Visite agli articoli
8134198

Abbiamo 421 visitatori e nessun utente online

  • Home
  • Uncategorised
  • Oggi 11 Aprile 2018, manifestano 5 mila forestali da tutta l’isola, in piazza anche Consorzi di Bonifica ed Esa

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Oggi 11 Aprile 2018, manifestano 5 mila forestali da tutta l’isola, in piazza anche Consorzi di Bonifica ed Esa

 fo

11/04/2018  Oggi i lavoratori forestali, Consorzi di Bonifica ed Esa. si concentreranno in piazza Marina per poi sfilare per le vie del centro fino a piazza indipendenza.

Prevista una massiccia adesione dei forestali anche palermitani alla manifestazione regionale del comparto organizzata Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil. Dalla sola provincia di Palermo arriveranno 16 pullman di lavoratori per partecipare al corteo che parte da piazza Marina alle 10 diretto alla presidenza della Regione, dove si terrà il comizio dei segretari regionali. Secondo le stime, scenderanno in piazza in totale oltre 5 mila lavoratori siciliani.

“Stiamo registrando una forte adesione da parte dei lavoratori che vogliono essere presenti per denunciare la forte preoccupazione dovuta ai tagli delle risorse per il settore nel bilancio regionale – dichiarano il segretario generale Flai Cgil Palermo Dario Fassese e Enza Pisa, della segreteria Flai Cgil Palermo – Il contingente  palermitano rappresenta la la parte più cospicua dei lavoratori del settore siciliani. Per questa ragione rischiano di essere i più colpiti dalla contrazione delle risorse”.

“Si manifesta – continuano -per chiedere le risorse finanziarie per assicurare i livelli occupazionali di forestali e del personale di  consorzi, Esa e Aras, più  investimenti sul territorio e l’ambiente e l’avviamento al lavoro nella campagna antincendio, che ogni anno parte in ritardo.  Ricordiamo che i forestaliaspettano in Sicilia  l’applicazione del contratto integrativo, rinnovato nel luglio scorso  dopo 16 anni di vuoto contrattuale, per colmare il divario retributivo e dei diritti e adeguarli a quelli del resto del Paese. Nel Cirl vi è pure una importantissima parte normativa e programmatica, fondamentale per la sopravvivenza del settore, che chiediamo venga applicata”.