Visite agli articoli
4278592

Abbiamo 130 visitatori e nessun utente online

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Alitalia: sindacati convocati per il 30 ottobre al ministero

 Alitalia

 

20.10.2017 - I sindacati sono stati convocati per il 30 ottobre al Ministero del lavoro per la procedura di cigs decisa dai commissari straordinari di Alitalia. L'incontro potrebbe essere quello conclusivo della procedura, che scade il 31 ottobre. La prossima settimana invece il negoziato prosegue in azienda con un incontro in programma mercoledì 25 ottobre.

In vista della scadenza della cassa integrazione straordinaria (Cigs) l'Alitalia ha chiesto ai sindacati di aumentare il personale interessato a 1.800 unità, 442 in più del passato. E' quanto emerso nell'incontro di stamane tra l'azienda e i sindacati. La Cassa riguarderebbe, come in passato, 190 piloti (dei quali 100 comandanti) mentre gli assistenti di volo aumenterebbero da 340 a 380. Molto più rilevante l'aumento della Cassa integrazione per il personale di terra che passerebbe da 828 a 1.230 dipendenti. Nel dettaglio 690 riguardano lo staff, 198 i settori dello handling con esclusione di quelle aree dove sono presenti figure professionali a tempo determinato. Altri 200 sono stati individuati nella manutenzione e 142 nel personale di staff ai settori operativi. La Cassa integrazione a zero ore sarebbe limitata a 400 dipendenti di terra. Quello di oggi - riferiscono i sindacati - è stato un primo incontro e nella prossima settimana, mercoledì e giovedì, ci saranno degli approfondimenti. 

"Noi diciamo no alla vendita di Alitalia a spezzatino perché sarebbe la fine della nostra compagnia". Lo ha detto la segretaria della Cisl, Annamaria Furlan, a margine del congresso della Fp-Cisl a Milano. "Se Alitalia deve essere venduta - ha aggiunto - va fatto in termini unitari. Se ci fosse lo spezzatino ci sarebbe il rischio di perdere tanti posti di lavoro. Alitalia è la nostra compagnia di bandiera ed una grande azienda del nostro Paese".

Alitalia, Calenda: ''Arrivate diverse offerte, il negoziato sarà duro''

Il ministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda nel videoforum di Repubblica Tv con Massimo Giannini e Laura Pertici parla del caso Alitalia. "Abbiamo garantito un prestito ponte fino a settembre, quindi molto dopo le elezioni. Ho fatto un ragionamento contrario agli interessi della campagna elettorale. Le offerte sono arrivate, dobbiamo guardarle e negoziarle. Anche essendo molto bravi, chiudendo l'accordo a inizio febbraio, ci sono dei passaggi obbligati:  l'Antitrust europeo, il negoziato sindacale. Se Alitalia si trovasse a fare questi passaggi in una fase in cui il governo non c'è perché è in ordinaria amministrazione, chi ci pensa?".

http://video.repubblica.it/dossier/alitalia/alitalia-calenda--arrivate-diverse-offerte-il-negoziato-sara-duro/287628/288243