Ars, incardinati bilancio e finanziaria

ARS

11.04.2017-  L’Ars ha incardinato nella seduta di questo pomeriggio il bilancio e la finanziaria. Il termine per la presentazione degli emendamenti è stato fissato per venerdì 14 aprile alle ore 12. L’esame riprenderà martedì 18 aprile e si andrà avanti no stop fino all’approvazione che deve avvenire entro il 30 aprile, data in cui scade l’esercizio provvisorio. Il “collegato” sarà discusso dopo il 30 aprile.Il Presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, in apertura di seduta, ha comunicato che la Presidenza ha stralciato dalla finanziaria 10 norme. Altri dieci articoli sono stati “posticipati”, poichè faranno parte di un ddl stralcio. Per alcune altre norme la presidenza invita il Governo ad una rimodulazione. La legge di stabilità risulta alla luce degli stralci composta da 34 articoli. Gli stralci sono stati effettuati dalla presidenza “nel rispetto della giurisprudenza costituzionale per finanziamenti in favore di destinatari specifici e nel rispetto delle competenze regionali e alla compatibilità con la normativa europea”.  Sostanzialmente le norme cassate non rispettano i principi di generalità e astrattezza.“Abbiamo operato questi stralci -ha detto Ardizzone -. Tuttavia in questa finanziaria sono presenti i provvedimenti più importanti come quelli per gli enti locali, i liberi consorzi, i disabili, gli sportellisti e le partecipate”‎.
Tra lo norme cassate, alcune disposizioni che riguardano Comuni e Liberi Consorzi, quelle sul 'Bellini Teatro Festival' di Catanià e per il 'Placido Mandanici Teatro Festival' di Barcellona Pozzo di Gotto.Altre norme, come ad esempio quelle su Consorzi universitari, Ersu, Fiera di Messina, corpo forestale e ufficio stampa della Presidenza della Regione vengono spostate nel cosiddetto testo collegato mentre alcuni articoli, come quello sull'Aras, sono da riformulare.

Ai deputati intervenuti per chiedere che il collegato fosse discusso contestualmente a Bilancio e Finanziaria, Ardizzone ha replicato che “l’Ars non finisce la sua attività il 30 aprile, la legislatura continua ed il collegato può essere approvato successivamente. Il collegato non può contenere norme che siano in contrasto tra loro. Le norme vanno razionalizzate. Facciamo intanto una buona finanziaria, il lavoro della Commissione Bilancio sul collegato non verrà meno”.
In aula il Presidente della Commissione Bilancio Vincenzo Vinciullo, dopo una breve sospensione della seduta, ha svolto la relazione del Bilancio e della Finanziaria, alla luce degli stralci operati. “Sarebbe il caso – ha detto Vinciullo – di approvare anche il collegato, nel rispetto dell’ultimo comma dell’art. 7 del d.l. 118. La commissione che presiedo non ha alcuna difficoltà a lavorare anche nel fine settimana se questo può significare approvare il collegato entro il 30 aprile, certamente dopo aver approvato finanziaria e bilancio”. Infine i lavori sono stati rinviati a martedì 18 aprile alle ore 16.La manovra economica sarà esaminata in aula a partire da martedì prossimo, 18 aprile con soli 12 giorni di amrgien rispetto alla scadenza dei termini con soli otto giorni realmente utili per lavorare.

Come sempore la finanziaria sarà frutto di norme scritte e modificate di corsa perchè il tempo stringe.