ASU, approvato l'emendamento al Collegato

asu

 

ASU, approvato l'emendamento al Collegato

L’Ars , nella seduta del 2 ottobre, ha approvato un articolo che prevede che il dipartimento al Lavoro assegni i lavoratori ASU, sia agli enti pubblici presso cui hanno prestato servizio che presso altri enti. In questo caso deve esserci una disponibilità al trasferimento. L’assegnazione non potrà essere fatta in Regione o negli enti regionali.

La stabilizzazione non c’è ma per gli Asu, l'articolo approvato, come è stato detto in aula dal presidente della commissione Lavoro Luca Sammartino “prova a dare una parziale risposta alle aspettative generate in questi mesi”.


“L’emendamento al Collegato, votato dall’Aula - ha spiegato il presidente della commissione Lavoro  Luca Sammartino -, rappresenta un segnale di grande importanza per tutti i lavoratori Asu della Sicilia. Non abbiamo lasciato senza risposta i cinquemila lavoratori che in questi anni hanno svolto un lavoro importante nei Comuni per i cittadini e le imprese”.

“Sul personale Asu in forza in vari comuni ed enti - afferma Vincenzo Figuccia (Udc) - si compie un importante passo avanti per la stabilizzazione di 5300 lavoratori. Finalmente si supera l’ostacolo finanziario che aveva bloccato la norma nei giorni scorsi grazie alla riscrittura operata dalla V commissione legislativa”

“Sebbene l’emendamento del Movimento 5 Stelle che prevedeva la stabilizzazione degli Asu in Sicilia sia stato stralciato - ha commentato il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Giovanni Di Caro - nella riscrittura del Governo, siamo riusciti a far mantenere un nostro emendamento che in ogni caso impegna l’esecutivo regionale ad andare nella direzione della stabilizzazione, così come avevamo proposto da componenti M5S della Commissione Lavoro all’Ars. Proprio domani - ha proseguito Di Caro - sarò a Roma al Ministero del Lavoro a discutere della possibilità che il governo nazionale possa soccorre la Sicilia nella gestione di questi lavoratori. Sebbene la competenza sia assolutamente regionale, c’è la possibilità che il governo centrale intervenga in maniera straordinaria sulla vicenda Asu”.