Visite agli articoli
5927412

Abbiamo 472 visitatori e nessun utente online

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Avviso 8, i decreti del TAR

 TAR

 


Pubblicato il 20/03/2018

N. 00346/2018 REG.PROV.PRES.

N. 00713/2017 REG.RIC.

logo

REPUBBLICA ITALIANA

Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia

(Sezione Prima)


Il Presidente

ha pronunciato il presente

DECRETO

sul ricorso numero di registro generale 713 del 2017, integrato da motivi aggiunti, proposto da:
Istituto di Ricerca Gestione e Management I.R.Ge.M., in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dagli avvocati Santo Botta, Teodoro Caldarone, con domicilio eletto presso lo studio Teodoro Caldarone in Palermo, via Giusti 21;

contro

Regione Sicilia - Dipartimento dell'Istruzione e della Formazione Professionale, Regione Sicilia - Dipartimento Istruzione e Formazione Professionale - Commissione di Istruttoria e Valutazione non costituiti in giudizio;
Regione Sicilia - Assessorato dell'Istruzione e della Formazione Professionale, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso per legge dall'Avvocatura Distrettuale, domiciliata in Palermo, via Alcide De Gasperi. 81;

nei confronti di

I.Svi.Re Societa' Cooperativa - Palermo, Aram - Messina, Strec Società Consortile A.R.L. non costituiti in giudizio;

e con l'intervento di

ad opponendum:
Centro Studi Aurora, Istituto Ires, I.R.I.P.A. Sicilia, Anapia-Palermo, En.A.I.P. - Ente Acli Istruzione Professionale, Ted Formazione Professionale, Ce.S.A.M., I.D.E.A., Form Azione Europea, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentati e difesi dagli avvocati Carlo Comande', Enzo Puccio, Tiziana Pellegrino, con domicilio eletto presso lo studio Carlo Comande in Palermo, via Caltanissetta N.2/D;

per l'annullamento

a) quanto al ricorso introduttivo:

- dell'Avviso n. 8/2016 per la realizzazione di percorsi formativi di qualificazione mirati al rafforzamento dell'occupabilità in Sicilia;

- del D.D.G. 169/17 del 23.01.2017 pubblicato sul sito della Regione Siciliana il 24.01.2017 e nella GURS del 27.01.2017, avente ad oggetto l'approvazione della graduatoria definitiva dei progetti formativi ammessi al finanziamento a valere sul predetto avviso n. 8;

- dei verbali relativi all'attività di valutazione definitiva dei progetti;

- dei provvedimenti a firma del Dirigente Generale del Dipartimento dell'Istruzione e della Formazione Professionale, prott. n. 42723 del 27.07.2016, n. 43849 del 02.08.2016 e n. 48711 del 08.09.2016, aventi ad oggetto la nomina dei membri della Commissione di valutazione delle proposte progettuali;

- della nota prot. n. 4223 del 20.01.2017 con la quale il Presidente della Commissione ha comunicato, al Servizio 1° “Programmazione”, la chiusura dei lavori, nonché dell'annessa documentazione relativa agli esiti dell'istruttoria e delle rivalutazioni delle proposte progettuali svolte a seguito delle osservazioni presentate dai soggetti proponenti (documenti questi richiamati per relationem nel decreto di approvazione della graduatoria richiesti con rituale istanza di accesso soltanto parzialmente non riscontrata);

- della Circolare n. 7 dell'8.02.2017 recante “ Modifiche ed integrazioni alle linee guida di cui alla circolare n.37 del 14.12.2016 relativa a disposizioni di accreditamento 2015”.

b) quanto al primo ricorso per motivi aggiunti:

- del provvedimento dell'Assessorato regionale dell'Istruzione e della Formazione Professionale prot. n. 35660 del 12.05.2017, depositato dall'amministrazione resistente agli atti del presente giudizio in data 17.05.2017, con cui in asserita esecuzione delle ordinanze cautelari rese dal Tar della Sicilia, Sede di Palermo, si è proceduto ad una ipotetica riformulazione dei criteri di attribuzione del punteggio rubricati alle voci A1 e A2 dell'avviso di selezione n. 8, e per l'effetto si è altresì provveduto a ripubblicare una nuova graduatoria definitiva;

- della graduatoria definitiva approvata con D.D.G. n. 3003 del 17.05.2017 e relativi allegati recanti l'elenco dei progetti ammessi a finanziamento e di quelli non ammessi per punteggio insufficiente;

- di tutti gli atti allo stesso presupposti ed ivi richiamati e segnatamente della nota prot. 36092/2017 con cui sono state trasmesse alla Commissione di valutazione le indicazioni operative per la rideterminazione del punteggio relativo ai criteri A1 ed A2, della nota prot. n. 36397 del 16 maggio 2017 con cui la Commissione di valutazione ha trasmesso gli esiti dell'attribuzione del punteggio alle proposte progettuali a seguito della rideterminazione della relativa modalità di attribuzione riguardanti i criteri A1 ed A2, della nota prot. n. 36548 del 17 maggio 2017 con cui il responsabile del procedimento, sulla scorta di quanto trasmesso dalla Commissione di valutazione con le citate note 36387 e 36397 del 16 maggio 2017, ha trasmesso, in uno con la medesima nota, l'”Allegato 1 – Graduatoria” e “L'Allegato 2 – elenco delle proposte con punteggio insufficiente ai sensi del punto 5 dell'art. 8 punto 4 dell'Avviso”, modificati in virtù dell'applicazione dei punteggi attribuiti in relazione ai criteri di valutazione A1 ed A2, rimodulati in ottemperanza a quanto disposto dal Giudice Amministrativo con le menzionate ordinanze ed “esclusa ogni riapertura dei termini a suo tempo fissati dall'Avviso impugnato”, il cui esatto contenuto è, allo stato, sconosciuto alla ricorrente;

- delle operazioni di valutazione delle istanze progetto da parte della Commissione a seguito della rideterminazione dei criteri A1 ed A2 ovunque espresse anche se allo stato sconosciute alla ricorrente;

- del D.D.G n.4194 del 20.06.2017 avente ad oggetto la rettifica del D.D.G n.3003 del 17.05.2017, nonché della relativa graduatoria allegata.

c) quanto al secondo ricorso per motivi aggiunti:

- del provvedimento dell'Assessorato regionale dell'Istruzione e della Formazione Professionale prot. n.6280 del 10.08.2017 pubblicato in data 16.08.2017, con cui in asserita esecuzione dell' ordinanza cautelare n 553/2017 depositata in data 2.08.2017 resa dal Consiglio di Giustizia Amministrativa, si è proceduto alla formulazione di una nuova graduatoria per effetto dell'eliminazione dei criteri di valutazione della qualità del soggetto proponente di cui ai punti B4 e B5 dell'avviso al contempo confermando tuttavia la restante formulazione dell'avviso;

- della graduatoria definitiva approvata con il predetto provvedimento e relativi allegati recanti l'elenco dei progetti ammessi a finanziamento e di quelli non ammessi per punteggio insufficiente.

VISTI il ricorso, i motivi aggiunti e i relativi allegati;

VISTA l’ istanza depositata il 27.02.2018 con la quale parte ricorrente, premesso che “durante la camera di consiglio tenutasi il 6 dicembre 2017” è stata chiesta “la cancellazione del ricorso per motivi aggiunti dal ruolo delle sospensive ai fini del rinvio alla trattazione del merito (già fissato per il 31 maggio 2018)”, chiede, dato l’elevato numero di controinteressati, di essere autorizzata ex art. 41, comma 4 c.p.a e art.52 comma 2 c.p.a., alla notificazione per pubblici proclami dell’ultimo ricorso per motivi aggiunti “mediante pubblicazione sul sito web ufficiale dell’Assessorato regionale dell'Istruzione e della Formazione Professionale della Regione siciliana”;

VISTI gli artt. 41 comma 4 e art. 49, comma 3, cpa;

CONSIDERATO, inoltre, che:

a) l’art. 52 cpa prevede espressamente che “il presidente può autorizzare la notificazione del ricorso o di provvedimenti anche direttamente dal difensore con qualunque mezzo idoneo, compresi quelli per via telematica o fax, ai sensi dell’articolo 151 del codice di procedura civile”);

b) tale norma è da ritenersi estensivamente applicabile alla odierna fattispecie, “a garanzia delle esigenze di effettività della tutela giurisdizionale, anche attraverso la pubblicazione del ricorso nel testo integrale, nonché dell’elenco nominativo dei soggetti controinteressati, sul sito internet dell’ Amministrazione interessata al procedimento su cui si controverte” (v. TAR Palermo Sez. III, decreti pres.li n. 987/16 del 20.07.2016 e n. 989 del 25.07.2016);

RITENUTO che l’istanza in esame appare fondata, in quanto le possibili variazioni della graduatoria impugnata determinano la necessità di integrare il contraddittorio nei confronti di un elevato numero di soggetti controinteressati, peraltro allo stato non agevolmente identificabili;

RITENUTO, pertanto, che va autorizzata la pubblicazione di copia del presente decreto e del ricorso sul sito web dell’Assessorato regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale con contestuale indicazione nominativa dei controinteressati, dello stato attuale del presente procedimento e del sito web della Giustizia amministrativa (www.giustizia-amministrativa.it) su cui potere individuare ogni altra indicazione utile;

- che, tenuto conto dell’udienza già fissata per la trattazione del ricorso, la parte dovrà provvedere al detto adempimento nel termine perentorio di giorni dieci dalla comunicazione del presente decreto;

- che la prova dell’avvenuta notifica, nei modi e nei termini di cui sopra, dovrà essere depositata nel successivo termine di giorni cinque;


P.Q.M.

autorizza la ricorrente a procedere all’integrazione del contraddittorio nei confronti di tutti i controinteressati, nei modi e nei termini sopraprecisati.

Il presente decreto sarà eseguito dall'Amministrazione ed è depositato presso la Segreteria del Tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Palermo il giorno 18 marzo 2018.






  Il Presidente
  Calogero Ferlisi





IL SEGRETARIO