Ministero del Lavoro, Interpello n. 2 del 2021, sul rinnovo senza causali del contratto a tempo determinato

  leggi

CSEA-Istanza di interpello ai sensi dell’ articolo 9 del d.lgs.n.124/2004. Articolo 8, comma 1, lettera a, del D.L.14agosto 2020, n.104, convertito, con modificazioni,dalla legge 13 ottobre2020, n.126-Deroga all’ obbligo di causale previsto dallarticolo 21del d.lgs.15 giugno 2015,n.81

L’ente interpellante, CSEA- chiede se la deroga richiamata sia applicabile anche ai contratti di lavoro in somministrazione a termine.

In base all’articolo 30 del citato decreto legislativo n. 81/2015, la somministrazione di lavoro è il contratto con il quale un’agenzia di somministrazione autorizzata mette a disposizione di un utilizzatore uno o più lavoratori suoi dipendenti, i quali, per tutta la durata della missione, svolgono la propria attività nell’interesse e sotto la direzione e il controllo dell’utilizzatore.

Datore di lavoro resta dunque il somministratore che, in vista dell’invio presso l’utilizzatore, può assumere i lavoratori sia a tempo indeterminato che a tempo determinato. In quest’ultimo caso – ai sensi dell’articolo 34, comma 2, del d.lgs. n. 81/2015 – il rapporto di lavoro tra agenzia di somministrazione e lavoratore è soggetto alla disciplina propria del contratto a termine, dettata dal Capo III (artt. 19-29) del medesimo d.lgs. n. 81/2015, con la sola esclusione delle seguenti disposizioni...clicca qui e leggi il testo completo dell'interpello