https://www.MotorDoctor.it' title=

Almaviva sede di Napoli: cambio di appalto e rischio licenziamento per oltre 150 lavoratori

 alm

12.11.2019 - Almaviva sede di Napoli: cambio di appalto e rischio licenziamento per oltre 150 lavoratori

150  lavoratori dipendenti della sede napoletana di Almaviva Contact S.p.A., sono a rischio licenziamento dopo il cambio di appalto della commessa del  contact center INPS.

Nel 2016 i lavoratori napoletani, firmarono un accordo che prevedeva la sospensione del TFR e degli scatti d’anzianità per il consolidamento del sito.

In questi tre anni i lavoratori hanno affrontato mesi di cassa integrazione (oltre al citato accordo) prima di rientrare a lavoro, dopo un adeguato periodo di formazione, su una nuova commessa: il contact center di INPS.

Dopo la delocalizzazione in Romania del cliente Vodafone, il contact center di INPS, diventa la commessa principale del sito Napoletano.

Ma nel settembre 2019 la gara d’appalto per la gestione del contact center INPS  viene aggiudicato alla RTI Comdata-Network Contacts, con un ribasso (non inerente il costo del lavoro) di oltre l’81%.

Inutili i ricorsi degli attuali gestori del servizio, tutti (compreso il committente) ritengono assolutamente legittima la condotta dei vincitori, i quali affermano, fin da subito, di voler rispettare la clausola sociale, assorbendo l’attuale forza lavoro del sito napoletano.

Nei vari incontri per il cambio d’appalto  le parti, però, non trovano l'accordo sui numeri dei lavoratori aventi diritto: 559 persone secondo Almaviva, circa 400 secondo Comdata.

Comdata, avvalendosi della clausola che prevede come condizione di passaggio dei lavoratori, nel cambio di appalto, 6 mesi continuativi ed esclusivi nel periodo antecedente al 2 agosto 2019, nella commessa contact center di INPS, ha  ritienuto non aventi diritto oltre 150 lavoratori che per direttiva aziendale venivano temporaneamente spostati su altre commesse.