11 marzo 2020 - Dichiarazioni alla stampa del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

 conte

Palazzo Chigi, 11 marzo 2020 - Dichiarazioni alla stampa del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con il Ministro dell'Economia e delle Finanze Gualtieri e il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Catalfo.

Guarda il video della Conferenza Stampa

"Abbiamo stanziato una somma straordinaria 25 miliardi da non utilizzare subito ma sicuramente da poter utilizzare per far fronte a tutte le difficoltà di quest'emergenza". Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa al termine del Cdm. "Sono lieti del clima che si sta definendo a livello europeo", aggiunge. Il premier, riguardo alla ulteriore stretta che la Lombardia ha fatto sapere di voler chiedere al governo Conte ha evidenziato: "Siamo in attesa delle richieste.  Non c'è nessuna chiusura verso misure più restrittive"."Tecnicamente - ha spiegato il ministro dell'Economia Gualtieri - è un'autorizzazione del Parlamento a stanziare fino a 20 miliardi in termini di indebitamento, 25 mld in termini di stanziamento. Il livello di deficit dipende da quanto effettivamente sarà impiegato. La prima misura impiegherà la metà di queste risorse, l'utilizzo dell'altra metà dipenderà anche da eventuali risorse europee. E' ancora presto dire il livello di deficit che verrà raggiunto".

"Ieri con il Consiglio europeo era anche in collegamento Lagarde: grandi riconoscimenti e aperture sul fatto che è necessaria maggiore liquidità e tutti gli strumenti per far fronte a questa emergenza", ha detto Conte.

Il decreto sulle misure economiche per l' emergenza coronavirus sarà varato "venerdì" e sarà da "12 miliardi", ha fatto sapere Gualtieri. "Obiettivo prioritario è potenziare la risposta del servizio sanitario" all'emergenza. Così il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri in audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato sulla richiesta di finanziare in deficit le misure anti-Coronavirus."Voglio ringraziare medici, infermieri e tutti quelli impegnati in uno sforzo eroico per assicurare a tutti le cure necessarie".

E si dibatte sulla possibilità di accogliere la richiesta di una ulteriore stretta in Lombardia. La richiesta della Lombardia di "chiudere tutto" per contenere il più possibile il contagio da coronavirus "ha senso, la pressione sul servizio sanitario regionale lombardo è spasmodica". Ma la misura "che potrebbe essere proporzionata per la Lombardia", visto che "è per l'Italia quello che Wuhan era per l'Hubei", "non lo è per il resto del Paese, in particolar modo per le regioni centromeridionali dove questa situazione ancora non c'è", dice Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute, parlando su Radio Capital.