessi legge 104 debbano essere considerati presenza, anche perché la legge fu emanata successivamente alla disciplina concordata nell’88. Essendo una prassi non condivisa con le organizzazioni sindacali quella dell’impresa di programmare annualmente i Rol assieme alle ferie, hanno rimarcato come tale comportamento sia non in linea con la natura dell’istituto e le previsioni del contratto nazionale: pertanto i sindacati hanno richiesto di gestire correttamente la fruizione del Rol e comunque, qualora si persista nella programmazione, di non operare la trattenuta del premio.

Anche su questo fronte Autogrill si è resa disponibile a trovare una soluzione, riservandosi un supplemento di riflessione a partire dal tema dei congedi ex legge 104/92. Alla fine di questa approfondita analisi si è concordato di stilare prossimamente un verbale a latere che raccolga quanto discusso e le mediazioni raggiunte.

Autogrill ha anche accolto l’invito dei sindacati ad attivare le commissioni contrattualmente previste, ivi compresa quella sui livelli e le mansioni alla luce anche dei cambiamenti in atto sulla rete autostradale ( Bistrot Arda e Partnership con Eataly a Secchia Ovest), nonché ad affrontare la annosa questione della carenza degli RLS, esplorando compiutamente la possibilità di definire eventuali bacini o aree omogenee di competenza e intervento.

In chiusura di questa intensa giornata di confronto, l’azienda ha comunicato che le problematiche relative all’erroneo pagamento degli infortuni risultano essere in via di soluzione e che verranno consegnate entro il 2017 le nuove divise.

Sarà anche implementato a breve il progetto europeo “open line” che consiste nella possibilità offerta a tutti i dipendenti di segnalare comportamenti virtuosi o negativi compiuti dai colleghi, ricorrendo ad un comitato etico che avrà il compito di verificare quanto comunicato/denunciato, e in presenza di violazioni, attivare sanzioni.

Su questo tema specifico Filcams, Fisascat e Uiltucs nazionali hanno espresso ampie perplessità invitando al rispetto delle normative vigenti nel nostro paese che regolano non solo gli aspetti legati al lavoro ma anche la tutela della privacy.

Il prossimo incontro si terrà il 6 luglio 2016 a Roma. In quella occasione, oltre a concludere l’analisi dei punti problematici del CIA con l’auspicabile sottoscrizione di un apposito verbale, si affronterà l’erogazione della prima tranche quadrimestrale del nuovo premio di risultato 2016.

Per quanto riguarda il 2015 invece, l’erogazione avverrà come di consueto nel mese di maggio. Autogrill invierà preventivamente i dati alle Segreterie Nazionali, che, sempre su questo aspetto, hanno offerto la propria disponibilità a che, sulla scorta di quanto previsto dalla recente normativa in materia, tutti gli importi “variabili” possano usufruire di un regime fiscale agevolato (detassazione)



Il 03/04/2014, presso l'Ente Bilaterale Regionale del Turismo, si è svolto, tra la Direzione Generale dell' Autogrill e le OO.SS l'esame congiunto relativo alla procedura dei licenziamenti collettivi di 23  dipendenti. L'Azienda ha ribadito e confermato la volontà espressa nella comunicazione ex art. 4 e 24 L. n.223/1991″
. Le OO.SS hanno chiesto di rinviare l'incontro al 14.04.2014  per proseguire la trattativa congiuntamente alla stazione appaltante (GESAP).  Intanto la Gesap ha emanato una nota dove precisa: -
"Altro che 'limitazioni di aree adibite a ristorazione, nell'Aeroporto di Palermo è in corso un imponente piano di riqualificazione delle aree Food&Beverage, ancora le stesse ad oltre 10 anni, al fine di garantire ai passeggeri e all'utenza aeroportuale un'offerta diversificata e più adeguata di quella attuale". "

 

AEROPORTI: GESAP, A PALERMO IMPONENTE PIANO DI RIQUALIFICAZIONE

Palermo, 4 apr.- (Adnkronos) - "Altro che 'limitazioni di aree adibite a ristorazione, nell'Aeroporto di Palermo è in corso un imponente piano di riqualificazione delle aree Food&Beverage, ancora le stesse ad oltre 10 anni, al fine di garantire ai passeggeri e all'utenza aeroportuale un'offerta diversificata e più adeguata di quella attuale". "Dopo l'apertura dello "Sky Lounge" nella sala partenze al terzo livello, unico esempio in Italia oltre Fiumicino, e l'ampliamento del punto di ristoro nella sala partenze al secondo livello, entro la fine di aprile verrà aperto un nuovo grande Bar al secondo livello, grazie al quale sarà possibile procedere alla integrale ristrutturazione dell?attuale ristorante, che assumerà una configurazione adeguata, per standard di qualità e accoglienza, allo sviluppo dell'Aeroporto di Palermo, grazie soprattutto con l'ampliamento dei voli diretti internazionali dal Nord Europa e dalla Russia - spiega la societa' in una nota – L' organizzazione del lavoro all'interno dei punti di ristoro di Autogrill non è materia che compete a Gesap, neanche in questa fase di ristrutturazioni ed adeguamenti, così come non lo fu al momento del subentro di Autogrill a Cremonini e My Chef, quando vennero garantiti i livelli occupazionali preesistenti". "Tirare in ballo Gesap è quindi improprio, oltre che errato dal punto di vista giuridico, e soprattutto non dà merito allo sforzo che la Società sta facendo, grazie anche al recente aumento di capitale sottoscritto dai Soci pubblici, sul fronte degli investimenti e del miglioramento dello scalo palermitano", dice la Gesap.

(04 aprile 2014 ore 08.16)


AEROPORTI: SCALO PALERMO INSERITO TRA QUELLI STRATEGICI

Palermo, 3 apr. - (Adnkronos) - L'aeroporto "Falcone-Borsellino" di Palermo è stato inserito tra gli scali strategici del Paese, grazie anche al fatto che è uno dei quattro che in Italia dispone di una pista superiore ai 4 chilometri necessari per i voli intercontinentali. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando, al termine della riunione tenutasi oggi a Roma tra l'Anci, l'Ancai (Associazione nazionale comuni aeroportuali italiani), e il presidente dell'Anac, Vito Riggio. "L'aeroporto di Palermo - sottolinea Orlando, che ha partecipato al vertice assieme all'assessore alle Attività produttive, Marco De Marco -, si afferma come uno degli snodi strategici del sistema aeroportuale nazionale e ciò è frutto dell'ottimo lavoro fatto in questi mesi dalla nuova gestione della Gesap al servizio dello sviluppo del nostro territorio".


Aeroporto chiuderà il bar


Bar a Punta Raisi, lettera di licenziamento per 23

La società Autogrill ha diffuso stamane una “comunicazione ex art. 4 e 24 L. n.223/1991″ per annunciare il licenziamento collettivo per la totalità del personale impiegato al ristorante, al bar centrale e al wine bar siti rispettivamente al terzo livello e al secondo livello dell’area land side dell’aeroporto “Falcone Borsellino” di Palermo. Si tratta di 23 dipendenti.

“L’Autogrill annuncia la chiusura delle unità produttive a far data dal 31 maggio 2014 – dichiara Mimma Calabrò segretario generale Fisascat Cisl Palermo Trapani – ritenendo insostenibile il persistente calo dei fatturati registrato dal 2012 ad oggi”.

L’azienda comunica che, a seguito della cessazione delle attività,non ritiene possibile adottare misure alternative ai licenziamenti fermo restando l’intenzione di aprire un nuovo locale sempre all’interno dell’aeroporto potrà riassorbire parte del personale ritenuto in eccedenza.

Nella nota inviata alle parti sociali, Autogrill fornisce specifiche riguardo il peggioramento del conto economico della società con conseguente perdita di ricavi: quasi 154mila euro nel 2012, ben 375.766 nel 2013.

“Registriamo positivamente le intenzioni rappresentate sapendo che, a nostro avviso – conclude la Calabrò – è indispensabile rintracciare tutte le soluzioni atte a salvaguardare l’intera compagine lavorativa ritenuta in esubero al fine di scongiurare che altri lavoratori paghino sulla propria pelle le conseguenze della crisi che, a 360°, ha messo in ginocchio l’economia”.

 

 

 

 

si è svolto il giorno 25 giugno 2013 presso il Ministero del Lavoro l’incontro con la Società Autogrill relativo alla procedura di licenziamento collettivo riguardante 140 lavoratori in esubero.

Dopo una complicata e a tratti tesa discussione, su invito del Ministero e grazie al notevole, anche se ancora parziale, risultato costruttivo emerso da parte dei confronti territoriali che finora hanno  revocato ben 100 esuberi, abbiamo convenuto di aggiornare l’incontro Ministeriale conclusivo alla data dell’8 luglio ore 13,00. (verbale all.)

 

Ciò con l’esclusivo fine   di verificare ulteriormente,  in sede territoriale,  la fattibilità degli strumenti organizzativi conservativi  utilizzati negli accordi locali finora sottoscritti per successivamente addivenire ad una soluzione condivisa della complessiva vertenza.

 

A tale scopo è stato concordato il seguente calendario di incontri territoriali:

 

•     27 giugno  ore 11.00     Lazio (La Macchia)
•     28 giugno  ore 12.00    Liguria
•     01 luglio ore 14.00        Emilia Romagna  (Ferrara)
•     02 luglio ore 11.00       Campania
•     02 luglio ore 15.00       Abruzzo
•     04 luglio  ore 15.00      Toscana

 

 

Autogrill chiude all’aeroporto Fontanarossa, licenziati 52 lavoratori

Si é svolto il 24 aprile presso il Centro congressi Cavour di Roma l'incontro con Autogrill nel quale si è sancita la fine, più volte prorogata, della fase sindacale relativa alla procedura di licenziamento collettivo Legge223/91 aperta il 23 gennaio 2013 .   Autogrill ha riferito dei risultati ottenuti  nei numerosi incontri regionali a seguito dei quali sono stati riassorbiti il 60 % degli esuberi. Infatti, risultano concordemente ricollocate 82 posizioni lavorative . Permangono ad oggi 55 lavoratori in esubero di cui 8 RCS, 8 manager,16 pt, 23 ft. In alcune regioni si sono incontrate difficoltà rappresentate dalla presenza di sindacati esterni al perimetro confederale; in altre esiste la possibilità di perfezionare intese già individuate. La FISASCAT ha invitato le parti a valorizzare gli sforzi fin qui fatti e ha chiesto ad Autogrill di utilizzare anche il tempo a disposizione della fase amministrativa in attesa della convocazione Ministeriale per continuare il confronto territoriale al fine di ridurre sempre più il numero delle lavoratrici e dei lavoratori in esubero, cogliendo nuove opportunità lavorative o nuove disponibilità da parte degli addetti dei ristorati interessati . Autogrill pur dichiarandosi disponibile a riattivare confronti, soprattutto laddove si creano elementi utili a possibili intese territoriali, ha ribadito con determinazione che in tali eventuali occasioni  e anche al Ministero non darà il proprio assenso per strumenti  che non siano quelli fin qui concordati, escludendo quindi il ricorso ad eventuali ammortizzatori sociali.

 

IPOTESI D'ACCORDO


Si è svolto a Roma presso il Centro Congressi Cavour, nella~giornata del 6 marzo 2013,~il terzo incontro relativo alla procedura di mobilità aperta da AUTOGRILL il 30 gennaio 2013 per 140 esuberi.La delegazione sindacale ha~chiesto nuovamente alla  Azienda la disponibilità a mettere in campo tutte le soluzioni utili per concludere~la~vertenza con una soluzione complessiva~senza alcuna ~azione traumatica.

 

. In particolare, la Fisascat ha ribadito la necessaria e urgente attivazione di confronti decentrati utili ad individuare~soluzioni di ricollocamento interno e di riassorbimento~degli esuberi fino al raggiungimento del pieno mantenimento occupazionale. Inoltre~ha ~sottolineato la necessità di una fase conclusiva nazionale della trattativa che si assuma~l'impegno~~di completare il recupero occupazionale anche attraverso~eventuali ammortizzatori sociali. Autogrill ha finalmente~ condiviso l'apertura~di ~un percorso comune che vede come prima istanza la programmazione di ~incontri con le strutture sindacali unitamente alle RSA/RSU~ regione per regione. Nei primi giorni della settimana subentrante saranno concordate le date utili. A tale scopo è stata fissata la data di conclusione della fase sindacale nella giornata del 31 marzo 2013. (allegato verbale di accordo). Gli incontri regionali devono essere svolti con il massimo nostro~impegno~~di ~amplificare le soluzioni già individuate da Autogrill e individuarne nuove al fine di risolvere possibilmente in modo "completo"~ gli esuberi locali individuati dalla procedura di licenziamento collettivo. Tutte le soluzioni condivise e individuate ancorchè parziali devono essere adottate e messe in atto a livello locale, così da poter mano a mano svuotare la portata della procedura stessa.

Autogrill ha dichiarato come auspicio che al termine del percorso condiviso si raggiunga il risultato di zero~esuberi . Questo è l'obiettivo dichiarato da FISASCAT da subito e tutte le nostre risorse ed azioni, devono essere mirate a tale obiettivo prima a livello regionale e poi in subordine a livello nazionale. Invitiamo le strutture territoriali ad inviarci celermente i risultati dei confronti e delle misure adottate in modo da tenerne conto nel momento del successivo confronto nazionale.Autogrill, licenziamenti per 140 dipendenti