Visite agli articoli
2850552

Abbiamo 254 visitatori e nessun utente online

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Entra in vigore 'Jobs act autonomi'

lavoro autonomo

Entra in vigore 'Jobs act autonomi'

14/06/2017 - Sì a incentivi sviluppo professioni e regole per 'smart working'

   Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, entra in vigore da oggi la legge sul lavoro autonomo e agile. Il testo, che introduce nuove protezioni sociali per i liberi professionisti (su maternità e malattia), contiene anche incentivi allo sviluppo dell'attività (come detrarre le spese per la formazione fino a 10.000 euro l'anno). Esercitando delle deleghe (entro un anno), il Governo dovrà poi individuare funzioni della Pa (come autentiche di atti e certificazioni) da affidare a esponenti delle varie categorie organizzate in Ordini e Collegi ed abilitare le Casse di previdenza private, affinché possano attivare servizi integrativi di welfare, "finanziati da apposita contribuzione", specie per sostenere iscritti che hanno subito riduzioni del reddito per ragioni involontarie o sono stati colpiti da "gravi patologie". Il Jobs act degli autonomi, infine, regolamenta lo 'smart working', modalità flessibile per lo svolgimento delle mansioni, anche fuori dai locali aziendali e con l'uso di strumenti tecnologici.

Tre i capi del Ddl: nel primo vengono individuati i rapporti di lavoro autonomo e si istituisce la Dis-Coll (indennità di disoccupazione) per i collaboratori coordinati e continuativi; nel secondo si parla del lavoro agile; nel terzo si trovano le disposizioni finanziarie. Ecco, grazie alla sintesi degli uffici della Camera, i principali provvedimenti contenuti.

Il primo cambiamento concreto - una tutela per gli autonomi - è l'estensione delle regole sui pagamenti tra imprese e Pubblica amministrazione a quelli tra lavoratori autonomi e imprese, Pa o tra autonomi stessi: non si potrà superare il limite di 60 giorni per saldare una fattura a un autonomo, a meno di far scattare interessi di mora e sanzioni. Arriva poi una stretta sulle clausole e condotte abusive, limitando la possibilità dei committenti di modificare o recedere dai contratti in maniera unilaterale. Ancora, si riconoscono al lavoratore autonomo i diritti di utilizzazione economica relativi ad apporti originali e invenzioni realizzati nell'esecuzione del contratto.

Il governo è delegato a legiferare su quattro ambiti: la prima delega prevede che i professionisti - organizzati in ordini e collegi - possano svolgere alcuni atti pubblici (ad esempio certificazioni o autentiche); la seconda permette alle casse previdenziali private di attivare prestazioni sociali, dietro versamento di contributi, per il supporto in caso di perdita del lavoro o malattia; la terza dà la possibilità all'esecutivo di alzare l'aliquota contributiva per migliorare le prestazioni su maternità e malattia agli iscritti alla gestione separata INPS; la quarta, infine, riguarda riassetto delle disposizioni vigenti in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori applicabili agli studi professionali.

Il provvedimento istituisce dal 1° luglio 2017 la Dis-Coll (indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa) anche in favore di collaboratori, assegnisti e dottorandi di ricerca, a fronte di un incremento dell'aliquota contributiva pari allo 0,51%.

Arriva poi una serie di benefici fiscali e sociali, relativi alla deducibilità di spese alberghiere e di aggiornamento professionale, al congedo parentale e all'indennità di malattia. Attenzione particolare all'aggiornamneto professionale, per il quale le spese deducibili raddoppiano a 10mila euro.

Gravidanza, malattia e infortunio non comporteranno automaticamente l'estinzione del rapporto: la lavoratrice potrà chiederle di tenerlo in sospeso per un massimo di 150 giorni, anche se il committente potrà continuare a far valere un diritto legato al "venir meno dell'interesse". Importanti innovazioni in caso di maternità: il congedo parentale sale da tre a sei mesi, spendibili entro il terzo anno d'età del figlio (dal primo attuale). Per chi ha un figlio non scatta l'astensione obbligatoria, ma si potrà ricevere l’indennità di maternità pur continuando a lavorare; durante il congedo, la lavoratrice potrà chiedere la sostituzione con una professionista di fiducia. si prevede inoltre la sospensione del versamento dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi in caso di malattia o infortunio di gravità tale da impedire lo svolgimento dell'attività lavorativa per oltre sessanta giorni.

La legge prevede infine l'introduzione di misure per favorire la partecipazione dei lavoratori autonomi agli appalti pubblici; la costituzione, presso i centri per l'impiego, di uno sportello dedicato al lavoro autonomo; l'istituzione presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali di un tavolo tecnico permanente sul lavoro autonomo.