Visite agli articoli
8100665

Abbiamo 462 visitatori e nessun utente online

  • Home
  • Uncategorised
  • Malattia e irreperibilità visita fiscale: gli adempimenti del medico Inps

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Malattia e irreperibilità visita fiscale: gli adempimenti del medico Inps

 

 VISITAMEDICA

Irreperibilità visita fiscale: gli adempimenti del medico Inps

20.07.2018 - Se il lavoratore non risulta reperibile alla visita fiscale, il medico Inps è tenuto a lasciare un avviso a persona presente nell’abitazione del lavoratore, possibilmente un parente o in mancanza il portiere, con l’invito a presentarsi il giorno successivo (non festivo) alla visita di controllo ambulatoriale, salvo che l’interessato non riprenda l’attività lavorativa (qualora fosse l’ultimo giorno di malattia). Se non ci sono persone a cui lasciare la cartolina, il medico Inps può depositarla nella cassetta postale.
In questo modo il lavoratore sa che il medico Inps è passato e se anche era a casa, a nulla servirà opporre che il citofono non funzionava ad esempio perché, il lavoratore in malattia è tenuto a mettere in pratica tutti gli adempimenti per permettere al medico Inps di effettuare il controllo. Ci sono molti casi particolari che possono verificarsi e in effetti non sono mancate sentenze su casi specifici: non è una scusante, ad esempio, dire “dormivo”, a meno che non si dimostra che la somministrazione di alcuni farmaci per il sonno può determinare il sonno pesante e quindi il fatto di non sentire il citofono.

Se il lavoratore non si reca alla visita ambulatoriale, l’INPS ne dà comunicazione al datore di lavoro ed invita il lavoratore a fornire le proprie giustificazioni entro 10 giorni. L’assenza ingiustificata causa l’applicazione di sanzioni disciplinari che si ripercuotono sullo stipendio per i giorni di malattia e, nei casi più gravi e prolungati, possono portare anche al licenziamento per giusta causa.

In sostanza lasciare l’avviso che comprovi la presenza all’indirizzo di reperibilità per il controllo, è un onere del medico Inps.
Il riferimento legislativo in questo senso è al decreto del Ministero del Lavoro del 18 aprile 1996 che all’articolo 10 enuncia i provvedimenti in caso di inosservanza degli obblighi convenzionali che possono, nei casi più gravi, anche portare a sospensione o revoca dell’incarico da parte del direttore della Sap.

Tabella orari mutua e fasce di reperibilità

 

Ecco un piccolo schema riassuntivo delle fasce orarie di reperibilità durante la malattia per i dipendenti pubblici e privati.

I lavoratori in malattia dovranno trovarsi presso l’indirizzo di domicilio indicato nel certificato medico; in caso di assenza alla visita di controllo dell’INPS si potranno avere diverse sanzioni, come spiegheremo in seguito.

Schema degli orari mutua e fasce di reperibilità

Settore privato

Settore pubblico

Reperibilità 7 giorni su 7 compresi festivi

Fasce orarie di reperibilità (7 gg su 7 compresi festivi)

Mattina

Pomeriggio

Mattina

Pomeriggio

dalle 10.00 alle 12.00

dalle 17.00 alle 19.00

dalle 9.00 alle 13.00;

dalle 15.00 alle 18.00

Assenza visita fiscale, sanzioni

In caso di assenza alla visita fiscale INPS all’indirizzo stabilito nel certificato medico e negli orari inclusi nelle fasce di reperibilità sono previste sanzioni, pari al:

  • 100% dell’indennità di malattia percepibile per i primi 10 giorni di malattia in caso di 1^ assenza;
  • 50% del restante periodo per la 2^ assenza;
  • il 100% dell’intera indennità per irreperibilità alla 3^ visita.