https://www.MotorDoctor.it' title=

Reddito e quota 100, i numeri

rd

 

Reddito e quota 100, i numeri

La manovra 2019 è legge. Ma una parte consistente del provvedimento, prima di partire, dovrà aspettare che il governo scriva le norme. Si stratta del reddito di cittadinanza e della riforma delle pensioni, che da sole prendono 8,9 miliardi di risorse nuove nel primo anno di operatività, ottenute grazie all'aumento del deficit. Nel triennio 2019-2021 le risorse 'fresche' da destinare alle misure cardine del governo giallo-verde ammontano a 37,8 miliardi, a cui va aggiunta la quota 'riciclata' che sarà presa dal fondo di povertà (6,6 mld in 3 anni) che porta il totale a 44,4 miliardi di euro. I dati sono contenuti nel dossier sulla manovra, realizzato dei tecnici del parlamento, ed elaborati dall'Adnkronos.

Per consentire ai lavoratori di andare in pensione a 62 anni (con 38 anni di contributi) vengono stanziati 4 miliardi il primo anno a cui si sommano altri 17 miliardi nei due anni successivi, per un totale di 21 miliardi. Mentre per realizzare il reddito di cittadinanza sono previsti 7,1 miliardi il primo anno a cui vanno aggiunti 16,3 miliardi nel 2020-2021 per un totale di 23,4 miliardi.

Le misure saranno trasformate in norme attraverso due decreti legge. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, hanno assicurato che saranno varati all'inizio di gennaio e che partiranno dal secondo trimestre dell'anno. Ciò consentirà di far quadrare i conti, dopo il taglio deciso nel corso della trattativa con Bruxelles per evitare l'esercizio provvisorio.

Per il reddito di cittadinanza si tratta di 1,9 miliardi in meno nel 2019 e di altri 1,6 miliardi complessivi nel 2020-2021 (totale -3,5 mld). Mentre per la riforma delle pensioni il taglio ammonta a 2,7 miliardi il primo anno e 3 miliardi complessivi nel biennio successivo (totale -5,7 mld). Complessivamente la trattativa con Bruxelles ha quindi ridotto i fondi di 9,2 miliardi.

Leggi anche:

Gazzetta Ufficiale: Legge di Bilancio 30 dicembre 2018, n. 145.

  • Visite: 2060