https://www.MotorDoctor.it' title=

Decreto Scuola: si attende il parere della Commissione Bilancio

senato


15.12.2019 - Lunedì prossimo dopo il voto finale del disegno di legge di bilancio, la Conferenza dei Capigruppo tornerà a riunirsi per definire il calendario delle prossime settimane.

Per quanto riguarda il D.L. SCUOLA la Commissione Bilancio del Senato non ha ancora espresso il proprio parere, parere senza il quale la Commissione Cultura non può concludere il proprio lavoro. Rinviati i lavori in Commissione a Lunedì 16 dicembre.

Adesso la maggioranza deve stare attenta a non cadere nell'ostruzionismo dell'opposizione che potrebbe non consentire la conversione in legge del Decreto entro i tempi previsti e cioè il 29 dicembre 2019.

Pertanto valutare l'ipotesi di ricorrere, in Aula, al voto di fiducia


 L'Ultima SEDUTA

ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI    (7ª)

VENERDÌ 13 DICEMBRE 2019

129ª Seduta

Presidenza del Presidente

PITTONI 

                  

            La seduta inizia alle ore 9,15.

IN SEDE REFERENTE 

  (1633) Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 ottobre 2019, n. 126, recante misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti, approvato dalla Camera dei deputati

(Rinvio del seguito dell'esame)

     Il PRESIDENTE avverte che non sono ancora pervenuti i prescritti pareri sul provvedimento in titolo; rinvia pertanto il seguito dell'esame.

            Prende atto la Commissione.

SUI LAVORI DELLA COMMISSIONE  

Il PRESIDENTE propone di convocare la Commissione alle ore 16 di lunedì 16 dicembre, compatibilmente con i lavori dell'Assemblea, e alle ore 8.30 di martedì 17 dicembre per proseguire l'esame in sede referente del decreto-legge n. 126 del 2019. Ulteriori sedute potranno essere convocate tenendo conto delle determinazioni della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari.

Concorda la Commissione.

La senatrice SBROLLINI (IV-PSI) lamenta la posticipazione della seduta odierna, convocata alle ore 8,30, comunicata in concomitanza con l'orario di inizio dei lavori e quando era già presente il sottosegretario De Cristofaro, segnalando che si sarebbe dovuto procedere in tal senso nella serata di ieri. Non si tratta del primo episodio di questa natura: trovando intollerabile tale situazione, auspica un'organizzazione dei lavori più rispettosa e corretta.

Si unisce la senatrice VANIN (M5S), che lamenta una disorganizzazione che finisce per rappresentare, a suo giudizio, una mancanza di cortesia istituzionale. Concordando con la senatrice Sbrollini sul fatto che si sarebbe dovuto procedere a ritardare o sconvocare la seduta odierna già nella serata di ieri, auspica una diversa organizzazione dei lavori.

La senatrice MONTEVECCHI (M5S) riconosce le difficoltà nell'organizzazione dei lavori della Commissione in questa fase; tuttavia, concorda con gli interventi che l'hanno preceduta nel ritenere che già nella serata di ieri si sarebbe dovuto ritardare o sconvocare la seduta odierna, essendo chiaro che i pareri della Commissione bilancio non sarebbero pervenuti. Conclude invitando a confermare o meno le convocazioni ora concordate per la prossima settimana, con particolare riferimento a quelle in orario antimeridiano, considerando il possibile andamento dei lavori e con congruo preavviso.

Il  PRESIDENTE precisa che, a differenza di quanto ora sostenuto, non era stata esplicitamente esclusa, per quanto a sua diretta conoscenza, la possibilità di acquisire i pareri della Commissione bilancio. Il suo intento e il suo preciso dovere istituzionale è quello di garantire alla Commissione ogni possibilità - anche minima - di lavorare, peraltro in una settimana di intenso lavoro parlamentare, su un provvedimento d'urgenza inserito nel calendario dei lavori dell'Assemblea a partire dall'inizio della prossima settimana; e di lavorare consentendo alla Commissione e al Senato, se ve ne sono le condizioni, di svolgere la propria funzione in modo pieno, anche con eventuali modifiche a un provvedimento di particolare rilievo per le competenze della Commissione stessa. Conclude sottolineando che solo questa mattina è stato possibile ricalibrare la convocazione della seduta odierna.

La senatrice VANIN (M5S) ribadisce l'auspicio di una migliore organizzazione dei lavori, censurando vibratamente quella che considera una mancanza di rispetto anche nei confronti del rappresentante del Governo.

Il  PRESIDENTE prende atto e ricorda nuovamente le ragioni della seduta odierna e della sua posticipazione.

            La seduta termina alle ore 9,30.

  • Visite: 1416