Visite agli articoli
7402538

Abbiamo 784 visitatori e nessun utente online

  • Home
  • Uncategorised
  • Forestali ed enti di servizio all’agricoltura: I sindacati confermano la manifestazione dell’11 aprile

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Forestali ed enti di servizio all’agricoltura: I sindacati confermano la manifestazione dell’11 aprile

for

Palermo, 5 apr- “Apprezziamo la volontà del governo di avviare una fase di confronto con i sindacati. Nonostante la disponibilità al dialogo e ad una concertazione sulle riforme, nell’ ottica di un progressivo processo di stabilizzazione dei troppi lavoratori precari dei nostri comparti, dobbiamo però rilevare che non ci è stata data alcuna risposta sulle emergenze. Riteniamo dunque insoddisfacente l’esito dell’incontro con il Presidente della Regione e confermiano la manifestazione dell’11 aprile, che vedrà scendere in piazza a Palermo per una manifestazione regionale i forestali e i lavoratori degli di enti di servizio all’agricoltura”. Lo scrivono in una nota i segretari generali di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil regionali Mannino, Manca e Marino. L’incontro in questione si è svolto ieri alla presenza anche dell’assessore regionale all’agricoltura e dei dirigenti generali del comando corpo forestale e del dipartimento sviluppo rurale. ” I sindacati hanno rilevato che “su questioni poste ormai da mesi non viene prospettata soluzione alcuna. Mancano inoltre le certezze sui livelli occupazionali e per quanto riguarda gli stagionali dell’Esa non si hanno né risposte né la sensazione che il governo voglia darle”. I sindacati hanno ribadito le richieste del documento consegnato al governo qualche settimana fa: applicazione del contratto dei forestali; certezza delle risorse per garantire le giornate di lavoro di tutti i forestali; pagamento degli arretrati ai lavoratori dei Consorzi di bonifica; superamento degli ostacoli alla riassunzione degli stagionali che dovrebbero portare avanti la campagna irrigua; certezze sulle sorti degli stagionali dell’ Esa in caso di soppressione dell’Ente; riavvio del servizio svolto dall’associazione allevatori assumendo i lavoratori attraverso l’istituto zootecnico. “Il dialogo è positivo- dicono Mannino, Manca e Marino- ma deve indubbiamente portare a risultati e ad oggi siamo costretti a costatare che questi non ci sono”.