Firmato il decreto che dispone la prima ripartizione delle risorse per il 2016. 200 milioni a disposizione di Regioni e Province autonome per la concessione degli ammortizzatori in deroga

7 aprile 2016


200 milioni a disposizione di Regioni e Province autonome per la concessione degli ammortizzatori in deroga.

Firmato il decreto che dispone la prima ripartizione delle risorse per l'anno 2016

Sono da oggi a disposizione delle Regioni e delle Province autonome di Bolzano e Trento 200 milioni di Euro per la concessione dei trattamenti di cassa integrazione e di mobilità in deroga per l'anno 2016.

È infatti operativo il decreto firmato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, e dal Ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, che assegna le relative risorse finanziarie, a carico del Fondo Sociale per l'Occupazione e Formazione.

Il decreto costituisce la prima ripartizione di risorse per gli ammortizzatori in deroga dell'anno in corso, effettuata sulla base del riparto concordato in sede di Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome il 26 settembre 2013.


Le risorse sono ripartite in due distinte quote: 95% per gli interventi ordinari; il restante 5% spendibile solo per gli interventi coflnanziati dagli enti territoriali.
Nel dettaglio questa la ripartizione (in parentesi l'importo dei fondi del 5% ): Abruzzo: 6.136.503 (306.825) euro; Basilicata: 2.078.001 (103.900) euro; Calabria: 8.881.783 (444.089) euro; Campania: 12.458.405 (622.920) euro; Emilia Romagna: 15.433.089 (771.654) euro; Friuli-Venezia Giulia: 2.980.219 (149.011) euro; Lazio: 16.956.924 (847.846) euro; Liguria: 4.336.952 (216.848) euro; Lombardia: 35.368.221 (1.768.411) euro; Marche: 5.881.639 (294.082) euro; Molise: 1.375.789 (68.789) euro; Piemonte: 14.991.075 (749.554) euro; Puglia: 17.356.326 (867.816) euro; Sardegna: 8.656.537 (432.827) euro; Sicilia: 9.853.855 (492.693) euro; Toscana: 13.291.094 (664.555) euro; Umbria: 3.680.880 (184.044) euro; Valle D'Aosta: 301.707 (15.085) euro; Veneto: 17.818.623 (890.931) euro; provincia di Bolzano: 983.386 (49.169) euro; provincia di Trento: 1.178.991 (58.950) euro.
Le risorse sono assegnate per le competenze relative all'anno 2016, al fine della concessione o della proroga, in deroga alla vigente normativa, dei trattamenti di cassa integrazione guadagni, ordinaria e/o straordinaria, e di mobilità ai lavoratori subordinati delle imprese ubicate nelle medesime regioni o nelle province autonome destinatario delle risorse. Le predette regioni e le province autonome sono tenute a rispettare il limite dei fondi loro attribuiti.
A tal tìne, l'Inps è tenuto a monitorare i flussi di spesa e a dame riscontro al ministero del lavoro e a quello dell'economia e delle finanze.

Decreto Interministeriale del 23 marzo 2016

  • Creato il .
  • Visite: 2401