Appalti Scuole Statali: bene internalizzazione, ma istituire subito tavolo per lavoratori esclusi

 

exlsu


Appalti Scuole Statali: bene internalizzazione, ma istituire subito tavolo per lavoratori esclusi
13/11/2019 - Urgente un tavolo di confronto presso la Presidenza del Consiglio che trovi soluzioni di continuità lavorativa e di reddito a tutti quei lavoratori che resteranno fuori dal perimetro di internalizzazione.

L'azione molto positiva di internalizzare, non deve e non può avere come appendice la tragedia di chi non sarà coinvolto da questo processo.


COMUNICATO APPALTI PULIZIA E ACCESSORI PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI

Le  scriventi  OO.SS.  denunciano  l’atteggiamento  delle  aziende  e  consorzi  affidatari  dei  servizi  di  pulizia, accessori e decoro presso le istituzioni scolastiche statali  ed esprimono grande disappunto nel prendere atto di un documento formulato dalle stesse in data 7 novembre 2019, indirizzato a tutte le istituzioni ed apparso su alcuni organi di stampa.

Infatti,  è  necessario  sottolineare  che,    nel  richiamato  incontro  del  7  novembre  u.s.,  le  Organizzazioni Sindacali:  hanno  contestato  le  procedure  di  licenziamento  collettivo  attivate  dalle  imprese;  hanno dichiarato che detta procedura dovrà vedere utilizzato tutto l’arco temporale fissato dalla normativa di legge vigente in materia e soprattutto non hanno condiviso e formalizzato alcun documento.

In particolare poi, nell’analisi del confronto le OO.SS. hanno denunciato che la situazione in atto è dovuta anche a  precise responsabilità  ed ai gravissimi comportamenti attuati da diverse aziende del settore in questi  anni  che  hanno  manipolato l’interpretazione corretta  degli  accordi,  pagato  con  grave e  costante ritardo gli stipendi, ridotto gli orari individuali.... ecc, ecc, e che di conseguenza hanno offuscato il valore di provvedimenti assunti dai Governi, il lavoro della dirigenza del Miur, l’impegno, i sacrifici ed il lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori e la gestione corretta delle imprese sane del settore.

Filcams-Cgil,  Fisascat-Cisl,  Uiltrasporti-Uil hanno  ribadito,  ancora  una  volta,  che  il  percorso  di internalizzazione e di assunzione ATA dei lavoratori deve proseguire senza dubbio e secondo l’iter stabilito dalla  legge.      
Per  questa  finalità  le  scriventi  OO.SS.,  insieme  alle  Confederazioni  hanno  fornito  e continueranno a fornire un apporto fattivo e costruttivo.

Quello  che  le  Organizzazioni  Sindacali  evidenziano  come  allarme  gravissimo  è  l’urgenza  ormai improcrastinabile che venga ripristinato un tavolo di confronto presso la Presidenza del Consiglio per dare una  risposta  concreta  in  termini  di  continuità  occupazionale  e  garanzia  del  reddito  a  tutti  coloro  che rimarranno esclusi dal processo di internalizzazione .

Nei prossimi giorni CGIL, CISL, UIL reitereranno una richiesta in tal senso alla Presidenza del Consiglio e si attiveranno con nuove iniziative forti a sostegno dei diritti  di tutte le lavoratrici e Lavoratori del settore  L’atteggiamento delle imprese è gravissimo,così come quello ditutti coloro che stanno strumentalizzando e dividendo i lavoratori, dunque il rischio che si sta prospettando è che da una azione positiva attuata dal governo  e certamente condivisa dal sindacato , quale quella della stabilizzazione  dei lavoratori, ne possa invece  discendere  un  disastro  sociale  di  proporzioni  enormi,  molto  più  grande  di  quanti ne  stanno avvenendo  in  realtà  lavorative  di  dimensioni  più  piccole  ma  sostenute    molto  più  dall’attenzione dell’opinione pubblica

Queste lavoratrici e questi lavoratori hanno diritto a pari dignità e noi lotteremo per potergliela garantire!!!    

Roma 8 novembre 2019

LE SEGRETERIE NAZIONALI