Visite agli articoli
4590782

Abbiamo 147 visitatori e nessun utente online

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Ecco perché Ikea ha licenziato mamma Marica

 IKEA

 07/12/2017   di Chiara Moretti

L'algoritmo Ikea per fare i turni? Tiene conto di tutte le variabili, meteo, traffico e festività, ma non del fattore umano. Riassume così, parlando con l'Adnkronos, la 49enne Marta, ma il nome e l'età sono di fantasia per tutelarne l'anonimato, le motivazioni del licenziamento della sua collega Marica Ricutti, mamma di 39 anni, separata con due figli di cui uno disabile, che lavorava nel centro vendita di Corsico nell'hinterland milanese.

Il colosso svedese ha motivato il provvedimento con il mancato rispetto dei turni, "si è autodeterminata l'orario di lavoro", e per questo le ha mandato il 3 ottobre una lettera di richiamo. L'Ikea ha messo, poi, l'accento anche sulle continue assenze, seppur coperte da certificati, scrivendo in una nota che "negli ultimi 8 mesi la signora ha lavorato meno di 7 giorni al mese". "Assenteista? Di recente la vita si è accanita particolarmente su di lei. Oltre al bambino, che ha continuamente bisogno di terapie e riabilitazione per cui ha la 104 - racconta Marta -, le è morto il padre, la madre ha subito un trapianto e, certo, anche la sua energia ne ha risentito. Diciamo che non era al meglio, ma non la si può proprio etichettare così. Anzi. Le posso dire che è sempre stata determinata, attaccata alla carriera, ambiziosa, e scioperava anche raramente".

"Ikea disumana", la rivolta dei clienti

Ieri chi lavorava con lei, invece, ha incrociato le braccia per 8 ore, chiedendo che Marica venisse reintegrata. "C'ero anche io, sì. Lo scriva pure, credo che sia giusto. E' una brava persona" aggiunge la collega che la conosce da quando è entrata. Da quando la gestione era svedese, racconta, e, poi, è diventata italiana. "C'è stato un grande cambiamento, in peggio. Lavora da noi da 17 anni e posso dire che si è sempre data da fare. Nonostante occuparsi dei due figli non fosse facile, si è anche laureata. Mi sembra in Scienza dell'Alimentazione o in qualcosa di correlato. Ha sempre voluto crescere all'interno nel reparto Food in particolare e gli hanno dato l'opportunità di farlo".

Licenziamenti Ikea, l'azienda: "Non c'era più fiducia"

Marica ha seguito un percorso come vice responsabile nell'azienda, superando la prova e diventando coordinatore. "Era nel bistrot, nel baretto dove c'è la bottega svedese. A un certo punto, questa estate i suoi responsabili le hanno proposto di passare al primo piano, al ristorante sempre in veste di coordinatrice. Ha accettato, ma ha anche chiesto che non venissero stravolti i suoi orari di lavoro perché deve portare il piccolo in un centro specializzato, dove segue una terapia". I turni, arrivati via e-mail, però, non erano quelli che aveva chiesto. "Da quel che ho capito due erano le giornate 'incriminate' con l'orario 7-15, impossibile da conciliare con la difficile vita familiare - spiega la collega -. Ha chiesto che i giorni venissero cambiati, avvicinandoli al weekend, quando i bambini erano con il padre". Da qui l'inizio di un "rimpallo delle responsabilità". Prima da un capo, poi, da un altro e ancora un altro. "Da noi ci sono tante teste - dice Marta -, ma nessuno ha preso la decisione di andarle incontro". Ha deciso, allora, di rivolgersi al sindacato, la Filcams Cgil, che ha scritto per due volte all'ufficio del personale, ma la risposta, dichiara il sindacato, "non c'è stata". Per due volte è arrivata alle 9 al posto che alle 7 come da turni ed è questa la ragione del richiamo scritto del 3 ottobre. Il 13 novembre è arrivata la convocazione per dare spiegazioni che, evidentemente, non devono aver convinto i superiori visto che una settimana dopo è stata licenziata.

A decidere tutto alla fine è stato l'algoritmo Ikea che stabilisce i turni per i 6500 dipendenti di semestre in semestre. "C'è un cervellone da circa un anno che centralizza gli orari, tenendo conto delle festività come il nostro patrono Sant'Ambrogio, delle condizioni climatiche, 'se piove c'è più gente', dei giorni in cui arrivano gli stock delle merci, 'servono più magazzinieri', ferie, permessi e le esigenze di ogni singolo reparto per arrivare a creare una rotazione perfetta da comunicare ai vari capi. Funziona così". L'algoritmo detta, quindi, legge ma fino a un certo punto. "In linea di massima il responsabile lo accetta, difficilmente a meno che non sia 'cuor di leone' decide di cambiarlo - sospira Marta -. Una volta se ne parlava tra noi e, se c'era un problema grave, si risolveva: ora non è sempre così. Dipende da chi hai sopra". Da Ikea fanno sapere che non è "pensabile che nel 2017 si possano ancora fare a mano i turni di 6500 persone" e aggiungono, suggerendo quella che avrebbe potuto essere la soluzione, che la "prassi dei cambi di turno tra colleghi concordati con i responsabili è normale" tanto che se ne registrano nel solo centro di Corsico con 450 dipendenti ben "1800 al mese". E la collega Marta in questo sembra dargli ragione. "Il problema non sono le macchine, ma chi sta a guardare", conclude, facendo notare che se "è normale che un algoritmo dimentichi il fattore umano", ci dovrebbe essere sempre "qualcuno con il dovere di ricordarlo".