Visite agli articoli
8148275

Abbiamo 295 visitatori e nessun utente online

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Che succede se il lavoratore è assente alla visita fiscale

mal

ADNKronos07.07.2018 - Come noto i lavoratori assenti per malattia hanno l'obbligo di essere reperibili negli orari delle visite fiscali. Nel dettaglio, sia i lavoratori del comparto pubblico che privato - per i quali le visite fiscali dopo la riforma Madia sono di competenza del Polo Unico INPS - devono farsi trovare al domicilio indicato nel certificato negli orari previsti, così da essere a disposizione del medico inviato dall'Istituto per l'accertamento dello stato di malattia. L'obbligo di reperibilità vale per tutti i giorni della settimana - anche nei festivi e nelle domeniche se compresi nel periodo di assenza dal lavoro - e nelle seguenti fasce orarie: 9-13 e 15-18 per i dipendenti del pubblico impiego, 10-12 e 17-19 per quelli del settore privato. Inoltre, così come disposto dal Decreto Madia, le visite fiscali possono essere anche ripetuto nello stesso periodo di malattia. Rispettare l'obbligo di reperibilità è di fondamentale importanza per il lavoratore, poiché in caso di assenza alla visita fiscale scattano delle sanzioni severe. Nel dettaglio, in caso di mancata reperibilità il lavoratore perde il diritto all'indennità di malattia per i primi 10 giorni di assenza; dal 10° giorno, in poi, invece, questa viene dimezzata. Dalla data della terza assenza alla visita di controllo non giustificata, si perde il diritto all’intera indennità per tutto il periodo della malattia. Tuttavia il dipendente anche in caso di assenza può evitare la sanzione dimostrando, entro 15 giorni, che rientrava in uno dei casi di esenzione riconosciuti dalla legge. Ad esempio, è considerato motivo di esenzione il doversi sottoporre ad una terapia salvavita o a degli accertamenti specialistici. Concludiamo ricordando che le sanzioni possono essere ancora più severe in caso di assenza reiterata; in relazione alla gravità del caso, infatti, il mancato rispetto in più di un'occasione dell’obbligo di reperibilità può portare al licenziamento per giusta causa del lavoratore.